A.N.P.T.ES.  Associazione Nazionale Per la Tutela degli Espropriati  Sito 3

Per effettuare una ricerca personalizzata clicca qui: Vai alla ricerca personalizzata >
Se vuoi tornare alla HOME del repertorio clicca qui:  Torna alla HOME >
Per tornare indietro: Usa il tasto indietro del tuo navigatore
CASO: CASE OF INTERNATIONAL BANK FOR COMMERCE AND DEVELOPMENT AD AND OTHERS v. BULGARIA
TIPOLOGIA: Sentenza NUMERO: 7031/05/2016 DATA: 02/06/2016
LIVELLO DI IMPORTANZA: 2 (media) STATO: Bulgaria ORGANO: Sezione Quinta
ARTICOLI: 41,13,35,06,37,P1-1
 
TESTO ORIGINALE TESTO TRADOTTO

AVVISO IMPORTANTE
da leggere con attenzione prima di esaminare la sentenza

Le sentenze della Corte Europea sono liberamente disponibili sul sito ufficiale della Corte.

La Corte Europea, pero',   pronuncia le sue sentenze soltanto in lingua francese ed a volte in lingua inglese.


Per consentire agli espropriati che non conoscono queste lingue di avere un'idea di cio' che dice la Corte Europea, l'Associazione ha attivato un software di traduzione automatica delle sentenze; molte delle sentenze segnalate agli espropriati sono, quindi,  tradotte prevalentemente con programmi di traduzione automatica che, sebbene di qualita' molto elevata, servono soltanto a dare  un'idea di cio' che dice la Corte Europea a chi non conosce la lingua.
Chi fosse interessato ad un documento perfettamente tradotto, deve rivolgersi ad un traduttore specializzato in testi giuridici; se non ne dispone, puo' chiedere all'Associazione di segnalargliene uno; si badi pero' che i testi in italiano, anche se tradotti da un traduttore specializzato, non sono testi ufficiali.


Si ricorda che i testi ufficiali sono esclusivamente quelli in lingua francese o inglese e che gli Avvocati e i Tecnici che assistono gli espropriati devono utilizzarli esclusivamente nelle lingue ufficiali.
 

NOTE
I dati identificativi dei soggetti privati vengono omessi in ottemperanza alle disposizioni di legge (art 52 comma 1 d.lgs. 30 giugno 196, c.d. legge sulla privacy); questo repertorio e' un'appendice dell'opera I Diritti degli Espropriati - quali sono - come evolvono - norme italiane e norme europee - gli obblighi della P.A. - le posizioni dei Giudici, e puo' essere utilizzato senza alcun costo e senza limitazioni.




Conclusions: Preliminary objection joined to merits and dismissed (Article 35-1 - Exhaustion of domestic remedies)
Remainder inadmissible Violation of Article 1 of Protocol No. 1 - Protection of property (Article 1 para. 2 of Protocol No. 1 - Control of the use of property) Violation of Article 1 of Protocol No. 1 - Protection of property (Article 1 para. 2 of Protocol No. 1 - Control of the use of property) Violation of Article 6 - Right to a fair trial (Article 6 - Civil proceedings Article 6-1 - Access to court Fair hearing
Adversarial trial) Violation of Article 1 of Protocol No. 1 - Protection of property (Article 1 para. 2 of Protocol No. 1 - Control of the use of property) Violation of Article 13 - Right to an effective remedy
Pecuniary damage - claim dismissed (Article 41 - Pecuniary damage
Just satisfaction) Non-pecuniary damage - claim dismissed (Article 41 - Non-pecuniary damage Just satisfaction)


FIFTH SECTION





CASE OF INTERNATIONAL BANK FOR COMMERCE AND DEVELOPMENT AD AND OTHERS v. BULGARIA

(Application no. 7031/05)











JUDGMENT



STRASBOURG

2 June 2016


Request for referral to the Grand Chamber pending

This judgment will become final in the circumstances set out in Article 44 § 2 of the Convention. It may be subject to editorial revision.

TABLE OF CONTENTS
PROCEDURE 1
THE FACTS 3
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE 3
A. The bank’s shareholders and management 3
B. The general meetings of the bank’s shareholders on 24 and 27 June 2004 3
C. The Sofia City Court’s decisions to register the resolutions adopted at the two general meetings of shareholders 5
D. The criminal proceedings against Mr Bonev, Mr Panev and Mr Ivanov 6
1. The proceedings against Mr Bonev, Mr Panev and Mr Ivanov 6
2. The proceedings against Mr Panev and Mr Ivanov 7
E. The service contracts between the bank and Mr Panev, Mr Ivanov and Mr Radev and their attempt to take up office 8
F. The proceedings before the prosecuting authorities 8
G. The share transfer 10
H. The legal challenges against the Sofia City Court’s registration decisions 11
1. The requests for revision 11
2. The claims under section 74 of the Commerce Act 1991 11
I. Measures taken by the BNB in relation to the bank 12
J. The bank’s winding-up 15
K. The freezing of Mr Panev’s and Mr Ivanov’s bank accounts 16
II. RELEVANT DOMESTIC LAW 17
A. The register of companies and legal challenges against entries in it and against resolutions of the general meeting of a company’s shareholders 17
B. Powers of the prosecuting authorities under section 119(1)(6) of the Judiciary Act 1994 17
C. The BNB’s powers in relation to commercial banks and the rules governing bank insolvency 17
D. Freezing of the assets of managers of insolvent banks 19
THE LAW 19
I. PRELIMINARY PROCEDURAL POINTS 19
II. STANDING TO COMPLAIN ON BEHALF OF THE BANK 20
III. THE PROSECUTING AUTHORITIES’ DECISIONS WITH RESPECT TO THE BANK’S MANAGEMENT 21
Article 1 of Protocol No. 1 (protection of property) 21
Article 6 § 1 of the Convention (right to a fair hearing) 21
Article 13 of the Convention (right to an effective remedy) 21
A. The parties’ submissions 22
B. The Court’s assessment 22
IV. THE REVOCATION OF THE BANK’S LICENCE 23
A. The parties’ submissions 23
B. The Court’s assessment 24
V. THE PROCEEDINGS IN WHICH THE BANK WAS DECLARED INSOLVENT 25
A. The parties’ submissions 25
B. The Court’s assessment 25
VI. THE FREEZING OF MR PANEV’S AND MR IVANOV’S BANK ACCOUNTS 27
A. The parties’ submissions 27
B. The Court’s assessment 27
VII. THE CRIMINAL PROCEEDINGS 29
A. The parties’ submissions 29
B. The Court’s assessment 29
VIII. THE TRAVEL BANS 31
A. The parties’ submissions 31
B. The Court’s assessment 32
IX. OTHER ALLEGED VIOLATIONS OF THE CONVENTION AND PROTOCOL No. 1 32
X. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION 34
A. Pecuniary damage 34
B. Non-pecuniary damage 36
C. Costs and expenses 37
D. Default interest 38
APPENDIX 41


In the case of International Bank for Commerce and Development AD and Others v. Bulgaria,
The European Court of Human Rights (Fifth Section), sitting as a Chamber composed of:
Angelika Nußberger, President,
Khanlar Hajiyev,
Erik Møse,
Yonko Grozev,
Síofra O’Leary,
Carlo Ranzoni,
M?rti?š Mits, judges,
and Claudia Westerdiek, Section Registrar,
Having deliberated in private on 26 April 2016,
Delivers the following judgment, which was adopted on that date:
PROCEDURE
1. The case originated in an application (no. 7031/05) against the Republic of Bulgaria lodged with the Court under Article 34 of the Convention for the Protection of Human Rights and Fundamental Freedoms (“the Convention”) on 17 February 2005.
2. The application was in the first place lodged on behalf of OMISSIS (“the bank”), a company founded in 1991 that had its registered office in Sofia, Bulgaria. On 28 May 2005 the Bulgarian National Bank (“the BNB”) placed the bank under compulsory administration, and on 14 June 2005 revoked its licence (see paragraphs 64 and 67 below). On 29 June 2005 the Sofia City Court declared the bank insolvent and made an order for it to be wound up. On 17 August 2007 the same court closed the winding-up proceedings in respect of the bank and struck it out of the register of companies (see paragraph 72 below). The application was introduced on the bank’s behalf by the remaining applicants.
3. The first of those applicants, OMISSIS, is a Bulgarian and Swiss national born in 1960 and living in Sofia. He was a shareholder in the bank (see paragraph 11 below).
4. The second and third of those applicants, OMISSIS, are Bulgarian nationals born respectively in 1963 and 1937 and living respectively in Sofia and Varna. They said that on 24 and 27 June 2004 they had been appointed as members of the bank’s executive board (see paragraphs 16 and 17 below).
5. The fourth of those applicants, OMISSIS, is a Bulgarian national born in 1961 and living in Sofia. He said that on 24 and 27 June 2004 he had been appointed as executive director of the bank and chairman of its executive board (see paragraphs 16 and 17 below).
6. The application was initially lodged also on behalf of twenty companies which were likewise shareholders in the bank (see paragraph 11 below):
OMISSIS
In a letter of 16 November 2005 those companies said that they wished to withdraw their complaints because they had transferred all of their shares in the bank to Mr Bonev (see paragraph 51 below), and because OMISSIS’s failure to pay for those shares had become an internal issue between them following the placing of the bank in insolvent liquidation.
7. The applicants were represented by OMISSIS, lawyers practising in Sofia. The Bulgarian Government (“the Government”) were represented by their Agent, Ms M. Dimova, of the Ministry of Justice.
8. The applicants alleged, in particular, that (a) the prosecuting authorities had unlawfully interfered with the bank’s management; (b) the revocation of the bank’s licence by the BNB had been unlawful; (c) the proceedings in which the bank had been declared insolvent had not been fair; and (d) the freezing of OMISSIS personal bank accounts had been disproportionate and not subject to review.
9. On 25 September 2012 the Court decided to give the Government notice of the application.
10. The Swiss Government, having been apprised of their right to intervene in the case in view of OMISSIS Swiss nationality (Article 36 § 1 of the Convention and Rule 44 § 1 of the Rules of Court), said, in a letter of 2 October 2012, that they did not wish to avail themselves of that opportunity.
THE FACTS
I. THE CIRCUMSTANCES OF THE CASE
A. The bank’s shareholders and management
11. The bank was founded and entered in the register of companies in 1991. According to the BNB’s records, its shareholders on 31 March 2004 were the second applicant, OMISSIS, who held 4.98% of the shares; his brother, Mr P.E.B., who also held 4.98% of the shares; the twenty companies listed in paragraph 6 above, each of which held between 4.98% and 2.81% of the shares; a Mr B.P., who held 0.19% of the shares; and a Mr P.B., who held 1.20% of the shares (for a full breakdown, see the Appendix).
12. At the material time the bank had a two-tier management system, consisting of an executive board and a supervisory board. Mr Panev and Mr Ivanov were members of the executive board between 30 May 2003 and 5 April 2004. In May and June 2004 Mr B.P. (see paragraph 11 above) was member of the bank’s executive board and one of its executive directors.
B. The general meetings of the bank’s shareholders on 24 and 27 June 2004
13. In early 2004 tensions arose among the bank’s shareholders and between some of the shareholders and the bank’s management. On 18 March 2004 Mr Bonev and Flavors, Fragrances and Chemicals (FFCH) Ltd, acting in their capacity as shareholders who had held more than five per cent of the bank’s shares for more than three months, asked the executive board to call a general meeting of shareholders with a view to adopting amendments to the bank’s articles of association, reducing the number of members of the bank’s executive and supervisory boards, and replacing some of the boards’ members. The same day the executive board agreed to call such a meeting, but on 23 March 2004 the supervisory board set its resolution aside and called a general meeting of shareholders with a different order of business, to be held on 24 June 2004.
14. Thereupon Mr Bonev, Card Transaction Services Ltd, Flavors, Fragrances and Chemicals (FFCH) Ltd, Geneltech Ltd, General Foods Int’l Corp, Industrial Finance Int’l Corp, Megatours-A New Dimension in Travel-Inc, Petrofinance Ltd and V.V.V. Holdings Corp, acting in their capacity as shareholders who had held more than five per cent of the bank’s shares for more than three months, applied to the Sofia City Court for an order adding the points that they wished to have included on the general meeting’s order of business. On 14 May 2004 the chairman of the bank’s executive board and one of its executive directors objected to the request, saying that according to the bank’s register of shareholders, the persons who had made the request did not hold enough shares to be entitled to make one, and that the companies which had made the request had not produced proper credentials. On 8 June 2004 the Sofia City Court made an order in the terms sought by Mr Bonev and the companies, noting that they had proved that they had held the required number of shares for more than three months through notarised declarations.
15. Separately, Mr Bonev and Flavors, Fragrances and Chemicals (FFCH) Ltd, again acting in their capacity as shareholders who had held more than five per cent of the bank’s shares for more than three months, asked the Sofia City Court to authorise them to call a separate general meeting of shareholders, with the order of business that they wished to have. To establish their capacity as shareholders, they enclosed with their request provisional share warrants issued in 2003. On 17 May 2004 the Sofia City Court upheld the request. On 20 and 26 May 2004 the chairman of the bank’s executive board and one of its executive directors, Mr B.P., asked the court to vary its order, arguing that the provisional share warrants had not been registered in the bank’s register of shareholders, and that the documents enclosed with the applicants’ request had not been issued by persons authorised to act on the bank’s behalf. On 20 and 28 May 2004 the court refused to vary its order, holding that by law that was not possible.
16. On 24 June 2004 proxies representing the twenty companies listed in paragraph 6 above showed up at the bank’s premises with a view to taking part in the general meeting of shareholders. Mr P.E.B, Mr B.P. and Mr P.B., who between them held 6.37% of the bank’s shares, were also represented. The polling commission entrusted by the bank’s executive board to check the shareholders’ credentials refused to accept the provisional share warrants through which the twenty companies sought to establish their capacity as shareholders. Concluding that only 6.37% of the shares were duly represented, the commission decided to adjourn the meeting for another date. A dispute ensued, and the twenty companies’ proxies held a parallel general meeting in the stairwell of the bank’s building. They resolved to amend the bank’s articles of association, reduce the number of members of its executive and supervisory boards from five to three, remove four members of the supervisory board and four members of the executive board, including Mr B.P., and appoint two new members of the supervisory board and three new members of the executive board, who were to be also executive directors: the applicants Mr Panev, Mr Ivanov and Mr Radev.
17. On 27 June 2004 Mr Bonev’s and the twenty companies’ proxies tried to hold another general meeting of shareholders at the Sofia Hilton hotel, as authorised by the Sofia City Court (see paragraph 15 above). Mr P.E.B, Mr B.P. and Mr P.B. were also represented. The police showed up, trying to seize the provisional share warrants which Mr Bonev’s and the twenty companies’ proxies were supposed to use to establish their capacity as shareholders, but could apparently not find them. The police were acting on an order issued by the prosecuting authorities in connection with criminal proceedings concerning the genuineness of those warrants, which they had opened pursuant to complaints by Mr B.P. (see paragraph 22 below). In view of the failure of the proxies to produce valid share warrants, the polling commission entrusted by the bank’s executive board to check the shareholders’ credentials found that only 6.37% of the shares were duly represented and decided to adjourn the meeting for another date. However, Mr Bonev’s and the twenty companies’ proxies held a parallel general meeting in an adjoining room, and adopted the same resolutions as the ones adopted on 24 June 2004.
C. The Sofia City Court’s decisions to register the resolutions adopted at the two general meetings of shareholders
18. On 16 August 2004 the Sofia City Court, sitting in private, decided to enter the changes resolved upon at the general meeting on 24 June 2004 (see paragraph 16 above) in the register of companies. The court found that the change in the bank’s management and the amendment of its articles of association had been duly carried out. It registered the amendment to the bank’s articles of association and the reduction of the number of members of its executive and supervisory boards from five to three. The court also struck out of the register four members of the supervisory board and four members of the executive board, including Mr B.P., and registered two new members of the supervisory board and three new members of the executive board, who were also to be executive directors: the applicants Mr Panev, Mr Ivanov and Mr Radev. Lastly, the court registered Mr Panev as chairman of the executive board. The court specified that its decision was to be entered in the register of companies and published, and that it was not subject to appeal.
19. The court’s decision was entered in the register of companies the afternoon of the following day, 17 August 2004. In the morning a notary sent to the register of companies by Mr B.P. certified that the decision had not yet been entered in the register. The same day the court issued a certificate reflecting the changes in the bank’s registration.
20. On 24 August 2004 the Sofia City Court, sitting in private, decided to enter the changes and amendments resolved upon at the general meeting on 27 June 2004 (see paragraph 17 above) in the register of companies. The court found that the changes in the bank’s management and the amendment of its articles of association had been duly made. The changes registered by the court were identical to the ones registered with its decision of 16 August 2008 (see paragraph 18 above).
21. Subsequently, Mr B.P. and Mr P.B. sought revision of those two decisions and brought claims for the annulment of the shareholder resolutions whose registration they ordered (see paragraphs 52-58 below).
D. The criminal proceedings against Mr Bonev, Mr Panev and Mr Ivanov
1. The proceedings against Mr Bonev, Mr Panev and Mr Ivanov
22. On 19 May 2004 Mr B.P. wrote to the police and to the Sofia District Prosecutor’s Office, alleging that the provisional share warrants on which Mr Bonev and Flavors, Fragrances and Chemicals (FFCH) Ltd had relied to obtain the court order of 17 May 2004 (see paragraph 15 above) were false and did not correspond to the entries in the bank’s register of shareholders. He pointed out that the warrants had been signed by Mr Panev and Mr Ivanov, and asked the authorities to open criminal proceedings and check whether any criminal offences had been committed in relation to that.
23. On 4 June 2004 the police issued an order for Mr Panev’s arrest for twenty-four hours. He was arrested and released later the same day. It does not appear that he has attempted to seek judicial review of his detention.
24. In the following days Mr Panev and Mr Ivanov were charged with making false private documents. Mr Bonev was, for his part, charged with using a false official document. The charges were later amended: Mr Panev and Mr Ivanov were charged with making false official documents, and Mr Bonev was charged with knowingly using a false document.
25. On 11 June 2004 the Sofia District Prosecutor’s Office, noting that Mr Panev and Mr Ivanov had in the past four years travelled extensively out of the country, which in its view meant that they could seek to evade criminal liability by fleeing abroad, banned them from leaving the country. On 23 July 2004 it made the same decision with respect to Mr Bonev.
26. On 29 December 2004 the Sofia District Prosecutor’s Office turned down Mr Bonev’s, Mr Panev’s and Mr Ivanov’s requests that the travel bans be lifted. It reasoned that, in view of the advanced stage of the pre-trial proceedings, their prolonged absence from the country might cause delays.
27. The preliminary investigation was completed in the end of December 2004 and on 11 January 2005 the three applicants were indicted. However, finding that the indictment suffered from various defects, on 25 January 2005 the Sofia District Court referred the case back to the prosecuting authorities.
28. On 14 June 2005 the Sofia District Prosecutor’s Office turned down a request by Mr Bonev to be allowed to travel to Switzerland for business meetings in July, August, September and October 2005.
29. On 27 June 2005 the Sofia District Prosecutor’s Office re-submitted the indictment, and on 22 July 2005 the Sofia District Court set the case down for trial on 6 December 2005.
30. In the meantime, on 11 July 2005 the Sofia District Court refused a request by Mr Bonev to be allowed to travel to Switzerland for business meetings. It held that there was no evidence that he had a pressing need to travel there. However, on 21 September and 19 October 2005 the court allowed Mr Bonev to travel abroad in October and the first half of November 2005 respectively. On 27 October 2005 it allowed him to travel to Turkey in the end of November 2005 for a business seminar.
31. The Sofia District Court heard the case on 6 December 2005 and 14 March, 5 June and 19 October 2006.
32. At the hearing on 6 December 2005, noting that Mr Bonev had duly appeared and had not attempted to flee during the investigation, the court allowed him to travel abroad during the period until the following hearing. On 17 February 2006 the court allowed Mr Bonev to travel to Belgium in the second half of March 2006 for business meetings.
33. On 4 April, 26 April and 5 May 2006 respectively the Sofia District Court lifted the travel bans imposed on Mr Bonev, Mr Panev and Mr Ivanov.
34. On 19 October 2006 the Sofia District Court acquitted Mr Panev, Mr Ivanov and Mr Bonev. Its judgment was not appealed against and became final on 4 November 2006.
2. The proceedings against Mr Panev and Mr Ivanov
35. On 14 and 18 October 2004 respectively Mr Ivanov and Mr Panev were charged with forgery offences in connection with their participation in the general meeting of shareholders of the bank on 24 June 2004 (see paragraph 16 above). On 18 January 2005 the Sofia District Prosecutor’s Office banned them from leaving the country. Four other persons were charged as well.
36. On 13 April 2005 Mr Panev, Mr Ivanov and their co-accused were indicted. However, finding that the indictment suffered from various defects, on 3 June 2005 the Sofia District Court referred the case back to the prosecuting authorities.
37. On 27 November 2005 the Sofia District Prosecutor’s Office re submitted the indictment. The Sofia District Court heard the case on four unspecified dates in 2005-06.
38. On an unspecified date in the autumn of 2005 Mr Panev and Mr Ivanov asked the Sofia District Court to lift the travel bans. In a decision of 24 November 2005 the court refused their request, but on 4 April 2006 lifted the bans.
39. On 11 July 2006 the Sofia District Court acquitted Mr Panev, Mr Ivanov and their four co-accused. On 25 July 2006 the prosecution appealed but then withdrew its appeal, and on 18 December 2006 the Sofia City Court discontinued the appeal proceedings.
E. The service contracts between the bank and Mr Panev, Mr Ivanov and Mr Radev and their attempt to take up office
40. On 16 August 2004 Mr Panev, Mr Ivanov and Mr Radev entered into service contracts with the bank, represented by a member of its supervisory board. They undertook to sit on the bank’s executive board for three years following the registration of the resolutions of the general meeting of shareholders to appoint them as members of that board. In return, each of them was to receive a monthly salary of 10,000 Bulgarian levs (BGN) plus a host of other benefits.
41. The same day Mr Panev and Mr Ivanov tried to take up their duties, but the bank’s former management refused to vacate their offices and called the police, saying that they were not aware of any resolution to remove them. The next day, 17 August 2004, the bank’s former management forced the applicants out of the bank’s building, with help from the police. It appears that the police were acting on orders from the prosecuting authorities (see paragraph 42 below).
F. The proceedings before the prosecuting authorities
42. On 17 August 2004 the Sofia City Prosecutor’s Office ordered the police to assist Mr B.P. in preventing any changes in the status quo in the bank’s management and operations, and to warn Mr Panev, Mr Ivanov and Mr K.Y., a newly registered member of the bank’s supervisory board, to refrain from any actions in relation to that until the matter had been duly resolved by the competent authorities. It relied on section 119(1)(6) of the Judiciary Act 1994 (see paragraph 77 below), and reasoned that the Sofia City Court’s decision of 16 August 2004 (see paragraph 18 above) was being verified by the Sofia District Prosecutor’s Office, that the record drawn up by the notary public (see paragraph 19 above) made it apparent that that decision had not been entered in the register of companies, which meant that it did not in fact exist, that Mr B.P. had applied to the Supreme Court of Cassation to reopen the proceedings and annul that decision (see paragraph 52 below), and that by trying to put the decision into effect Mr Panev, Mr Ivanov and Mr K.Y. were interfering with the bank’s normal business. The prosecutor found that, in view of the possibility for them to dispose of the bank’s documents and assets and imperil the interests of the bank’s depositors, that gave rise to a real risk of irreparable damage.
43. Mr Panev, Mr Ivanov and Mr K.Y. appealed to the Sofia Appellate Prosecutor’s Office, arguing that the order was unlawful and arbitrary. They pointed out that the Sofia City Court’s decision was valid and immediately enforceable, that no appeal lay against it to the Supreme Court of Cassation, and that the prosecuting authorities had no power to stay its enforcement. The question whether a judicial decision had been entered in the register of companies was to be established on the basis of official documents issued by the competent court, not of a record drawn up by a notary public outside his competence. The certificate issued by the Sofia City Court (see paragraph 19 above) showed that its decision had in fact been duly entered in the register of companies.
44. On 23 August 2004 the Sofia Appellate Prosecutor’s Office dismissed the appeal. It noted that the Sofia City Prosecutor’s Office had been spurred into action by information, given to it by the Sofia District Prosecutor’s Office, that the Sofia City Court’s decision to make changes in the bank’s registration might have been based on false documents. At the time when the Sofia City Prosecutor’s Office had issued its order, the Sofia City Court’s decision had not yet been entered in the register of companies. Proceedings against that decision were pending before the Supreme Court of Cassation. All of that showed that until the Sofia District Prosecutor’s Office had completed its inquiry into the matter or until the Supreme Court of Cassation had given judgment, there would continue to exist a risk of changes in the status quo and irreparable damage to the bank.
45. Mr Panev, Mr Ivanov and Mr K.Y. appealed to the Supreme Cassation Prosecutor’s Office, reiterating their arguments.
46. On 7 September 2004 the Supreme Cassation Prosecutor’s Office dismissed the appeal. It reasoned that it was beyond doubt that the prosecuting authorities were faced with a judicial decision under challenge and with evidence that that decision had been obtained through the use of false documents. Moreover, the decision had been issued in spite of a decision staying the registration proceedings and the existence of pending contentious proceedings. The appellants’ argument that the Supreme Court of Cassation had no jurisdiction to hear a legal challenge against the Sofia City Court’s decision was unavailing because the prosecuting authorities were not competent to make pronouncements on such points. Faced with pending judicial proceedings and a pending criminal investigation, they were bound to take measures to prevent changes in the status quo before any judicial resolution of the matter. The appellants’ attempts to change that status quo were premised on rights acquired through a judicial decision based on false documents. It was necessary for the judiciary to check the lawfulness of that decision and for the investigating authorities to gather evidence with a view to uncovering the truth. The bank had to be protected against damage flowing from offences that had already been committed and from the risk of future offences. The prerequisites of section 119(1)(6) of the Judiciary Act 1994 (see paragraph 77 below) were therefore in place.
47. Mr Panev, Mr Ivanov and Mr K.Y. appealed to the Chief Prosecutor, arguing that the prosecuting authorities had acted in a patently unlawful way and in excess of their powers. Their decisions had been based on false findings of fact, and on the finding – not based on a final conviction – that offences had been committed by them.
48. On 28 September 2004 the head of the economic crime division of the Supreme Cassation Prosecutor’s Office, to whom the case had been assigned, dismissed the appeal. He reasoned that the prosecuting authorities had acted lawfully and within their powers under section 119(1)(6) of the Judiciary Act 1994 (see paragraph 77 below). The Sofia District Prosecutor’s Office was investigating the making of false documents with a view to obtaining changes in the bank’s registration, and the Sofia City Court’s decision had been challenged before the Supreme Court of Cassation. There had therefore been a need to preserve the status quo with a view to ensuring the normal operation of the bank.
49. The same day, 28 September 2004, the Sofia District Prosecutor’s Office ordered the police to take measures to ensure compliance with the Sofia City Prosecutor’s Office’s order of 17 August 2004 (see paragraph 42 above) and the preservation of the status quo in the bank. It noted that criminal proceedings had been instituted against members of the bank’s newly appointed management in relation to documentary offences, and that information existed that a group of persons had tried to enter the bank’s premises. Mr B.P. and the applicants Mr Panev and Mr Ivanov had complained to the prosecuting authorities in relation to that. Since the criminal proceedings concerned allegations of using false documents to obtain judicial decisions to make entries in the register of companies, it was appropriate to maintain the status quo pending the resolution of the case. Indeed, this had already been ordered by the higher prosecutor’s offices, whose decisions were mandatory for the Sofia District Prosecutor’s Office. The decision did not mention the legal provisions on which it was based.
50. In the following months Mr Bonev wrote a number of letters to the Chief Prosecutor and tried to meet him in person with a view to obtaining the quashing or varying of the above prosecutors’ decisions, to no avail. He also lodged complaints with the Minister of Justice and the Supreme Judicial Council.
G. The share transfer
51. On 25 August 2004 the twenty companies listed in paragraph 6 above transferred their shares to Mr Bonev by endorsing the provisional share warrants issued in 2003. As a result, he became the owner of 93.63% of the bank’s shares. The companies submitted that Mr Bonev paid part of the shares’ price immediately and undertook to pay the remainder when the transfer would be registered in the bank’s register of shareholders. The companies submitted that they could not obtain the remainder of the price because the bank’s former management, who were de facto running the bank by virtue of the prosecutors’ decisions outlined in paragraphs 42-49 above, refused to register the transfer.
H. The legal challenges against the Sofia City Court’s registration decisions
1. The requests for revision
52. On an unspecified date in 2004 Mr B.P. and Mr P.B. sought revision of the Sofia City Court’s decisions of 16 and 24 August 2004 (see paragraphs 18 and 20 above).
53. In two decisions of 4 February 2005 (???. ? 6 ?? 04.02.2005 ?. ?? ??. ?. ? 554/2004 ?., ???, ? ?. ?., and ???. ? 7 ?? 04.02.2005 ?. ?? ??. ?. ? 483/2004 ?., ???, ? ?. ?.) a three-member panel of the Supreme Court of Cassation refused to examine the requests, holding that judicial decisions making entries in the register of companies were not subject to revision. Such decisions did not determine disputes between opposing litigants and did not enjoy res judicata. The proper way to contest entries in the register of companies obtained by criminal means was by way of a claim under Article 431 § 2 of the Code of Civil Procedure 1952 aiming to have the entries erased under Article 498 of that Code (see paragraph 76 below). Mr B.P. and Mr P.B. appealed. In two decisions of 28 June 2005 (???. ?? 28.06.2005 ?. ?? ??. ?. ? 53/2005 ?., ???, ?????. ?-?, and ???. ? 28 ?? 28.06.2005 ?. ?? ??. ?. ? 52/2005 ?., ???, ?????. ?-?) a five-member panel of the Supreme Court of Cassation upheld the three-member panel’s rulings, fully agreeing with them.
2. The claims under section 74 of the Commerce Act 1991
54. In the meantime, Mr B.P. and Mr P.B. brought claims against the bank under section 74 of the Commerce Act 1991 (see paragraph 76 below), asking the Sofia City Court to annul the resolutions of the general meetings of shareholders held on 24 and 27 June 2004 (see paragraphs 16 and 17 above).
55. In two judgments of 28 February and 7 March 2005, the Sofia City Court allowed the claims and annulled all resolutions adopted by the two meetings. It found that the meetings had been adjourned by the polling commission for lack of quorum and had not taken place, and that the parallel meetings had not been valid, chiefly because the persons who had taken part in them had not established their capacity as shareholders on the basis of valid provisional share warrants.
56. Following appeals by the bank, represented by the management appointed in June 2004 (see paragraphs 16 and 17 above) and registered by the Sofia City Court in August 2004 (paragraphs 18-20 above), on 16 and 19 June 2006 respectively the Sofia Court of Appeal quashed those judgments and dismissed the claims. It found that the persons who had held the parallel meetings had in fact represented 93.62% of the bank’s capital. The bank’s records, which fully matched those of the BNB, and a document issued by Mr B.P. in his capacity as executive director on the day of the meeting, showed that they had indeed been shareholders in it.
57. On appeals by Mr B.P. and Mr P.B., in two judgments of 7 June and 3 July 2007 (???. ? 111 ?? 07.06.2007 ?? ?. ?. ? 598/2006 ?., ???, ? ?. ?., and ???. ? 113 ?? 03.07.2007 ?? ?. ?. ? 600/2006 ?., ???, ? ?. ?.) the Supreme Court of Cassation quashed the Sofia Court of Appeal’s judgments and annulled the resolutions of the two general meetings. It held that, where nominative shares which had still not been issued were concerned, the only way of proving that a person was a shareholder entitled to take part in a general meeting was by producing a valid provisional share warrant. This had not happened at the two meetings. They had therefore been held by persons whose capacity as shareholders had not been duly established, and all resolutions adopted by them were unlawful.
58. On 27 June and 18 July 2007 the Sofia City Court, acting of its own motion (see paragraph 76 below), and noting that the resolutions of the general meetings of 24 and 27 June 2004 had been ultimately annulled by the Supreme Court of Cassation, erased the entries in the register of companies relating to those resolutions.
I. Measures taken by the BNB in relation to the bank
59. Between September 2004 and April 2005 the applicants repeatedly asked the BNB to exercise its supervisory powers and take measures to resolve the bank’s situation. On 4 October 2004 the BNB wrote to the Chief Prosecutor with a view to elucidating the effect of the prosecutors’ decisions outlined in paragraphs 42-49 above on the bank’s management, but apparently did not receive a reply.
60. On 10 February 2005 the BNB’s deputy-governor in charge of banking supervision noted that Mr Panev and Mr Ivanov, who had been duly registered as members of the bank’s executive board, were being prevented from carrying out their duties as a result of the decisions of the prosecuting authorities (see paragraphs 42-49 above). That made it impossible for the bank’s executive board to function. The attempts to approach the Chief Prosecutor with a view to solving the problem had proved unfruitful. At the same time, a check of the bank’s finances carried out in December 2004 showed that its credit portfolio was deteriorating due to the ever more frequent failure of its debtors to service considerable loans extended by the bank, and that the bank was not carrying out proper credit risk assessments. All of that seriously affected its stability and the interests of its creditors and depositors. It was therefore necessary to take urgent measures to solve the problem with the bank’s management. The BNB’s deputy-governor accordingly decided to call a meeting of the bank’s supervisory board on 11 February 2005 with a view to taking measures, possibly including replacing the members of the bank’s executive board, that could allow the bank to be effectively managed. The order specified that it was immediately enforceable and not subject to judicial review.
61. The next day, 11 February 2005, the bank’s supervisory board held a meeting at which it resolved to relieve Mr Ivanov of his duties as executive director of the bank and member of its executive board, and to appoint a Mr S.S. in his stead. The board noted that Mr Ivanov’s removal was not due to any failure on his part but to factors beyond the bank’s control. The next day, 18 February 2005, the BNB informed the bank that it gave its regulatory approval to the changes in the bank’s executive board.
62. On 18 February 2005 Mr Panev and Mr S.S. asked the Sofia City Court to register the supervisory board’s resolution. On 17 March 2005 Mr B.P. and Mr Bonev’s brother, Mr P.E.B., acting in their capacity as shareholders in the bank, asked the court not to proceed with the registration pending the outcome of the proceedings in which Mr B.P. and Mr P.B. had challenged the resolutions of the general meetings of shareholders of 24 and 27 June 2004 (see paragraph 54 above). On 21 March 2005 the court upheld that latter request, noting that the general meeting’s resolutions under challenge included the one to appoint the supervisory board whose resolution the court was being asked to enter in the register of companies. This registration was therefore to be adjourned pending the outcome of the proceedings against the general meeting’s resolutions.
63. In the following months the BNB repeatedly instructed the bank to take steps to overcome its financial difficulties. On 4 May 2005 it noted that, contrary to a statutory rule prohibiting banks from exposing more than a quarter of their capital to any one debtor, the bank had, as early as July 2004, extended a large loan to a company. In spite of the BNB’s instructions to fix that, the bank later had, on the contrary, vastly increased its exposure to that company. It was also overly exposed to other debtors, and faced with a serious deterioration of its credit portfolio, with ever more frequent failures by its nine principal debtors to service their loans. That required the bank to increase its non-performing loan provisions, but doing so would deplete its capital to a level requiring revocation of its licence. The BNB therefore asked all persons engaged with running the bank to join efforts to remedy its situation, and instructed the bank immediately to bring its exposure into line with the statutory requirements and collect its overdue loans from nine companies and all of its loans from another company. The BNB also barred the bank from taking in new term deposits, except from shareholders, and warned it that failure to comply with those instructions would lead to harsher measures, including the appointment of special administrators or revocation of its licence.
64. On 28 May 2005 the BNB’s deputy-governor in charge of banking supervision decided to place the bank under compulsory administration and to appoint two special administrators to run it for three months. She noted that it had already been established that the bank’s financial situation had substantially deteriorated and that its capital was below the amount required by law, which called for immediate remedial action; in particular, the collection of some of the loans extended by the bank. Despite instructions to that effect by the BNB and a warning that failure to act would trigger harsher measures, the bank’s management had not taken such action. A report by an inspector appointed by the BNB showed that the bank’s liquidity was worsening daily. The bank was therefore at risk of insolvency that its shareholders and management had not taken steps to avert. There was uncertainty in relation to the persons running the bank: those actually doing so no longer featured in the register of companies and were not in law entitled to act on the bank’s behalf, whereas those featuring in the register could not in fact do so because of the decisions of the prosecuting authorities (see paragraphs 42-49 above). That threw doubt on the reliability of the reports which the bank was submitting to the BNB; there were reasons to believe that its financial situation was worse than transpiring from these reports. At the same time, the infighting between the bank’s shareholders precluded outside assistance. All that showed that the interests of the bank’s depositors were at serious risk, and the BNB had no choice but to place it under administration and appoint special administrators to run it. The BNB specified that its order was immediately enforceable and not subject to judicial review.
65. In the following days the special administrators invited the bank’s management and shareholders to take steps to resolve the bank’s situation. Mr Bonev entered into settlements with the other shareholders – his brother, Mr B.P. and Mr P.B. – whereby they agreed to resolve the disputes between them. Mr Bonev also tried to find companies which would take over the non-performing loans extended by the bank. However, on 8 June 2005 the special administrators wrote to Mr Bonev, advising him that the results of an audit that they had ordered showed that the only way to prevent the bank from sliding into insolvency was to sell its risky loans immediately. The administrators went on to say that if Mr Bonev was serious about preventing that from happening, he had to buy those loans before 5 p.m. the next day, 9 June 2005. Otherwise, the administrators would be bound to notify the BNB that the bank was insolvent.
66. On 14 June 2005 the applicants wrote to the BNB’s governor and deputy-governor, complaining of undue pressure and improper conduct on the part of the special administrators, and saying that one of them was forcing Mr Bonev to sell his shares in the bank on very unfavourable terms.
67. The same day, 14 June 2005, the BNB’s governor, relying on section 21(2) and (5) of the Banks Act 1997 (see paragraph 78 below), and acting on a recommendation by the deputy-governor in charge of banking supervision, revoked the bank’s licence and extended the term of office of the two special administrators previously appointed to run the bank (see paragraph 64 above). He noted that a report by those administrators filed the previous day and the documents enclosed with it, all of which had been drawn up in line with the BNB’s requirements, showed that the bank’s liabilities exceeded its assets by BGN 19,181,000 and that its capital was negative – minus BGN 19,184,000. It was thus clear that the bank was insolvent, and that the BNB had to revoke its licence and petition the courts to open winding-up proceedings against it. The special administrators previously appointed to run the bank were to continue to carry out their duties pending the appointment of liquidators by the court. The governor specified that his decision was immediately enforceable and not subject to judicial review.
J. The bank’s winding-up
68. Following its decision to revoke the bank’s licence, on 15 June 2005 the BNB petitioned the Sofia City Court to declare the bank insolvent and wind it up. As required by law (see paragraph 79 below), in those proceedings the bank was represented by the special administrators previously appointed by the BNB (see paragraphs 64 and 67 above and paragraph 79 below).
69. Mr Bonev sought leave to intervene as a third party, citing concerns that the special administrators would not strive to protect the bank’s best interests. On 27 June 2005 the Sofia City Court turned down his request, holding that the Bank Insolvency Act 2002 set out in an exhaustive manner the persons entitled to take part in such proceedings (see paragraph 79 below). Mr Bonev appealed, arguing that he had an interest to take part in the proceedings in his capacity as shareholder in the bank. In a final decision of 11 October 2005, the Sofia Court of Appeal dismissed the appeal. It agreed with the lower court, and added that Mr Bonev did not have an interest to take part in the proceedings because, being merely a shareholder in the bank, he would not himself be bound by the courts’ decisions in relation to it.
70. In a decision of 29 June 2005, the Sofia City Court granted the BNB’s petition, declared the bank insolvent, made an order for it to be wound up, divested its decision-making bodies of their powers and the bank of the right to administer its property, and ordered the sale of its assets. Relying on the Supreme Court of Cassation’s judgment at issue in Capital Bank AD v. Bulgaria (no. 49429/99, § 33, 24 November 2005), the court held that, unlike the position with regular companies, the fact that a bank was insolvent was conclusively determined by the BNB. The construction of the applicable statutory provisions (see paragraph 79 below) showed that the insolvency court could not scrutinise that determination, and, faced with a decision by the BNB to revoke a bank’s licence and a facially valid winding-up petition lodged by the BNB, it was bound to declare the bank insolvent and make an order for it to be wound up. The decision was not appealed against. Immediately after it the Deposit Insurance Fund appointed liquidators from among the list of persons eligible to serve as liquidators kept by the BNB (see paragraph 81 below).
71. On 23 May 2007 Central Cooperative Bank AD bought all of the bank’s assets for one Bulgarian lev and undertook to satisfy the claims of its creditors which had been accepted by its liquidators. On 2 July 2007 the Sofia City Court approved the transaction. It found that it would result in a higher rate of repayment of the bank’s debts than if its assets were to be sold piecemeal over a protracted period of time.
72. On 17 August 2007 the Sofia City Court closed the winding-up proceedings in respect of the bank and struck it out of the register of companies.
K. The freezing of Mr Panev’s and Mr Ivanov’s bank accounts
73. On 24 June 2005 the BNB informed Mr Panev and Mr Ivanov that following the revocation of the bank’s licence, all of their bank accounts were being frozen, as required under paragraph 4(1) of the transitional and concluding provisions of the Bank Deposits Guarantee Act 1998 (see paragraph 83 below). They would be unfrozen six months after the BNB had applied for the opening of insolvency proceedings against the bank, unless in the meantime Mr Panev and Mr Ivanov had been charged with a criminal offence in relation to that, or unless the bank’s liquidators had brought a claim against them.
74. On 16 August 2005 Mr Ivanov and Mr Panev protested against the freeze, pointing out that as a result of the prosecuting authorities’ decisions set out in paragraphs 42-49 above they had in effect never been able to take up their duties and therefore did not fall under that provision. On 31 August 2005 the BNB replied that it did not have discretion to unfreeze the accounts.
75. On 12 January 2006 Mr Panev and Mr Ivanov asked the BNB to unfreeze their accounts as the six-month period laid down in paragraph 4(1) of the transitional and concluding provisions of the Bank Deposits Guarantee Act 1998 (see paragraph 83 below) had expired. Finding that no criminal proceedings or claims by the bank’s liquidators had been brought against Mr Panev or Mr Ivanov within those six months, on 20 January 2006 the BNB unfroze the accounts.
II. RELEVANT DOMESTIC LAW
A. The register of companies and legal challenges against entries in it and against resolutions of the general meeting of a company’s shareholders
76. The law governing the register of companies, legal challenges against entries in that register, and legal challenges against resolutions of the general meeting of a company’s shareholders has been set out in Shesti Mai Engineering OOD and Others v. Bulgaria (no. 17854/04, §§ 49-51, 56 and 58, 20 September 2011).
B. Powers of the prosecuting authorities under section 119(1)(6) of the Judiciary Act 1994
77. The powers of the prosecuting authorities under section 119(1)(6) of the Judiciary Act 1994 have set out in Zlínsat, spol. s r.o. v. Bulgaria (no. 57785/00, §§ 38 and 41-43, 15 June 2006). In 2007 that provision was superseded by section 145(1)(6) of the Judiciary Act 2007, which is almost identically worded.
C. The BNB’s powers in relation to commercial banks and the rules governing bank insolvency
78. The provisions of the Banks Act 1997 governing the BNB’s supervisory and enforcement powers in relation to commercial banks (in particular, to appoint special administrators and revoke a bank’s licence), the law governing judicial review of the BNB’s decisions, and the provisions of the Banks Act 1997 and other statutes governing bank insolvency have been set out in Capital Bank AD (cited above, §§ 46-67).
79. In December 2002 the provisions of the Banks Act 1997 governing bank insolvency were superseded by the Bank Insolvency Act 2002. Sections 9(2) and 13(1) of that Act are almost identical to sections 79(3) and 82 of the 1997 Act. Section 11(3) of the 2002 Act, as originally enacted, provided that in proceedings in which the court was to decide whether to grant the BNB’s petition to open insolvency proceedings against a bank, the bank was to be represented by the special administrators appointed by the BNB. A new subsection (4), added in 2006, now provides that shareholders who at the time of revoking of the bank’s licence hold more than five per cent of its shares are entitled to take part in the proceedings. However, section 16(1) in fine provides that only the BNB, the special administrators appointed by it, and the public prosecutor may appeal against the insolvency court’s decision on the winding-up petition against the bank. In a decision of 11 January 2016 (???. ? 4 ?? 11.01.2016 ?. ?? ?. ?. ? 3343/2015 ?., ???, I ?. ?.), given in the case of a bank whose licence was revoked by the BNB on 6 November 2014, the Supreme Court of Cassation asked the Constitutional Court to declare sections 11(3) and 16(1) unconstitutional and contrary to Article 6 § 1 of the Convention in the light of this Court’s judgment in Capital Bank AD (cited above, §§ 117-18). On 4 February 2016 the Constitutional Court admitted the request for examination in so far as it concerned the constitutionality of those sections, but turned it down in so far as it concerned their compatibility with Article 6 § 1 of the Convention, on the basis that under the applicable rules of procedure the Supreme Court of Cassation only had standing to seek pronouncements on the constitutionality of statutes, not their compatibility with international treaties (see ???. ?? 4 ???????? 2016 ?. ?? ?. ?. ? 1/2016 ?., ??). The proceedings on the merits are still pending.
80. By section 92(5) of the Bank Insolvency Act 2002, the bulk sale of the assets of an insolvent bank to another bank automatically entails the termination of all rights of its shareholders, save for the right to receive any monies payable upon liquidation if the purchasing bank has undertaken to make such payment.
81. One small difference between the Banks Act 1997 and the Bank Insolvency Act 2002 is that under the former, the liquidators were, by section 82(8), appointed directly by the insolvency court, whereas under the latter they are, by section 26, appointed by the Deposit Insurance Fund immediately after the declaration of insolvency by the insolvency court. The liquidators still have to be persons featuring on a list kept by the BNB (section 25(1)(12) of the 2002 Act).
82. In the beginning of 2007 the remainder of the Banks Act 1997 was superseded by the Credit Institutions Act 2006. Sections 36(6) and 103(3) and (4) of that Act are almost identical to section 21(5) of the 1997 Act (see paragraph 78 above), but section 151(3) provides that the BNB’s decision to revoke a bank’s licence is subject to review by the Supreme Administrative Court. When dealing with legal challenges against the decision of the BNB on 6 November 2014 to revoke the licence of a bank (see paragraph 79 above), that court held that its shareholders did not have standing to bring claims under section 151(3) on their own behalf (see ???. ? 3725 ?? 02.04.2015 ?. ?? ???. ?. ? 3438/2015 ?., ???, ?????. ?-?). In a parallel case, it held that the bank’s managers, who had earlier been replaced by special administrators appointed by the BNB, did not have such standing either (see ???. ? 2038 ?? 25.02.2015 ?., ?? ???. ?. ? 1813/2015 ?., ???, ?????. ?-?). In the wake of those decisions, on 9 March 2015 the President of the Supreme Bar Council asked that court to give an interpretative decision on these points, arguing that its rulings were contrary to, inter alia, Article 6 § 1 of the Convention and Article 1 of Protocol No. 1. The plenary court deliberated on the admissibility of the request (????. ?. ? 4/2015 ?., ???, ??) on 29 March 2016.
D. Freezing of the assets of managers of insolvent banks
83. By paragraph 2(1) of the transitional and concluding provisions of the State Protection of Deposits and Accounts in Commercial Banks Whose Insolvency Has Been Sought by the BNB Act 1996, when petitioning the courts to declare a bank insolvent, the BNB had to freeze the assets of the members of its management. In 1998 that provision was superseded by the similarly worded paragraph 4(1) of the transitional and concluding provisions of the Bank Deposits Guarantee Act 1998, which provided that when seeking the opening of insolvency proceedings against a bank the BNB’s governor had to ask the investigating authorities to check whether members of the bank’s executive and supervisory boards had committed offences, and freeze their bank accounts and immovable property. By paragraph 4(3), these were to be later unfrozen, unless within six months after the BNB had lodged the winding-up petition the investigating or prosecuting authorities informed it that they had opened criminal proceedings in connection with the insolvency, or the bank’s liquidators informed it that they had brought a claim against the boards’ members.
84. Although the courts have not directly dealt with the question whether the decisions of the BNB in this respect are amenable to judicial review, they appear to assume so (see ???. ? 8834 ?? 06.10.2003 ?. ?? ???. ?. ? 7953/2003 ?., ???, ?????. ?-?, and ???. ? 1743 ?? 23.06.2015 ?. ?? ?. ??. ?. ? 1588/2015 ?., ???). There are no reported cases under the 1996 or the 2002 Acts in which such a freeze has been set aside.
THE LAW
I. PRELIMINARY PROCEDURAL POINTS
85. On 16 November 2005 the twenty companies listed in paragraph 6 above stated that they wished to withdraw their complaints because they had transferred all of their shares in the bank to the second applicant, Mr Bonev (see paragraphs 6 and 51 above). These companies may accordingly be regarded as no longer intending to pursue their application (Article 37 § 1 (a) of the Convention). As the issues raised by them were also raised by the remaining applicants, respect for human rights, within the meaning of Article 37 § 1 in fine, does not require the Court to continue examining the application in so far as it concerns these companies (see Shesti Mai Engineering OOD and Others, cited above, § 62). This part of the application is to be therefore struck out of the list of cases.
86. The Government submitted that, in so far as it had been lodged on behalf of the bank, the application had to be struck out of the Court’s list of cases because the bank, having been struck out of the register of companies after the conclusion of the winding-up proceedings (see paragraph 72 above), no longer existed and could not pursue it.
87. The applicants replied that the complaints made on behalf of the bank concerned the revocation of its licence and its ensuing liquidation, which had eventually led to its striking out of the register of companies and its disappearance as a legal person. This situation was exactly the same as that in Capital Bank AD (cited above), and there was no reason to reach a different conclusion in relation to it.
88. The Court was faced with, and rejected, almost identical submissions in Capital Bank AD (cited above, §§ 74-80), OAO Neftyanaya kompaniya Yukos v. Russia ((dec.), no. 14902/04, §§ 439-44, 29 January 2009), Süzer and Eksen Holding A.?. v. Turkey (no. 6334/05, §§ 80 and 92, 23 October 2012) and S.C. « Asul de Aur – Aranyaszok » S.R.L. and Fodor Barabas v. Romania (no. 35720/06, §§ 34 and 39, 3 March 2015). It sees no reason to do otherwise in this case.
II. STANDING TO COMPLAIN ON BEHALF OF THE BANK
89. The application was lodged on behalf of the bank by shareholders and by persons appointed to its management in resolutions of the general meeting of its shareholders later annulled by the courts (see paragraphs 3-5, 11, 16, 17 and 54-58 above), shortly before the BNB appointed special administrators to represent and manage the bank instead of its bodies, who were in turn replaced by liquidators appointed by the Deposit Insurance Fund after the Sofia City Court declared the bank insolvent (see paragraphs 1, 64 and 70 above).
90. In Capital Bank AD (cited above) the Court was likewise faced with complaints raised on behalf of a bank placed in compulsory administration, and then insolvency, by its shareholders and former managers. In its admissibility decision in that case (see Capital Bank AD v. Bulgaria (dec.), no. 49429/99, 9 September 2004), it held that in as much as the complaints related to the chain of events leading to the appointment of special administrators and liquidators and to their role in the proceedings in which the bank was declared insolvent, its shareholders and former management were exceptionally entitled to complain on its behalf (see also Credit and Industrial Bank v. the Czech Republic (no. 29010/95, §§ 46-52, ECHR 2003 XI (extracts)).
91. The present case is almost identical. The complaints made on behalf of the bank concern the interference of the prosecuting authorities with its management, the revocation of its licence, and the fact that in the proceedings in which it was declared insolvent it was only represented by the special administrators appointed by the BNB (see paragraphs 93, 101 and 109 below). Mr Bonev, who following the share transfer on 25 August 2004 appears to have held 93.63% of the bank’s shares (see paragraphs 6, 11 and 51 above), is therefore entitled to complain on its behalf in relation to these matters.
92. In view of this conclusion, the Court does not have to decide whether Mr Ivanov, Mr Radev and Mr Panev, whose appointment to the bank’s management was later annulled by the courts (see paragraphs 57 and 58 above), were likewise entitled to complain on its behalf.
III. THE PROSECUTING AUTHORITIES’ DECISIONS WITH RESPECT TO THE BANK’S MANAGEMENT
93. A complaint was made on behalf of the bank that the prosecuting authorities had prevented the persons appointed to its management in June 2004 from taking up their duties, with the results that the Sofia City Court’s decisions to register the resolutions of the general meeting of its shareholders to appoint those persons were not put into effect and that the bank’s financial situation was irretrievably prejudiced. It was further complained on behalf of the bank that it had not had an effective domestic remedy in that respect. The complaints were made under Article 1 of Protocol No. 1 and Articles 6 § 1 and 13 of the Convention, which provide, in so far as relevant:
Article 1 of Protocol No. 1 (protection of property)
“Every natural or legal person is entitled to the peaceful enjoyment of his possessions. No one shall be deprived of his possessions except in the public interest and subject to the conditions provided for by law and by the general principles of international law.
The preceding provisions shall not, however, in any way impair the right of a State to enforce such laws as it deems necessary to control the use of property in accordance with the general interest or to secure the payment of taxes or other contributions or penalties.”
Article 6 § 1 of the Convention (right to a fair hearing)
“In the determination of his civil rights and obligations ..., everyone is entitled to a fair and public hearing within a reasonable time by an independent and impartial tribunal established by law. ...”
Article 13 of the Convention (right to an effective remedy)
“Everyone whose rights and freedoms as set forth in [the] Convention are violated shall have an effective remedy before a national authority notwithstanding that the violation has been committed by persons acting in an official capacity.”
A. The parties’ submissions
94. The Government submitted that the prosecutors’ decisions with respect to the bank’s management had been prompted by information about irregularities in its operations and the need to elucidate whether the persons appointed as its managers had committed offences. Both criminal and civil proceedings had been instituted in relation to the decisions of the Sofia City Court to register the changes in the bank’s management. In those circumstances, the competent prosecutors, who had an overarching duty to ensure compliance with the law, had been under a duty to preserve the status quo and avert damage to the bank. The applicants had appealed against their decisions in that respect before higher prosecutors, who had fully upheld them.
95. The applicants submitted that the prosecutors’ decisions were manifestly arbitrary and based on a vaguely worded statutory provision enabling the prosecuting authorities to act in relation to any matter in any way they saw fit. Those authorities had in effect determined who was to manage the bank, arrogating to themselves powers normally belonging to the courts and the BNB. Their decisions had not pursued a legitimate aim, and had not specified the offence whose commission they sought to prevent. They could not be justified by the pendency of proceedings against the registration decisions of the Sofia City Court, or of criminal proceedings against Mr Bonev, Mr Panev and Mr Ivanov. They had amounted to an attempt to circumvent the proper legal channels for dealing with such situations, all of which required judicial involvement. There had moreover been no possibility effectively to challenge those decisions, which had in effect nullified the registration decisions of the Sofia City Court.
B. The Court’s assessment
96. The complaints are not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 (a) of the Convention or inadmissible on any other grounds. They must therefore be declared admissible.
97. The complaint under Article 1 of Protocol No. 1 is almost identical to that examined in Zlínsat, spol. s r.o. (cited above, § 99), where the Court found that decisions made by the prosecuting authorities in the exercise of their vaguely defined and unbridled powers under section 119(1)(6) of the Judiciary Act 1994 (see paragraph 77 above) in relation to a limited liability company had not been surrounded by sufficient guarantees against arbitrariness and could not be regarded as lawful within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1.
98. The Court sees no reason to hold otherwise in this case, in which the prosecuting authorities relied on the same provision to block the implementation of two decisions whereby the Sofia City Court registered changes in the bank’s management resolved upon at general meetings of the bank’s shareholders (see paragraphs 42-49 above). Bulgarian law laid down specific remedies in respect of resolutions of the general meeting of shareholders of a company and of the courts’ decisions to enter them in the register of companies, and the aggrieved persons resorted to those remedies (see paragraphs 54-58 and 76 above). The law did not, by contrast, make any provision for the prosecuting authorities to interfere with such matters. As evident from the unfruitful inquiries made by the BNB in the wake of the prosecutors’ decisions, they gave rise to considerable uncertainty about the persons authorised to manage the bank and act on its behalf (see paragraphs 59, 60 and 64 above).
99. There has therefore been a breach of Article 1 of Protocol No. 1.
100. In view of this conclusion, there is no need to examine the same issues by reference to Article 6 § 1 or Article 13 of the Convention.
IV. THE REVOCATION OF THE BANK’S LICENCE
101. A complaint was made on behalf of the bank that the BNB’s decision to revoke its licence had not been surrounded by sufficient safeguards against arbitrariness. The complaint was made under Article 1 of Protocol No. 1, whose text has been set out in paragraph 93 above.
A. The parties’ submissions
102. The Government submitted that the BNB’s decision to revoke a bank’s licence had been surrounded by sufficient safeguards. The BNB did not have discretion in that respect, and had been required to make this decision in view of its findings about the bank’s financial situation. Its decision had been prompted by information emanating from the special administrators previously appointed by it and was fully lawful. The impossibility for the bank to make representations in those proceedings and the exclusion of the BNB’s decision from judicial review had been based on the need for swift action to protect that bank’s depositors. The bank’s financial situation had been rapidly worsening, in part because of the infighting among its shareholders, and the BNB’s earlier attempts to resolve its problems had proved fruitless.
103. The applicants submitted that the lawfulness of the revocation of the bank’s licence had to be assessed by reference to the entire chain of events which had begun with the decision of the prosecuting authorities to block the bank’s new management from taking up its duties. The bank’s insolvency and the subsequent revocation of its licence had inevitably followed from that. The accuracy of the data in the special administrators’ report used by the BNB to find that the bank was insolvent was open to doubt. The integrity of those administrators, who had initially attempted to solve the bank’s problems but had later made impossible demands of Mr Bonev, was likewise doubtful. The BNB had not taken any of that into account, instead choosing fully to trust the administrators’ findings. The presence of even minimal doubts in relation to those findings, which had had very serious consequences for the bank, meant that BNB’s acting on them was not lawful within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1. A further argument in support of that assertion was that the very appointment of the administrators had been unlawful. The BNB’s decision to do so had been based on reports on the bank’s financial situation filed by persons who did not have the right to represent the bank and on the bank’s failure to heed the BNB’s erratic and arbitrary instructions which had been impossible to implement, in view in particular of the prosecuting authorities’ interference with its management.
104. The applicants went on to draw parallels between their case and that of Capital Bank AD (cited above), pointing out that the two situations were almost identical but that theirs was worse because the revocation of the bank’s licence had been triggered by a series of actions and omissions on the part of the prosecuting authorities and the BNB that the applicants had been incapable of countering. They emphasised in particular that they had not been able to take part in the preparation of the report of the special administrators or contest in any way the findings in it.
B. The Court’s assessment
105. The complaint is not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 (a) of the Convention or inadmissible on any other grounds. It must therefore be declared admissible.
106. This complaint is identical to the one examined in Capital Bank AD (cited above, §§ 130-40). There, the Court held that a decision by the BNB to revoke a bank’s licence under section 21 of the Banks Act 1997 was not surrounded by sufficient guarantees against arbitrariness due to the absence of any of procedural safeguards, and was therefore not lawful within the meaning of Article 1 of Protocol No. 1. The legal framework in this case being the same, and there being no material difference in the way in which it was applied to the bank (see paragraphs 59-67 and 78 above), there is no reason to hold otherwise.
107. There has therefore been a breach of Article 1 of Protocol No. 1 in relation to the BNB’s decision to revoke the bank’s licence.
108. That said, the Court expresses no view on whether the BNB’s decision to revoke the bank’s licence was correct in terms of Bulgarian law. The Court’s power to review compliance with national law is limited and it is not its task to make such assessments in the place of the national authorities (see Capital Bank AD, cited above, § 132, as well as, mutatis mutandis, Družstevní záložna Pria and Others v. the Czech Republic, no. 72034/01, § 95, 31 July 2008, and Rodinná záložna, spo?itelní a úv?rní družstvo and Others v. the Czech Republic, no. 74152/01, § 54, 9 December 2010).
V. THE PROCEEDINGS IN WHICH THE BANK WAS DECLARED INSOLVENT
109. Complaints were made on behalf of the bank that in the proceedings in which the Sofia City Court had declared it insolvent it had only been represented by the special administrators appointed by the BNB, and that the Sofia City Court had refused to scrutinise whether the bank was indeed insolvent. The complaint was made under Article 6 § 1 of the Convention, whose text has, in so far as relevant, been set out in paragraph 93 above.
A. The parties’ submissions
110. The Government submitted that the exclusion of the BNB’s decision to revoke a bank’s licence from judicial review had been put in place after a severe banking crisis in 1996-97 and had been justified by the need to deal with failing banks in a speedy way. It limited the rights of a bank’s shareholders to protect those of its depositors, and took into account that the BNB had special expertise in that domain. It was difficult to envisage judicial review of its findings even with the help of special experts, especially in view of the need for swiftness in such situations. The law as it stood since 2007 gave however such a possibility.
111. The Government further submitted that the bank’s being represented by the special administrators in the proceedings leading to the declaration of insolvency had been justified by the need to protect the rights of those affected by its financial difficulties by restricting the powers of its management. This was not the approach taken with respect to regular companies, but banks required special arrangements in view of the effect that their financial difficulties could have on their depositors and creditors. In this case, where the bank’s difficulties had arisen as a result of uncertainty about the persons authorised to manage it, the fact that it was represented by the special administrators had actually been in its favour.
112. The applicants submitted that their case was almost identical to that of Capital Bank AD (cited above).
B. The Court’s assessment
113. The complaints are not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 (a) of the Convention or inadmissible on any other grounds. They must therefore be declared admissible.
114. The two complaints are identical to the ones examined in Capital Bank AD (cited above, §§ 98-119). There, the Court held that (a) the insolvency courts’ rulings that they could not subject the BNB’s determination that a bank was insolvent to scrutiny, coupled with the impossibility to have that determination reviewed in direct judicial review proceedings, was in breach of Article 6 § 1 of the Convention, and that (b) it was likewise in breach of that provision for a bank to be represented solely by special administrators appointed by the BNB in proceedings in which the BNB was petitioning the court to declare the bank insolvent and to open winding-up proceedings against it.
115. In the present case, in the proceedings opened pursuant to the BNB’s winding-up petition the bank was, as required by law, represented by the special administrators previously appointed by the BNB (see paragraph 68 above), who had already expressed the view that the bank was insolvent (see paragraphs 65 and 67 above). Mr Bonev tried to intervene as a third party in his capacity as shareholder, but his request was turned down (see paragraph 69 above). After the decision of the Sofia City Court, which was immediately enforceable, the bank was represented by the liquidators appointed by the Deposit Insurance Fund, who did not appeal against the decision, which is hardly surprising in view of their dependence on the BNB (see Capital Bank AD, cited above, § 117). As a result, the procedural situation of the bank throughout the proceedings was materially identical to that of Capital Bank AD.
116. When ruling on the merits of the BNB’s winding-up petition, the Sofia City Court held, by reference to the Supreme Court of Cassation’s decision in Capital Bank AD (cited above), that it could not scrutinise the BNB’s determination that a bank was insolvent and was bound to make an order in the terms sought by the BNB if it had revoked the bank’s licence and lodged a facially valid petition (see paragraph 70 above). In this respect, the situation was likewise identical to that in Capital Bank AD (cited above). The only difference is that the Sofia City Court’s decision in the present case was not appealed against. But, given that in Capital Bank AD’s case the appeals were lodged by the prosecuting authorities (ibid., §§ 29, 32 and 117 in fine), and that the bank’s shareholders and management in the present case could not take part in the proceedings, this does not make any difference. In any event, the Sofia City Court’s ruling was fully consistent with the applicable statutory provisions and the Supreme Court of Cassation’s case-law at the time, and it does not appear that an appeal against it would have stood any prospect of success.
117. There has therefore been a breach of Article 6 § 1 of the Convention with respect to both (a) the lack of proper representation of the bank in the proceedings opened pursuant to the BNB’s winding-up petition, and (b) the refusal of the Sofia City Court to scrutinise the BNB’s determination that the bank was insolvent.
VI. THE FREEZING OF MR PANEV’S AND MR IVANOV’S BANK ACCOUNTS
118. Mr Panev and Mr Ivanov complained that following the opening of winding-up proceedings against the bank all of their bank accounts were frozen for six months and that they could not challenge that measure. They relied on Article 1 of Protocol No. 1 and Articles 6 § 1 and 13 of the Convention, whose text has been set out in paragraph 93 above.
A. The parties’ submissions
119. The Government submitted that the BNB had been bound to freeze Mr Panev’s and Mr Ivanov’s bank accounts. In the absence of an express statutory provision excluding its decision to do so from judicial review, it had been open to the applicants to seek such review. The freezing had been necessary to prevent the dissipation of assets in view of the need to protect the rights of depositors and to enable, if necessary, the imposition of civil and criminal sanctions on the applicants in their capacity as managers of the bank. The measure had been of strictly limited duration, and had been lifted immediately after the expiry of the applicable six-month time-limit.
120. The applicants conceded that the freezing of Mr Panev’s and Mr Ivanov’s bank accounts had been lawful and intended to protect the rights of others, but submitted that the automatic application of that measure in their case had been disproportionate. As a result of the decisions taken by the prosecuting authorities, Mr Panev and Mr Ivanov had been unable to take up their duties in the bank’s management. They could not therefore be held responsible for its difficulties. Moreover, they had not had any means of effectively challenging the freezing.
B. The Court’s assessment
121. The Government’s submission that it had been open to Mr Panev and Mr Ivanov to seek judicial review of the BNB’s decision to freeze their bank accounts must be regarded as an objection that they have failed to exhaust domestic remedies. Since it coincides with Mr Panev’s and Mr Ivanov’s complaint that they did not have at their disposal an effective domestic remedy to challenge the freezing, it should be joined to the merits.
122. The complaints are not manifestly ill-founded within the meaning of Article 35 § 3 (a) of the Convention or inadmissible on any other grounds. They must therefore be declared admissible.
123. The freezing of Mr Panev’s and Mr Ivanov’s bank accounts was a measure of control of the use of property (see, mutatis mutandis, Raimondo v. Italy, 22 February 1994, § 27, Series A no. 281-A, as regards the provisional seizure of assets with a view to their forfeiture under proceeds of-crime legislation; Luordo v. Italy, no. 32190/96, § 67, ECHR 2003-IX, and Valentin v. Denmark, no. 26461/06, §§ 70-71, 26 March 2009, as regards the stripping of bankrupts of the right to administer and deal with their property; and Trajkovski v. the former Yugoslav Republic of Macedonia (dec.), no. 53320/99, ECHR 2002-IV, and Ališi? and Others v. Bosnia and Herzegovina, Croatia, Serbia, Slovenia and the former Yugoslav Republic of Macedonia [GC], no. 60642/08, § 99, ECHR 2014, as regards the freezing of bank accounts). It was not disputed that it was lawful and pursued a legitimate aim: to ensure that the managers of a bank which had fallen into insolvency would not dissipate their assets in anticipation of possible criminal charges or civil claims relating to the way in which they had run the bank before the insolvency. Chiefly in issue is the proportionality of the measure.
124. The stability of banks and the interests of their depositors and creditors deserve enhanced protection, and the national authorities enjoy a broad margin of appreciation in choosing how to deal with such matters (see Capital Bank AD, cited above, § 136, citing Olczak v. Poland (dec.), no. 30417/96, § 85, ECHR 2002-X (extracts)). In normal circumstances, such freezing, which has a strictly limited duration of six months (see paragraph 83 above), could be regarded as falling within that margin. But in this case the Court does not need to pass upon that point, because the situation at hand was quite unusual: as a result of decisions taken by the prosecuting authorities, in relation to which the Court found a breach of Article 1 of Protocol No. 1 (see paragraphs 97-99 above), Mr Panev and Mr Ivanov were not able to take up their duties, and were managers of the bank on paper only. The risk that the freezing was intended to avert was therefore not present, and it could not therefore be regarded as necessary. However, as apparent from the BNB’s reply to Mr Panev’s and Mr Ivanov’s protests against the freezing (see paragraph 74 above) and the Government’s submissions, the applicable statutory rule, which did not appear to permit of any exceptions, required the BNB to freeze the accounts without being able to take into account the applicants’ individual circumstances. It follows that even though the BNB’s decision in that respect could theoretically have been subject to judicial review (see paragraph 84 above), no information has been provided which suggests that Mr Panev and Mr Ivanov could, in practice and in a timely fashion, have successfully challenged it.
125. In these circumstances, the Court concludes that there has been a breach of Article 1 of Protocol No. 1 and Article 13 of the Convention, and rejects the Government’s objection of non-exhaustion of domestic remedies. This conclusion makes it unnecessary to examine the same issues by reference to Article 6 § 1 of the Convention.
VII. THE CRIMINAL PROCEEDINGS
126. Mr Bonev, Mr Panev and Mr Ivanov complained of the institution of criminal proceedings against them and of the length of those proceedings, which they said interfered with their private lives, as well as of the lack of an effective domestic remedy in that respect. They relied on Articles 6 § 1, 8 and 13 of the Convention. The text of Articles 6 § 1 and 13 has been set out in paragraph 93 above. Article 8 provides, in so far as relevant:
“1. Everyone has the right to respect for his private ... life ...
2. There shall be no interference by a public authority with the exercise of this right except such as is in accordance with the law and is necessary in a democratic society in the interests of national security, public safety or the economic well-being of the country, for the prevention of disorder or crime, for the protection of health or morals, or for the protection of the rights and freedoms of others.”
A. The parties’ submissions
127. The Government submitted that the criminal proceedings had not lasted unreasonably long, especially in view of their factual complexity and the delaying tactics used by the applicants.
128. The applicants submitted that the proceedings had been opened for the sole purpose of putting undue pressure on Mr Bonev, Mr Panev and Mr Ivanov. This was amply proved by the final judgments of acquittal in which they had resulted. The prosecuting authorities had unjustifiably prolonged the pre-trial phase of the proceedings, and had caused further delay by failing to submit properly drafted indictments. The applicants had not had an effective remedy in respect of the unreasonable length of the proceedings.
B. The Court’s assessment
129. Article 6 of the Convention does not guarantee the right not to be criminally prosecuted; it only enshrines the right to a fair trial within a reasonable time if and when criminal charges are brought against a person (see I.J.L. and Others v. the United Kingdom, nos. 29522/95, 30056/96 and 30574/96, § 101, ECHR 2000-IX). Nor can a general right not to be criminally prosecuted be derived from Article 8 of the Convention. The appropriateness of a decision to prosecute thus normally falls out of the scope of the Court’s review (see Patsuria v. Georgia, no. 30779/04, § 42, 6 November 2007, and Mustafa (Abu Hamza) v. the United Kingdom (dec.), no. 31411/07, § 34, 18 January 2011). Therefore, to the extent that Mr Bonev, Mr Panev and Mr Ivanov complained that criminal proceedings had been instituted and conducted against them, their complaints are incompatible ratione materiae with the provisions of the Convention within the meaning of Article 35 § 3 (a).
130. In as much as Mr Bonev, Mr Panev and Mr Ivanov are to be taken to complain that those proceedings were unfair, it should be noted that they resulted in final acquittals (see paragraphs 34 and 39 above), which means that they cannot claim to be victims of a breach of their right to a fair trial (see, among other authorities, Correia de Matos v. Portugal (dec.), no. 48188/99, 15 November 2001, ECHR 2001-XII; M. and Others v. Italy and Bulgaria, no. 40020/03, §§ 184-85, 31 July 2012; and Lenev v. Bulgaria, no. 41452/07, § 158, 4 December 2012).
131. In so far as Mr Bonev, Mr Panev and Mr Ivanov complained of the allegedly unreasonable length of the proceedings, it should be noted that in Valcheva and Abrashev v. Bulgaria ((dec.), nos. 6194/11 and 34887/11, §§ 92-122, 18 June 2013) the Court found that two compensatory remedies put in place in 2012 in relation to the length of criminal proceedings were effective and available to applicants who, like Mr Bonev, Mr Panev and Mr Ivanov, had lodged their applications before their introduction. However, since the Government, who had been given notice of this complaint, did not raise this point in their submissions, which were filed after those remedies had been put in place, the Court is not in a position to rule, of its own motion, on whether this complaint is inadmissible for non exhaustion of domestic remedies (see Dobrev v. Bulgaria, no. 55389/00, §§ 112-13, 10 August 2006, and Yordanov v. Bulgaria, no. 56856/00, §§ 76 77, 10 August 2006).
132. However, the criminal proceedings against Mr Bonev, Mr Panev and Mr Ivanov lasted in total less than two and a half years for a preliminary investigation and one level of court (see paragraphs 24-34 above). While there were delays for which the authorities were responsible, for instance that resulting from the remittal of the case by the Sofia District Court due to the prosecution’s failure to draw up the indictment properly (see paragraph 27 above), the proceedings as a whole cannot be regarded as unreasonably lengthy.
133. The same goes for the parallel criminal proceedings against Mr Panev and Mr Ivanov. Their total duration was even shorter: just over two years and two months for a preliminary investigation, a trial, and an (aborted) appeal (see paragraphs 35-39 above). While there were delays for which the authorities were responsible, for instance that resulting from the remittal of the case by the Sofia District Court due to the prosecution’s failure to draw up the indictment properly (see paragraph 36 above), the proceedings as a whole cannot be regarded as unreasonably lengthy.
134. The complaint under Article 6 § 1 of the Convention in respect of the length of those proceedings is therefore manifestly ill-founded, and the related complaint under Article 13 of the Convention is incompatible ratione materiae with the provisions of the Convention within the meaning of Article 35 § 3 (a) because of the lack of an arguable claim.
135. Mr Bonev’s, Mr Panev’s and Mr Ivanov’s complaints in relation to the criminal proceedings against them must therefore be rejected in accordance with Article 35 § 4 of the Convention.
VIII. THE TRAVEL BANS
136. Mr Bonev, Mr Panev and Mr Ivanov complained of the international travel bans imposed on them. Mr Bonev also complained that the ban had prevented him from maintaining normal contacts with his wife and three children, who lived in Switzerland, and from attending medical examinations there. The applicants also complained that they had not had an effective domestic remedy in respect of the bans. They relied on Article 2 of Protocol No. 4 and Articles 8 and 13 of the Convention. The text of Article 8 has been set out in paragraph 126 above, and that of Article 13 in paragraph 93 above. Article 2 of Protocol No. 4 provides, in so far as relevant:
“...
2. Everyone shall be free to leave any country, including his own.
3. No restrictions shall be placed on the exercise of [this right] other than such as are in accordance with law and are necessary in a democratic society in the interests of national security or public safety, for the maintenance of ordre public, for the prevention of crime, for the protection of health or morals, or for the protection of the rights and freedoms of others.
...”
A. The parties’ submissions
137. The Government submitted that, in as much as they had not attempted to challenge the decisions to refuse them to travel on specific occasions, the applicants had failed to exhaust domestic remedies. The Government further submitted that to ban a person charged with a criminal offence from travelling abroad was in principle justified, and that the effects of that measure in the case at hand had been largely mitigated by the numerous permissions given to the applicants to leave the country on specific occasions.
138. The applicants submitted that they could not have obtained redress in respect of the international travel bans by way of claims for damages against the authorities. In their view, the bans had not been necessary because they had been imposed in connection with arbitrary criminal charges whose sole purpose had been to put undue pressure on Mr Bonev, Mr Panev and Mr Ivanov. There had been no risk of them absconding, but they had not had at their disposal a means of challenging the bans as such on the basis that they were not necessary.
B. The Court’s assessment
139. At the relevant time, the decision of the prosecuting authorities to ban a person charged with a criminal offence from leaving the country without permission was not as such amenable to judicial review. However, a prosecutor’s ensuing refusal to give such permission was subject to judicial review, and a trial court’s refusal to give such permission was, for its part, subject to appeal before a higher court (see Pfeifer, cited above, §§ 45 and 70). The Court has accepted that in so far as such requests – which could be made at any time without restriction – were capable of relieving the effect which the ban had on the person concerned, they could be regarded as a remedy against it (ibid., § 70 in fine). It follows that appeals against refusals to grant them must likewise to be regarded as such a remedy.
140. In the present case, Mr Bonev twice asked the Sofia District Prosecutor’s Office to allow him to travel abroad. There is however no evidence that he sought judicial review of its refusals (see paragraphs 26 and 28 above). Nor is there any indication that he appealed against the Sofia District Court’s refusal of 11 July 2005 (see paragraph 30 above). There is nothing to suggest that these avenues were not effective, especially bearing in mind that Mr Bonev later successfully sought permission to travel abroad on a number of occasions (ibid.), and that in April and May 2006 all three applicants managed to have the travel bans lifted in their entirety (see paragraph 33 above).
141. The same goes for Mr Panev and Mr Ivanov. There is no evidence that they sought permission to travel abroad from the prosecuting authorities or that that they attempted to appeal against the Sofia District Court’s decision of 24 November 2005 in which it refused to lift the ban (see paragraph 38 above).
142. The complaints under Article 2 § 2 of Protocol No. 4 and under Article 8 of the Convention are therefore inadmissible under Article 35 § 1 of the Convention for non-exhaustion of domestic remedies, and the complaint under Article 13 of the Convention is manifestly ill-founded. They must therefore be rejected in accordance with Article 35 § 4 of the Convention.
IX. OTHER ALLEGED VIOLATIONS OF THE CONVENTION AND PROTOCOL No. 1
143. Mr Bonev complained under Article 1 of Protocol No. 1 that the decisions of the prosecuting authorities with respect to the bank’s management interfered with the peaceful exercise of his shareholder rights in it.
144. It is true that Mr Bonev was in the circumstances entitled to – and did – complain on the bank’s behalf (see paragraphs 89-91 above, and contrast Bakalov and Others v. Bulgaria (dec.), no. 55796/00, 18 September 2007). It can also be accepted that his interests as a shareholder in the bank were harmed by the decisions taken by the prosecuting authorities with respect to its management. But his rights were not directly affected by those decisions (see Credit and Industrial Bank and Moravec v. the Czech Republic, no. 29010/95, Commission decision of 20 May 1998, Decisions and Reports 93-A, p. 72, at p. 81; Minda and Others v. Hungary (dec.), no. 6690/02, 13 September 2005; and Družstevní záložna Pria and Others, cited above, § 100). His complaint in this respect is therefore incompatible ratione personae with the provisions of the Convention within the meaning of Article 35 § 3 (a).
145. Mr Bonev also complained under Article 1 of Protocol No. 1 of the refusal of the bank’s de facto management to register the 25 August 2004 share transfer (see paragraph 51 above), which allegedly prevented him from fully exercising his rights under the shares that he had acquired by virtue of that transfer.
146. In the manner in which it was framed by Mr Bonev, this complaint was directed against an omission of the bank’s de facto managers, who were private persons and did not engage the State’s responsibility under the Convention. It is therefore likewise incompatible ratione personae with the provisions of the Convention within the meaning of Article 35 § 3 (a).
147. Mr Panev, Mr Ivanov and Mr Radev complained under Article 1 of Protocol No. 1 that as a result of the prosecuting authorities’ decisions with respect to the bank’s management they were unable to take up and carry out their duties and accordingly receive remuneration for their services.
148. It is true that the prosecuting authorities’ decision to maintain the status quo and not to allow Mr Panev, Mr Ivanov and Mr Radev to take up their duties prevented them from discharging those duties under the service contracts that they had made with the bank (see paragraphs 40 and 41 above). It is however unclear whether that also barred them from receiving remuneration for their services. It does not appear that they have taken any steps or brought any domestic proceedings with a view to obtaining that remuneration. The complaint is therefore speculative and as such manifestly ill-founded.
149. Mr Panev complained under Article 5 §§ 1 and 3 of the Convention of his detention by the police on 4 June 2004 (see paragraph 23 above).
150. There is no indication that Mr Panev has attempted to seek judicial review of that detention or to claim damages in relation to it, as possible under Bulgarian law (see Kandzhov v. Bulgaria, no. 68294/01, § 45, 6 November 2008, and Lenev, cited above, § 155). He has not therefore exhausted domestic remedies, as required under Article 35 § 1 of the Convention.
151. A complaint was made on behalf of the bank of the length of the proceedings in which Mr B.P. and Mr P.B. had sought revision of the two registration decisions of the Sofia City Court.
152. Those proceedings only concerned the question whether it was admissible to seek revision of those registration decisions (see paragraphs 52 and 53 above). Article 6 § 1 of the Convention does not in principle apply to proceedings concerning the reopening of a civil case (see Bochan v. Ukraine (no. 2) [GC], no. 22251/08, §§ 44-50, ECHR 2015). This complaint is therefore incompatible ratione materiae with the provisions of the Convention within the meaning of Article 35 § 3 (a).
153. It follows that all of the above complaints must be rejected under Article 35 § 4 of the Convention.
X. APPLICATION OF ARTICLE 41 OF THE CONVENTION
154. Article 41 of the Convention provides:
“If the Court finds that there has been a violation of the Convention or the Protocols thereto, and if the internal law of the High Contracting Party concerned allows only partial reparation to be made, the Court shall, if necessary, afford just satisfaction to the injured party.”
A. Pecuniary damage
155. Mr Bonev submitted that the revocation of the bank’s licence and its subsequent winding up had caused him to lose all his shares in it. He put his damage in respect of this at 1,112,277.63 euros (EUR), which was the sum that he had paid to acquire some of those shares on 25 August 2004 from the twenty companies listed in paragraph 6 above, plus 36,781 Bulgarian levs (BGN), which represented the shares’ par value.
156. Mr Panev, Mr Ivanov and Mr Radev claimed EUR 90,000 each. They submitted that as a result of the decisions of the prosecuting authorities they had been prevented from normally carrying out their duties as managers of the bank for a period of nine months. Under the terms of their employment, they would have received BGN 10,000 per month for their services.
157. The Government first noted that no claim in respect of pecuniary damage had been made on behalf of the bank. They went on to submit that the finding of a violation amounted to sufficient just satisfaction with respect to any damage suffered by the applicants as a result of the alleged breaches of the Convention and its Protocols. In the alternative, they argued that the claims were exorbitant. The State was not liable for the precarious financial situation in which the bank had found itself, and could not be held liable for damage arising out of transactions between private persons. As for Mr Panev, Mr Ivanov and Mr Radev, they had not led any evidence that they had indeed entered into contracts of employment with the bank.
158. As regards the claim made by Mr Bonev, the Court does not consider that he is an “injured party” with respect to the breaches found in relation to the bank. The words “injured party” in Article 41 (former Article 50) of the Convention are synonymous with the term “victim” in Article 34 (former Article 25) and denote the person directly affected by the failure to observe the Convention (see De Wilde, Ooms and Versyp v. Belgium (Article 50), 10 March 1972, § 23, Series A no. 14; The Sunday Times v. the United Kingdom (no. 1) (Article 50), 6 November 1980, § 13, Series A no. 38; and Airey v. Ireland (Article 50), 6 February 1981, § 9, Series A no. 41). The complaint that Mr Bonev made in his personal capacity with respect to the decisions taken by the prosecuting authorities in relation to bank was declared inadmissible precisely because he was not directly affected by those decisions (see paragraph 144 above). Only the bank, although now dissolved, may claim just satisfaction in that respect. The question how any award made in its favour is to be distributed is a separate matter (see OAO Neftyanaya Kompaniya Yukos v. Russia (just satisfaction), no. 14902/04, §§ 37-38, 31 July 2014).
159. Even if Mr Bonev’s claim is to be regarded as having been made on behalf of the bank, or if Mr Bonev may exceptionally be regarded as having become the “injured party” following the bulk sale of the bank’s assets to another bank in 2007, which automatically terminated all of his shareholder rights in it (see paragraphs 71, 72 and 80 above and, mutatis mutandis, Olczak, cited above, § 59 in fine, and Reisner v. Turkey, no. 46815/09, § 47, 21 July 2015), the Court does not consider that an award is called for because it is not satisfied that there exists a sufficient causal link between the breaches found and the damage claimed. The existence of such link is an indispensable condition for an award in respect of pecuniary damage (see, among other authorities, Andrejeva v. Latvia [GC], no. 55707/00, § 111, ECHR 2009).
160. It cannot be speculated what would have been the outcome of the administrative proceedings in which the BNB decided to revoke the bank’s licence and the ensuing judicial proceedings in which the Sofia City Court’s declared the bank insolvent if the breaches of Article 1 of Protocol No. 1 and Article 6 § 1 of the Convention found in relation to them had not taken place (see Capital Bank AD, cited above, § 144, as well as, mutatis mutandis, Družstevní záložna Pria and Others v. the Czech Republic (just satisfaction), no. 72034/01, § 9, 21 January 2010; Rodinná záložna, spo?itelní a úv?rní družstvo and Others v. the Czech Republic (just satisfaction), no. 74152/01, §§ 11-12, 19 January 2012; and Paulet v. the United Kingdom, no. 6219/08, § 73, 13 May 2014). No award can therefore be made in relation to those breaches.
161. The position in relation to the breach of Article 1 of Protocol No. 1 flowing from the prosecuting authorities’ decisions with respect to the bank’s management (see paragraphs 97-99 above) is somewhat more complicated. As shown from the steps taken by the BNB in the wake of those decisions, they gave rise to considerable uncertainty about which persons were entitled to manage and represent the bank, which in turn inhibited the efforts to remedy its already dire financial situation (see paragraphs 59, 60, 61 and 64 above). However, it appears that the bank had serious financial problems even before those decisions (see paragraph 63 above). The Court is therefore not persuaded that, had it not been for the prosecuting authorities’ decisions, the bank would have been able to overcome those problems and avoid insolvency. All of this leads to the conclusion that the requisite causal link between the breach and the alleged loss has not been sufficiently made out.
162. Mr Panev’s, Mr Ivanov’s and Mr Radev’s claims were, for their part, based on a complaint which was declared inadmissible (see paragraph 148 above). They must therefore be rejected as well (see Nencheva and Others v. Bulgaria, no. 48609/06, § 162, 18 June 2013).
B. Non-pecuniary damage
163. Mr Bonev, Mr Panev and Mr Ivanov claimed EUR 8,000 each in respect of mental suffering. They submitted that they had been frustrated by the decisions of the prosecuting authorities with respect to the bank’s management and the impossibility to obtain any redress. Mr Radev claimed EUR 6,000 in that respect. Mr Bonev, Mr Panev and Mr Ivanov submitted that their claims were higher as, unlike Mr Radev, they had also endured breaches of their rights under Articles 6 § 1, 8 and 13 of the Convention and Article 2 § 2 of Protocol No. 4 in connection with the criminal proceedings against them.
164. The Government noted that the criminal proceedings against Mr Bonev, Mr Panev and Mr Ivanov had resulted in final acquittals, and pointed out that those three applicants had then successfully brought claims for damages against the authorities in connection with those proceedings and been awarded substantial sums. Those sums could be regarded as sufficiently compensating any non-pecuniary damage suffered by them.
165. The Court notes that all complaints raised by Mr Bonev, Mr Panev, Mr Ivanov and Mr Radev in their personal capacity, save for those raised by Mr Panev and Mr Ivanov in relation to the freezing of their bank accounts, were declared inadmissible (see paragraphs 135, 142, 144, 146, 148, 150 and 153 above). To the extent that they relate to inadmissible complaints, their claims for just satisfaction must be rejected (see Nencheva and Others, cited above, § 162). In as much as the four applicants based their claims on the authorities’ actions in relation to the bank, the Court notes that only Mr Bonev was found to have standing to complain on the bank’s behalf (see paragraphs 91 and 92 above). But, as already noted (see paragraph 158 above), even he cannot be regarded as an “injured party”, within the meaning of Article 41 of the Convention, with respect to the breaches found in relation to the bank. It follows that none of the four applicants is entitled to compensation in respect of any non-pecuniary damage allegedly suffered as a result of those breaches. By contrast, Mr Panev and Mr Ivanov must have endured some non-pecuniary damage as a result of the unjustified freezing of all of their bank accounts. However, since they did not make any claim in respect of that, the Court sees no reason to award them anything under this head (see Rule 60 § 1 of the Rules of Court and points 5 and 15 of the Practice Direction on Just Satisfaction Claims).
C. Costs and expenses
166. The applicants sought reimbursement of (a) EUR 4,000 incurred in lawyers’ fees for the preparation of their initial application; (b) EUR 1,500 incurred in lawyers’ fees for the preparation of their follow-up complaints; and (c) EUR 2,600 incurred in lawyers’ fees for the preparation of their observations in reply to those of the Government and their claims for just satisfaction. They explained that the sums under items (a) and (b) had been entirely borne by Mr Bonev, that Mr Bonev, Mr Panev, Mr Ivanov and Mr Radev had each paid EUR 325 of the sum under item (c), and that EUR 1,300 of that sum remained outstanding and due to their second legal representative, Ms Petkova. The applicants requested that any award made in respect of that latter sum be made payable directly to Ms Petkova. The applicants further claimed BGN 167.30 (EUR 85.54) in respect of postage. In support of their claim, the applicants submitted fee agreements with their legal representatives and postal receipts.
167. The Government submitted that the claims were exorbitant. They pointed out that the agreements between the applicants and their two legal representatives did not clearly set out the respective duties of each of the two, and did not contain a breakdown of the amount of time spent by the representatives on the case. The sums claimed were many times higher than those envisaged for similar work in domestic proceedings and out of tune with economic realities in the country.
168. According to the Court’s settled case-law, costs and expenses are recoverable under Article 41 of the Convention if it is established that they were actually and necessarily incurred and are reasonable as to quantum.
169. The Court is not bound by domestic scales or standards in the assessment of the latter point (see Dimitrov and Others v. Bulgaria, no. 77938/11, § 190, 1 July 2014, with further references). It notes however that part of the application, including all complaints made by Mr Bonev and Mr Radev in their personal capacity, was declared inadmissible, which calls for a certain reduction in the award of costs (see Glass v. the United Kingdom, no. 61827/00, § 91, ECHR 2004-II; Yordanova and Toshev v. Bulgaria, no. 5126/05, § 85, 2 October 2012; and Harakchiev and Tolumov v. Bulgaria, nos. 15018/11 and 61199/12, § 289, 8 July 2014), and constitutes grounds not to award any costs to Mr Bonev and Mr Radev in respect of the complaints made in their personal capacity. Moreover, since the complaints made on behalf of the bank were examined at the instance of Mr Bonev, in his capacity as majority shareholder in it (see paragraphs 91 and 92 above), the costs referable to those complaints can only be reimbursed to him, not to Mr Panev, Mr Ivanov or Mr Radev.
170. Taking account of the information in its possession and the awards made in Capital Bank AD (cited above, § 148) and Zlínsat, spol. s r.o. (cited above, § 109), on which the main complaints in this case were based, and finding that, in view of the factual complexity of the case, it was not unreasonable for the applicants to resort to the services of two legal representatives, the Court awards Mr Bonev, Mr Panev and Mr Ivanov a total of EUR 4,085.54, plus any tax that may be chargeable to them. In line with the explanations and requests of the applicants, EUR 1,000 of this sum is to be paid to their second legal representative, Ms Petkova, EUR 200 to Mr Panev, EUR 200 to Mr Ivanov, and the remainder to Mr Bonev.
D. Default interest
171. The Court considers it appropriate that the default interest rate should be based on the marginal lending rate of the European Central Bank, to which should be added three percentage points.
FOR THESE REASONS, THE COURT, UNANIMOUSLY,
1. Decides to strike the application out of the list of cases in so far as it concerns the twenty companies listed in paragraph 6 of the judgment;

2. Rejects the Government’s request that the application be struck out of the list of cases in so far as it concerns the bank;

3. Joins to the merits the Government’s objection of non-exhaustion of domestic remedies in respect of the complaint relating to the freezing of Mr Panev’s and Mr Ivanov’s bank accounts;

4. Declares the complaints concerning (a) the decisions of the prosecuting authorities in relation to the bank’s management, (b) the revocation of the bank’s licence, (c) the alleged unfairness of the proceedings in which the bank was declared insolvent, and (d) the freezing of Mr Panev’s and Mr Ivanov’s bank accounts admissible and the remainder of the application inadmissible;

5. Holds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 in relation to the decisions of the prosecuting authorities concerning the bank’s management, and that there is no need to examine separately the related complaints under Article 6 § 1 and Article 13 of the Convention;

6. Holds that there has been a violation of Article 1 of Protocol No. 1 in relation to the decision of the BNB to revoke the bank’s licence;

7. Holds that there has been a violation of Article 6 § 1 of the Convention in relation to (a) the lack of proper representation of the bank’s interests in the proceedings opened pursuant to the BNB’s winding-up petition and (b) the refusal of the Sofia City Court to scrutinise the BNB’s determination that the bank was insolvent;

8. Holds that there have been violations of Article 1 of Protocol No. 1 and Article 13 of the Convention in relation to the freezing of Mr Panev’s and Mr Ivanov’s bank accounts and the impossibility to have that measure effectively reviewed, and accordingly rejects the Government’s objection of non-exhaustion of domestic remedies in that respect, and holds that there is no need to examine the related complaint under Article 6 § 1 of the Convention;

9. Holds
(a) that the respondent State is to pay the applicants Mr Bonev, Mr Panev and Mr Ivanov, in respect of costs and expenses, within three months from the date on which the judgment becomes final in accordance with Article 44 § 2 of the Convention, EUR 4,085.54 (four thousand eighty-five euros and fifty-four cents), plus any tax that may be chargeable to them, to be converted into the currency of the respondent State at the rate applicable at the date of settlement; EUR 1,000 (one thousand euros) of this sum is to be paid to the applicants’ legal representative, Ms Petkova, EUR 200 (two hundred euros) to Mr Panev, EUR 200 (two hundred euros) to Mr Ivanov, and the remainder to Mr Bonev;
(b) that from the expiry of the above-mentioned three months until settlement simple interest shall be payable on the above amount at a rate equal to the marginal lending rate of the European Central Bank during the default period plus three percentage points;

10. Dismisses the remainder of the applicants’ claims for just satisfaction.
Done in English, and notified in writing on 2 June 2016, pursuant to Rule 77 §§ 2 and 3 of the Rules of Court.
Claudia Westerdiek Angelika Nußberger
Registrar President
APPENDIX
OMISSIS
 

AVVISO IMPORTANTE
da leggere con attenzione prima di esaminare la sentenza

Le sentenze della Corte Europea sono liberamente disponibili sul sito ufficiale della Corte.

La Corte Europea, pero',   pronuncia le sue sentenze soltanto in lingua francese ed a volte in lingua inglese.


Per consentire agli espropriati che non conoscono queste lingue di avere un'idea di cio' che dice la Corte Europea, l'Associazione ha attivato un software di traduzione automatica delle sentenze; molte delle sentenze segnalate agli espropriati sono, quindi,  tradotte prevalentemente con programmi di traduzione automatica che, sebbene di qualita' molto elevata, servono soltanto a dare  un'idea di cio' che dice la Corte Europea a chi non conosce la lingua.
Chi fosse interessato ad un documento perfettamente tradotto, deve rivolgersi ad un traduttore specializzato in testi giuridici; se non ne dispone, puo' chiedere all'Associazione di segnalargliene uno; si badi pero' che i testi in italiano, anche se tradotti da un traduttore specializzato, non sono testi ufficiali.


Si ricorda che i testi ufficiali sono esclusivamente quelli in lingua francese o inglese e che gli Avvocati e i Tecnici che assistono gli espropriati devono utilizzarli esclusivamente nelle lingue ufficiali.
 

NOTE
I dati identificativi dei soggetti privati vengono omessi in ottemperanza alle disposizioni di legge (art 52 comma 1 d.lgs. 30 giugno 196, c.d. legge sulla privacy); questo repertorio e' un'appendice dell'opera I Diritti degli Espropriati - quali sono - come evolvono - norme italiane e norme europee - gli obblighi della P.A. - le posizioni dei Giudici, e pu?essere utilizzato senza alcun costo e senza limitazioni.




Conclusioni: Eccezione preliminare congiunta ai meriti e respinta (Articolo 35-1 - Esaurimento delle vie di ricorso nazionali)
Resto della Violazione inammissibile dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 - Protezione della proprietà (Articolo 1 par. 2 di Protocollo N.ro 1 - Controllo dell'uso della proprietà) Violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 - Protezione della proprietà (Articolo 1 par. 2 del Protocollo N.ro 1 – Controllo dell'uso della proprietà) Violazione dell’ Articolo 6 - Diritto ad un processo equanime (Articolo 6 - procedimenti Civili Articolo 6-1 - Accesso ad un tribunale per udienza corretta
Processo contraddittorio Violazione dell’ Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 - Protezione della proprietà (Articolo 1 par. 2 del Protocollo N.ro 1 - Controllo dell'uso della proprietà) Violazione dell’ Articolo 13 - Diritto ad una via di ricorso effettiva
Danno patrimoniale - rivendicazione respinta (Articolo 41 - danno Patrimoniale
Soddisfazione equa) danno Non-patrimoniale - rivendicazione respinta (Articolo 41 - danno Non-patrimoniale soddisfazione Equa)


QUINTA SEZIONE





CAUSA BANCA INTERNAZIONALE PER IL COMMERCIO E LO SVILUPPO AD ED ALTRI C. BULGARIA

(Richiesta n. 7031/05)











SENTENZA



STRASBOURG

2 giugno 2016


Richiesta per raccomandazione alla Grande Camera pendente

Questa sentenza diverrà definitivo nelle circostanze esposte fuori in Articolo 44 § 2 della Convenzione. Può essere soggetto a revisione editoriale.

INDICE
PROCEDURA 1
I FATTI 3
IO. LE CIRCOSTANZE DI LA CAUSA 3
A. gli azionisti di La banca e gestione 3
B. Le assemblee generale degli azionisti della banca 24 e 27 giugno 2004 3
C. Il Sofia le decisioni di Corte Urbana di registrare le decisioni adottate alle due assemblee generale di azionisti 5
D. I procedimenti penali contro il Sig. Bonev, il Sig. Panev ed il Sig. Ivanov 6
1. I procedimenti contro il Sig. Bonev, il Sig. Panev ed il Sig. Ivanov 6
2. I procedimenti contro il Sig. Panev ed il Sig. Ivanov 7
E. I contratti di manutenzione fra la banca ed il Sig. Panev, il Sig. Ivanov ed il Sig. Radev ed il loro tentativo di prendere su ufficio 8
F. I procedimenti di fronte alle autorità che perseguono 8
G. Il trasferimento di quota 10
H. Le richieste legali contro il Sofia le decisioni di registrazione di Corte Urbana 11
1. Le richieste per revisione 11
2. Le rivendicazioni sotto sezione 74 del Commercio Atto 1991 11
IO. Misure prese col BNB in relazione alla banca 12
J. serpeggiamento-su il quale La banca è 15
K. Il congelamento dei conti bancari dei Sig. Panev ed i Sig. Ivanov 16
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE 17
A. Il registro di società e richieste legali contro entrate in sé e contro decisioni dell'assemblea generale degli azionisti di una società 17
B. Powers delle autorità che perseguono sotto sezione 119(1)(6) dell'Atto 1994 Magistratura 17
C. i poteri di Il BNB in relazione a banche commerciali e gli articoli l'insolvenza di banca governante 17
D. Freezing dei beni di direttori di banche insolventi 19
LA LEGGE 19
IO. PUNTI PROCEDURALI E PRELIMINARI 19
II. SOSTENENDO LAMENTARSI IN FAVORE DI LA BANCA 20
III. LE AUTORITÀ CHE PERSEGUONO DECISIONI DI ' RIGUARDO ALLA GESTIONE DI LA BANCA 21
Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 (protezione di proprietà) 21
Articolo 6 § 1 della Convenzione (diritto ad un'udienza corretta) 21
Articolo 13 della Convenzione (diritto ad una via di ricorso effettiva) 21
A. Le parti le osservazioni di ' 22
B. la valutazione di La Corte 22
IV. LA REVOCA DELLA LICENZA DI LA BANCA 23
A. Le parti le osservazioni di ' 23
B. la valutazione di La Corte 24
C. I PROCEDIMENTI NEI QUALI LA BANCA FU DICHIARATA INSOLVENTE 25
A. Le parti le osservazioni di ' 25
B. la valutazione di La Corte 25
VI. IL CONGELAMENTO DEI CONTI BANCARI DEI SIG. PANEV ED I SIG. IVANOV 27
A. Le parti le osservazioni di ' 27
B. la valutazione di La Corte 27
VII. I PROCEDIMENTI PENALI 29
A. Le parti le osservazioni di ' 29
B. la valutazione di La Corte 29
VIII. IL VIAGGIO PROIBISCE 31
A. Le parti le osservazioni di ' 31
B. la valutazione di La Corte 32
IX. Altre Violazioni Allegato Di La Convenzione E Protocollo N.ro 1 32
La Richiesta di X. Di Articolo 41 Di La Convenzione 34
A. danno Patrimoniale 34
B. danno Non-patrimoniale 36
Costi di C. e spese 37
Interesse di mora di D. 38
APPENDICE 41


Nella causa di Banca Internazionale per Commercio e Sviluppo Ad ed Altri c. la Bulgaria,
La Corte europea di Diritti umani (quinta Sezione), riunendosi che come una Camera, compose di:
Angelika Nußberger, Presidente
Khanlar Hajiyev,
Erik Møse,
Yonko Grozev,
Síofra O'Leary,
Carlo Ranzoni,
Mrtiš ?Mits, giudici
e Claudia Westerdiek, Sezione Cancelliere
Avendo deliberato in privato 26 aprile 2016,
Consegna la sentenza seguente sulla quale fu adottata quel la data:
PROCEDURA
1. La causa nacque da in una richiesta (n. 7031/05) contro la Repubblica della Bulgaria depositata con la Corte sotto Articolo 34 della Convenzione per la Protezione di Diritti umani e le Libertà Fondamentali (“la Convenzione”) 17 febbraio 2005.
2. La richiesta era nel primo posto depositato in favore di OMISSIS (“la banca”), una società fondò nel 1991 quel aveva la sua sede legale in Sofia, Bulgaria. In 28 maggio 2005 la Banca Nazionale bulgara (“il BNB”) mise la banca sotto amministrazione obbligatoria, e 14 giugno 2005 revocò la sua licenza (veda divide in paragrafi 64 e 67 sotto). 29 giugno 2005 il Sofia Corte Urbana dichiarò la banca insolvente e fabbricò un ordine per sé per essere suonato su. 17 agosto 2007 la stessa corte chiuse i procedimenti serpeggiamento-in aumento in riguardo della banca e lo colpì del registro di società (veda paragrafo 72 sotto). La richiesta fu introdotta sul conto della banca coi richiedenti rimanenti.
3. Il primo di quelli richiedenti, OMISSIS è un cittadino bulgaro e svizzero nato nel 1960 e vivendo in Sofia. Lui era un azionista nella banca (veda paragrafo 11 sotto).
4. Il secondo e terzi di quelli richiedenti, OMISSIS sono cittadini bulgari nati rispettivamente nel 1963 e 1937 e vivendo rispettivamente in Sofia e Varna. Loro dissero che 24 e 27 giugno 2004 loro erano stati nominati come membri dell'asse esecutivo della banca (veda divide in paragrafi 16 e 17 sotto).
5. Il quarto di quelli richiedenti, OMISSIS è un cittadino bulgaro nato nel 1961 e vivendo in Sofia. Lui disse che 24 e 27 giugno 2004 lui era stato nominato come direttore esecutivo della banca e presidente del suo asse esecutivo (veda divide in paragrafi 16 e 17 sotto).
6. La richiesta fu depositata inizialmente anche in favore di venti società che erano similmente azionisti nella banca (veda paragrafo 11 sotto):
OMISSIS
In una lettera di 16 novembre 2005 quelle società dissero che loro desiderarono ritirare le loro azioni di reclamo perché loro avevano trasferito tutte le loro quote nella banca al Sig. Bonev (veda paragrafo 51 sotto), e perché l'insuccesso di OMISSIS per pagare per quelle quote era divenuto un problema interno fra loro seguendo il mettere della banca in liquidazione insolvente.
7. I richiedenti furono rappresentati con OMISSIS, avvocati che praticano in Sofia. Il Governo bulgaro (“il Governo”) fu rappresentato col loro Agente, il Sig.ra M. Dimova, del Ministero della Giustizia.
8. I richiedenti addussero, in particolare, che (un) le autorità che perseguono avevano interferito illegalmente con la gestione della banca; (b) la revoca della licenza della banca del BNB era stata illegale; (il c) i procedimenti nei quali la banca era stata dichiarata insolvente non erano stati equi; e (d) il congelamento di OMISSIS conti bancari personali erano stati sproporzionati e non soggetto a revisione.
9. 25 settembre 2012 la Corte decise di dare l'avviso Statale della richiesta.
10. Il Governo svizzero, stato stato informato del loro diritto per intervenire nella causa in prospettiva di OMISSIS la nazionalità svizzera (l'Articolo 36 § 1 della Convenzione e Decide 44 § 1 degli Articoli di Corte), detto, in una lettera di 2 ottobre 2012, che loro non desiderarono giovarsi a di quel l'opportunità.
I FATTI
IO. LE CIRCOSTANZE DI LA CAUSA
A. gli azionisti di La banca e gestione
11. La banca fu fondata ed entrò nel registro di società nel 1991. Secondo i documenti del BNB, i suoi azionisti 31 marzo 2004 erano il secondo richiedente, OMISSIS che sostenne 4.98% delle quote; suo fratello, il Sig. P.E.B. che anche sostenne 4.98% delle quote; le venti società elencarono in paragrafo 6 sopra ognuno di che sostenne fra 4.98% e 2.81% delle quote; un Sig. B.P. che sostenne 0.19% delle quote; ed un Sig. P.B. che sostenne 1.20% delle quote (per un pieno guasto, veda l'Appendice).
12. Al tempo di materiale la banca aveva un sistema di gestione doppio, mentre consistendo di un asse esecutivo ed un consiglio di sorveglianza. Il Sig. Panev ed il Sig. Ivanov erano membri dell'asse esecutivo fra il 2003 e 5 aprile 2004 di 30 maggio. In maggio e giugno 2004 Sig. B.P. (veda paragrafo 11 sopra) era membro dell'asse esecutivo della banca ed uno dei suoi direttori esecutivi.
B. Le assemblee generale degli azionisti della banca 24 e 27 giugno 2004
13. Nelle prime 2004 tensioni sorse fra gli azionisti della banca e fra alcune degli azionisti e la gestione della banca. Sul 2004 Sig. Bonev di 18 marzo e Sapori, le Fragranze e Chemicals (FFCH) Ltd, mentre agendo in veste loro come azionisti che avevano sostenuto più di cinque per cento delle quote della banca per più di tre mesi, chiese all'asse esecutivo di chiamare un'assemblea generale di azionisti con una prospettiva ad adottando emendamenti agli articoli della banca dell'associazione, riducendo il numero di membri del dirigente d'azienda della banca ed assi direttivi, e sostituendo alcuni degli assi i membri di '. Lo stesso giorno che l'asse esecutivo è stato d'accordo a chiamare tale riunione, ma 23 marzo 2004 il consiglio di sorveglianza accantonò la sua decisione e chiamò un'assemblea generale di azionisti con un ordine diverso di affari, essere sostenuto 24 giugno 2004.
14. Quindi il Sig. Bonev, Scheda Operazione Ripara Ltd, Sapori, le Fragranze e Chemicals (FFCH) Ltd, Geneltech Ltd Generale Cibi Int'l Corp, Finanza Industriale Int'l Corp, Megatours-una Dimensione Nuova in Viaggiare-Inc, Petrofinance Ltd e V.V.V. Partecipazione azionaria Corp, mentre agendo in veste loro come azionisti che avevano sostenuto più di cinque per cento delle quote della banca per più di tre mesi, fatto domanda alla Sofia Città Corte per un ordine che aggiunge i punti che loro hanno desiderato avere incluso sull'ordine dell'assemblea generale di affari. In 14 maggio 2004 il presidente dell'asse esecutivo della banca ed uno dei suoi direttori esecutivi obiettò alla richiesta, mentre dicendo che secondo il registro dei soci della banca, le persone che avevano fatto la richiesta non sostennero abbastanza quote per essere concesso per fare uno, e che le società che avevano fatto la richiesta non avevano prodotto credenziali corrette. 8 giugno 2004 il Sofia che Corte Urbana ha fabbricato un ordine nei termini chiesti coi Sig. Bonev e le società, mentre notò che loro avevano provò che loro contenevano il numero richiesto di quote da più di tre mesi per dichiarazioni autenticate.
15. Separatamente, i Sig. Bonev e Sapori, le Fragranze e Chemicals (FFCH) Ltd, mentre agendo di nuovo in veste loro come azionisti che avevano sostenuto più di cinque per cento delle quote della banca per più di tre mesi, chiese alla Sofia Città Corte di autorizzare che loro chiamare un'assemblea generale separata di azionisti, con l'ordine di affari che loro hanno desiderato avere. Stabilire la loro veste come azionisti, loro inclusero con la loro richiesta che garanzie di quota provvisorie hanno emesso nel 2003. In 17 maggio 2004 il Sofia Corte Urbana sostenne la richiesta. In 20 e 26 maggio 2004 il presidente dell'asse esecutivo della banca ed uno dei suoi direttori esecutivi, il Sig. B.P., chiese alla corte di variare il suo ordine, mentre dibattendo che le garanzie di quota provvisorie non erano state registrate nel registro dei soci della banca, e che i documenti inclusero coi richiedenti la richiesta di ' non era stata emessa con persone autorizzò ad agire sul conto della banca. In 20 e 28 maggio 2004 la corte rifiutò di variare il suo ordine, mentre sostenendo che con legge che non era possibile.
16. Sul 2004 mandatari di 24 giugno che rappresentano le venti società elencati in paragrafo 6 sopra si presentò ai locali della banca con una prospettiva a prendendo parte nell'assemblea generale di azionisti. Il Sig. P.E.B, il Sig. B.P. ed il Sig. P.B. che fra loro 6.37% delle quote della banca sostennero, fu rappresentato anche. Il perpetrazione di votazione affidato con l'asse esecutivo della banca per controllare gli azionisti credenziali di ' rifiutate di accettare la quota provvisoria garantisce per che le venti società chiesero di stabilire la loro veste come azionisti. Concludendo che solamente 6.37% delle quote furono rappresentati debitamente, il perpetrazione decise di aggiornare la seduta per un'altra data. Una controversia conseguì, e le venti società mandatari di ' sostenuti un'assemblea generale parallela nella scala della banca stanno costruendo. Loro risolsero correggere gli articoli della banca dell'associazione, riduca il numero di membri dei suoi assi esecutivi e direttivi da cinque a tre, rimuova quattro membri del consiglio di sorveglianza e quattro membri dell'asse esecutivo, incluso il Sig. B.P., e nomina due membri nuovi del consiglio di sorveglianza e tre membri nuovi dell'asse esecutivo che doveva essere anche direttori esecutivi: i richiedenti il Sig. Panev, il Sig. Ivanov ed il Sig. Radev.
17. 27 giugno 2004 Sig. Bonev e le venti società che i mandatari di ' hanno tentato di sostenere un'altra assemblea generale di azionisti al Sofia l'albergo di Hilton, come autorizzato con la Sofia Città Corte (veda paragrafo 15 sopra). Il Sig. P.E.B, il Sig. B.P. ed il Sig. P.B. fu rappresentato anche. La polizia si presentò, mentre tentando di prendere le garanzie di quota provvisorie che il Sig. Bonev e le venti società i mandatari di ' furono supposti per usare per stabilire la loro veste come azionisti, ma non poteva trovarli apparentemente. La polizia stava agendo su un ordine emesso con le autorità che perseguono in collegamento con procedimenti penali riguardo alla genuinità di quelle garanzie che loro avevano aperto facendo seguito ad azioni di reclamo del Sig. B.P. (veda paragrafo 22 sotto). In prospettiva dell'insuccesso dei mandatari per produrre garanzie di quota valide, il perpetrazione di votazione affidato con l'asse esecutivo della banca per controllare gli azionisti credenziali di ' trovate che solamente 6.37% delle quote furono rappresentati debitamente e decisero di aggiornare la seduta per un'altra data. Comunque, il Sig. Bonev e le venti società i mandatari di ' sostennero un'assemblea generale parallela in una stanza adiacente, ed adottò le stesse decisioni come gli uni adottati 24 giugno 2004.
C. Il Sofia le decisioni di Corte Urbana di registrare le decisioni adottate alle due assemblee generale di azionisti
18. 16 agosto 2004 la Sofia Città Corte, mentre riunendosi in privato, decise di digitare i cambi risolti su all'assemblea generale 24 giugno 2004 (veda paragrafo 16 sopra) nel registro di società. La corte fondò che i cambi nella gestione della banca e l'emendamento dei suoi articoli dell'associazione erano stati eseguiti debitamente. Registrò l'emendamento agli articoli della banca dell'associazione e la riduzione del numero di membri dei suoi assi esecutivi e direttivi da cinque a tre. La corte colpì anche del registro quattro membri del consiglio di sorveglianza e quattro membri dell'asse esecutivo, incluso il Sig. B.P., e due membri nuovi registrati del consiglio di sorveglianza e tre membri nuovi dell'asse esecutivo che doveva anche essere direttori esecutivi: i richiedenti il Sig. Panev, il Sig. Ivanov ed il Sig. Radev. Infine, la corte registrò il Sig. Panev come presidente dell'asse esecutivo. La corte specificò che la sua decisione sarebbe stata entrata nel registro di società e sarebbe pubblicata, e che non era soggetto a ricorso.
19. La decisione della corte fu entrata nel registro di società il pomeriggio del giorno seguente, 17 agosto 2004. Di mattina un notaio spedito al registro di società col Sig. B.P. certificò che la decisione non era stata entrata ancora nel registro. Lo stesso giorno la corte emise un certificato che riflette i cambi nella registrazione della banca.
20. 24 agosto 2004 la Sofia Città Corte, mentre riunendosi in privato, decise di digitare i cambi ed emendamenti risolti su all'assemblea generale 27 giugno 2004 (veda paragrafo 17 sopra) nel registro di società. La corte fondò che i cambi nella gestione della banca e l'emendamento dei suoi articoli dell'associazione erano stati resi debitamente. I cambi registrati con la corte erano identici agli uni registrati con la sua decisione di 16 agosto 2008 (veda paragrafo 18 sopra).
21. Successivamente, il Sig. B.P. ed il Sig. P.B. revisione chiesta di quelle due decisioni e portò rivendicazioni per l'annullamento delle decisioni di azionista cui la registrazione loro ordinarono (veda divide in paragrafi 52-58 sotto).
D. I procedimenti penali contro il Sig. Bonev, il Sig. Panev ed il Sig. Ivanov
1. I procedimenti contro il Sig. Bonev, il Sig. Panev ed il Sig. Ivanov
22. Sul 2004 Sig. B.P di 19 maggio. scritto alla polizia ed all'Ufficio del Sofia Distretto Accusatore, adducendo che la quota provvisoria garantisce su che i Sig. Bonev e Sapori, le Fragranze e Chemicals (FFCH) Ltd si era appellato ottenere l'ordine della corte di 17 maggio 2004 (veda paragrafo 15 sopra) era falso e non corrispose alle entrate nel registro dei soci della banca. Lui indicò che le garanzie erano state firmate col Sig. Panev ed il Sig. Ivanov, e chiese alle autorità di aprire procedimenti penali e controllo se a qualsiasi reati penali erano stati commessi in relazione quel.
23. 4 giugno 2004 la polizia emise un ordine per l'arresto del Sig. Panev per ventiquattro ore. Lui fu arrestato e rilasciò più tardi lo stesso giorno. Non sembra che lui ha tentato di chiedere controllo giurisdizionale della sua detenzione.
24. Di giorni seguenti il Sig. Panev ed il Sig. Ivanov furono accusati col facendo documenti privati e falsi. Il Sig. Bonev era, per la sua parte, accusò con l'usando un documento ufficiale e falso. Le accuse furono corrette più tardi: Il Sig. Panev ed il Sig. Ivanov furono accusati col facendo documenti ufficiali e falsi, ed il Sig. Bonev fu accusato con l'usando di proposito un documento falso.
25. 11 giugno 2004 l'Ufficio del Sofia Distretto Accusatore, notando che il Sig. Panev ed il Sig. Ivanov avevano estensivamente nei quattro travelled degli anni passati fuori del paese che nella sua prospettiva volle dire che loro potessero cercare di evadere la responsabilità penale fuggendo all'estero, li proibì dal lasciare il paese. 23 luglio 2004 prese la stessa decisione riguardo al Sig. Bonev.
26. 29 dicembre 2004 l'Ufficio del Sofia Distretto Accusatore rifiutò il Sig. Bonev, le richieste dei Sig. Panev ed i Sig. Ivanov che le proibizioni di viaggio siano tolte. Ragionò che, in prospettiva dello stadio avanzato dei procedimenti di pre-processo, la loro assenza prolungata dal paese provocherebbe ritardi.
27. L'indagine preliminare fu completata nella fine di dicembre 2004 e 11 gennaio 2005 che i tre richiedenti sono stati accusati. Comunque, trovando che l'accusa patì i vari difetti, 25 gennaio 2005 che la Corte distrettuale di Sofia si è riferita di nuovo la causa alle autorità che perseguono.
28. 14 giugno 2005 l'Ufficio del Sofia Distretto Accusatore rifiutò una richiesta col Sig. Bonev per essere concesso per viaggiare a Svizzera per riunioni di affari in luglio, agosto, settembre ed ottobre 2005.
29. 27 giugno 2005 l'Ufficio del Sofia Distretto Accusatore re-presentò l'accusa, e 22 luglio 2005 la Corte distrettuale di Sofia espose la causa in giù per processo 6 dicembre 2005.
30. 11 luglio 2005 la Corte distrettuale di Sofia rifiutò nel frattempo, una richiesta col Sig. Bonev per essere concesso per viaggiare a Svizzera per riunioni di affari. Contenne che non c'era prova che lui aveva un bisogno incalzante di viaggiare là. 21 settembre e 19 ottobre 2005 la corte permise comunque, al Sig. Bonev di viaggiare all'estero rispettivamente in ottobre e la prima la metà di novembre 2005. 27 ottobre 2005 gli concedè viaggiare a Turchia nella fine di novembre 2005 per un seminario di affari.
31. La Corte distrettuale di Sofia ascoltò la causa il 2005 e 14 marzo di 6 dicembre, 5 giugno e 19 ottobre 2006.
32. All'udienza 6 dicembre 2005, notando che il Sig. Bonev era sembrato debitamente e non aveva tentato di fuggire durante l'indagine, la corte gli concedè viaggiare all'estero durante il periodo sino all'udienza seguente. 17 febbraio 2006 la corte permise al Sig. Bonev di viaggiare a Belgio nel secondo la metà di marzo 2006 per riunioni di affari.
33. In 4 aprile, 26 aprile e 5 maggio 2006 la Corte distrettuale di Sofia tolse rispettivamente le proibizioni di viaggio imposte sul Sig. Bonev, il Sig. Panev ed il Sig. Ivanov.
34. 19 ottobre 2006 la Corte distrettuale di Sofia assolse il Sig. Panev, il Sig. Ivanov ed il Sig. Bonev. La sua sentenza non fu piaciuta contro e divenne definitivo 4 novembre 2006.
2. I procedimenti contro il Sig. Panev ed il Sig. Ivanov
35. Rispettivamente il Sig. Ivanov ed il Sig. Panev furono accusati con reati di falsificazione in collegamento con la loro partecipazione nell'assemblea generale di azionisti della banca 14 e 18 ottobre 2004 24 giugno 2004 (veda paragrafo 16 sopra). 18 gennaio 2005 l'Ufficio del Sofia Distretto Accusatore li proibì dal lasciare il paese. Quattro altre persone furono accusate come bene.
36. Sul 2005 Sig. Panev di 13 aprile, il Sig. Ivanov e loro co-accusato fu accusato. Comunque, trovando che l'accusa patì i vari difetti, 3 giugno 2005 che la Corte distrettuale di Sofia si è riferita di nuovo la causa alle autorità che perseguono.
37. 27 novembre 2005 i re di Ufficio del Sofia Distretto Accusatore presentarono l'accusa. La Corte distrettuale di Sofia ascoltò la causa su quattro date non specificate nel 2005-06.
38. Su una data non specificata nell'autunno di 2005 Sig. Panev ed il Sig. Ivanov la Corte distrettuale di Sofia chiese a togliere le proibizioni di viaggio. In una decisione di 24 novembre 2005 la corte rifiutò la loro richiesta, ma 4 aprile 2006 tolse le proibizioni.
39. 11 luglio 2006 la Corte distrettuale di Sofia assolse i Sig. Panev, i Sig. Ivanov ed i loro quattro co-accusato. 25 luglio 2006 l'accusa piacque ma poi ritirò il suo ricorso, e 18 dicembre 2006 il Sofia Corte Urbana cessò i procedimenti di ricorso.
E. I contratti di manutenzione fra la banca ed il Sig. Panev, il Sig. Ivanov ed il Sig. Radev ed il loro tentativo di prendere su ufficio
40. Sul 2004 Sig. Panev di 16 agosto, il Sig. Ivanov ed il Sig. Radev entrarono in contratti di manutenzione con la banca, rappresentata con un membro del suo consiglio di sorveglianza. Loro si impegnarono riunirsi sull'asse esecutivo della banca per tre anni che seguono la registrazione delle decisioni dell'assemblea generale di azionisti per nominarli come membri di quel l'asse. In ritorno, ognuno di loro era ricevere un salario mensile di 10,000 levs bulgari (BGN) più un oste di altri benefici.
41. Lo stesso giorno che il Sig. Panev ed il Sig. Ivanov hanno tentato di prendere sui loro doveri, ma la gestione precedente della banca rifiutò di sgombrare i loro uffici e chiamò la polizia, mentre dicendo che loro non erano consapevoli di qualsiasi decisione di rimuoverli. Il prossimo giorno, 17 agosto 2004 che la gestione precedente della banca costretta i richiedenti fuori della banca sta costruendo, con aiuto dalla polizia. Sembra che la polizia stava agendo su ordini dalle autorità che perseguono (veda paragrafo 42 sotto).
F. I procedimenti di fronte alle autorità che perseguono
42. 17 agosto 2004 il Sofia l'Ufficio di Accusatore Urbano ordinò la polizia per assistere il Sig. B.P. nell'ostacolare qualsiasi cambi nel quo di status nella gestione della banca ed operazioni, ed avvertire il Sig. Panev, il Sig. Ivanov ed il Sig. K.Y., un di recente membro registrato del consiglio di sorveglianza della banca, frenarsi da qualsiasi azioni in relazione a quello finché la questione era stata risolta debitamente con le autorità competenti. Si appellò su sezione 119(1)(6) dell'Atto 1994 Magistratura (veda paragrafo 77 sotto), e ragionato che il Sofia la decisione di Corte Urbana di 16 agosto 2004 (veda paragrafo 18 sopra) era stato verificando con l'Ufficio del Sofia Distretto Accusatore che il documento steso col notaio pubblico (veda paragrafo 19 sopra) lo fece evidente che che decisione non era stata entrata nel registro di società che vollero dire che non faceva infatti esista, che il Sig. B.P. aveva fatto domanda alla Corte Suprema di Cassazione per riaprire i procedimenti ed annullare che decisione (veda paragrafo 52 sotto), e che con tentando di attivare la decisione il Sig. Panev, il Sig. Ivanov ed il Sig. K.Y. stava interferendo con gli affari normali della banca. L'accusatore fondò che, in prospettiva della possibilità per loro per sbarazzarsi dei documenti della banca ed i beni e mettere in pericolo gli interessi dei depositanti della banca che hanno generato un vero rischio di danno irreparabile.
43. Il Sig. Panev, il Sig. Ivanov ed il Sig. K.Y. fece appello al Sofia l'Ufficio di Accusatore Di appello, mentre dibattendo che l'ordine era illegale ed arbitrario. Loro indicarono che il Sofia la decisione di Corte Urbana era valida ed immediatamente esecutivo, che nessun ricorso posò contro sé alla Corte Suprema di Cassazione, e che le autorità che perseguono non avevano nessun potere per sospendere la sua esecuzione. La questione se una decisione giudiziale era stata entrata nel registro di società sarebbe stabilito sulla base di documenti ufficiali emessa con la corte competente, non di un documento steso con un notaio pubblico fuori della sua competenza. Il certificato emesso con la Sofia Città Corte (veda paragrafo 19 sopra) mostrò che la sua decisione aveva infatti stato entrato debitamente nel registro di società.
44. 23 agosto 2004 il Sofia l'Ufficio di Accusatore Di appello respinse il ricorso. Notò che il Sofia che l'Ufficio di Accusatore Urbano era stato spronato in azione con informazioni, dato a sé con l'Ufficio del Sofia Distretto Accusatore che il Sofia è probabile che la decisione di Corte Urbana di fare cambi nella registrazione della banca sarebbe stata basata su documenti falsi. Al tempo quando il Sofia l'Ufficio di Accusatore Urbano aveva emesso il suo ordine, il Sofia che la decisione di Corte Urbana non era stata entrata ancora nel registro di società. Procedimenti contro che decisione sia pendente di fronte alla Corte Suprema di Cassazione. Tutti di quel mostrò che finché l'Ufficio del Sofia Distretto Accusatore aveva completato la sua indagine nella questione o sino alla Corte Suprema di Cassazione sentenza aveva dato, là continuerebbe ad esistere un rischio di cambi nel quo di status e danno irreparabile alla banca.
45. Il Sig. Panev, il Sig. Ivanov ed il Sig. K.Y. fece appello all'Ufficio dell'Accusatore di Cassazione Supremo, mentre reiterando i loro argomenti.
46. 7 settembre 2004 l'Ufficio dell'Accusatore di Cassazione Supremo respinse il ricorso. Ragionò che era senza possibiltà di dubbio che le autorità che perseguono furono affrontate con una decisione giudiziale sotto richiesta e con prova che che decisione era stata ottenuta per l'uso di documenti falsi. Inoltre, la decisione era stata emessa nonostante una decisione che sospende i procedimenti di registrazione e l'esistenza di procedimenti di contenzioso pendenti. Gli appellanti l'argomento di ' che la Corte Suprema di Cassazione non aveva nessuna giurisdizione per ascoltare una richiesta legale contro il Sofia la decisione di Corte Urbana era inefficace perché le autorità che perseguono non erano competenti per fare dichiarazioni su simile punti. Affrontato con procedimenti giudiziali e pendenti ed un'indagine penale e pendente, loro furono legati per prendere misure per ostacolare cambi nel quo di status di fronte a qualsiasi decisione giudiziale della questione. Gli appellanti che ' tenta di cambiare che quo di status fu premesso su diritti acquisiti per una decisione giudiziale basata su documenti falsi. Era necessario per l'ordinamento giudiziario per controllare la legalità di che decisione e per le autorità inquirenti per raggruppare prova con una prospettiva a scoprendo la verità. La banca doveva essere protegguta contro danno che fluisce da reati che già erano stati commessi e dal rischio di reati futuri. I requisiti indispensabile di sezione 119(1)(6) dell'Atto 1994 Magistratura (veda paragrafo 77 sotto) era perciò a posto.
47. Il Sig. Panev, il Sig. Ivanov ed il Sig. K.Y. fece appello all'Accusatore Principale, mentre dibattendo che le autorità che perseguono avevano agito in un patentemente modo illegale ed in eccesso dei loro poteri. Le loro decisioni erano state basate su sentenze false di fatto, e sulla sentenza-non basato su una definitivo condanna-che reati erano stati commessi con loro.
48. 28 settembre 2004 il capo della divisione delittuosa ed economica dell'Ufficio dell'Accusatore di Cassazione Supremo, a chi la causa era stata assegnata, respinse il ricorso. Lui ragionò che le autorità che perseguono avevano agito legalmente ed all'interno dei loro poteri sotto sezione 119(1)(6) dell'Atto 1994 Magistratura (veda paragrafo 77 sotto). L'Ufficio del Sofia Distretto Accusatore stava investigando la creazione di documenti falsi con una prospettiva ad ottenendo cambi nella registrazione della banca, ed il Sofia che la decisione di Corte Urbana era stata impugnata di fronte alla Corte Suprema di Cassazione. C'era stato perciò un bisogno di preservare il quo di status con una prospettiva ad assicurando l'operazione normale della banca.
49. Lo stesso giorno, 28 settembre 2004 l'Ufficio del Sofia Distretto Accusatore ordinò la polizia per prendere misure per assicurare ottemperanza col Sofia l'Ufficio di Accusatore Urbano ordine di 17 agosto 2004 (veda paragrafo 42 sopra) e la conservazione del quo di status nella banca. Notò che procedimenti penali erano stati avviati contro membri della gestione di recente nominata della banca in relazione a reati documentari, e che informazioni esisterono che un gruppo di persone aveva tentato di digitare i locali della banca. Il Sig. B.P. ed i richiedenti il Sig. Panev ed il Sig. Ivanov si erano lamentati alle autorità che perseguono in relazione a quel. Poiché i procedimenti penali concernerono dichiarazioni di usare documenti falsi per ottenere decisioni giudiziali di fare entrate nel registro di società, era appropriato per mantenere il quo di status durante la decisione della causa. Questo già era stato ordinato effettivamente, con gli uffici dell'accusatore più alto le cui decisioni erano obbligatore per l'Ufficio del Sofia Distretto Accusatore. La decisione non menzionò le disposizioni legali sulle quali fu basato.
50. Di mesi seguenti il Sig. Bonev scrisse un numero di lettere all'Accusatore Principale e tentò di soddisfarlo in persona con una prospettiva ad ottenendo l'annullando o variando degli accusatori sopra le decisioni di ', inutilmente. Lui presentò anche reclami col Ministro della Giustizia ed il Consiglio Giudiziale e Supremo.
G. Il trasferimento di quota
51. 25 agosto 2004 le venti società elencate in paragrafo 6 sopra trasferirono le loro quote al Sig. Bonev con girando le garanzie di quota provvisorie emesse nel 2003. Di conseguenza, lui divenne il proprietario di 93.63% delle quote della banca. Le società presentarono che il Sig. Bonev pagò parte delle quote ' immediatamente fissa il prezzo di e si impegnò pagare il resto quando il trasferimento sarebbe stato registrato nel registro dei soci della banca. Le società presentarono che loro non potessero ottenere il resto del prezzo perché la gestione precedente della banca che era correndo de facto la banca con virtù degli accusatori le decisioni di ' delineò in paragrafi 42-49 sopra, rifiutato di registrare il trasferimento.
H. Le richieste legali contro il Sofia le decisioni di registrazione di Corte Urbana
1. Le richieste per revisione
52. Su una data non specificata in 2004 Sig. B.P. ed il Sig. P.B. revisione chiesta del Sofia le decisioni di Corte Urbana di 16 e 24 agosto 2004 (veda divide in paragrafi 18 e 20 sopra).
53. In due decisioni di 4 febbraio 2005 (.? ? 6 ?04.02.2005.? ?? ??. ?. ? 554/2004.? ?., e.? ? 7 ?04.02.2005.? ?? ??. ?. ? 483/2004.? ?.) un pannello di tre-membro della Corte Suprema di Cassazione rifiutò di esaminare le richieste, partecipazione azionaria che decisioni giudiziali che fanno entrate nel registro di società non erano soggetto a revisione. Simile decisioni non determinarono controversie fra contendenti avversario e non goderono res judicata. Il modo corretto di contestare entrate nel registro di società ottenuto con criminale vuole dire era con modo di una rivendicazione sotto Articolo del quale 431 § 2 del Codice di Procedura 1952 Civile che mira ad avere le entrate ha annullato sotto Articolo 498 che Codice (veda paragrafo 76 sotto). Il Sig. B.P. ed il Sig. P.B. fatto appello. In due decisioni di 28 giugno 2005 (.? ?? 28.06.2005.? ?? ??. ?. ? 53/2005.? ?-?, e.? ? 28 ?28.06.2005.? ?? ??. ?. ? 52/2005.? ?-?) un pannello di cinque-membro della Corte Suprema di Cassazione sostenne le direttive del pannello di tre-membro, mentre concordando pienamente con loro.
2. Le rivendicazioni sotto sezione 74 del Commercio Atto 1991
54. Nel frattempo, il Sig. B.P. ed il Sig. P.B. rivendicazioni portate contro la banca sotto sezione 74 del Commercio Atto 1991 (veda paragrafo 76 sotto), chiedendo che alla Sofia Città Corte annullare le decisioni delle assemblee generale di azionisti, contenne 24 e 27 giugno 2004 (veda divide in paragrafi 16 e 17 sopra).
55. In due sentenze di 28 febbraio e 7 marzo 2005, il Sofia Corte Urbana concedè le rivendicazioni ed annullò tutte le decisioni adottate con le due riunioni. Fondò che le sedute erano state aggiornate col perpetrazione di votazione per mancanza di quorum e non erano successe, e che le riunioni parallele non erano state valide, principalmente perché le persone che avevano preso parte in loro non avevano stabilito la loro veste come azionisti sulla base di garanzie di quota provvisorie e valide.
56. Ricorsi seguenti con la banca, rappresentò con la gestione nominata a giugno 2004 (veda divide in paragrafi 16 e 17 sopra) e registrò con la Sofia Città Corte ad agosto 2004 (divide in paragrafi 18-20 sopra), 16 e 19 giugno 2006 la Corte d'appello di Sofia annullò rispettivamente quelle sentenze e respinse le rivendicazioni. Fondò che le persone che avevano sostenuto le riunioni parallele avevano infatti rappresentò 93.62% del capitale della banca. I documenti della banca che furono uguali pienamente a quelli del BNB ed un documento emise col Sig. B.P. nella sua veste come direttore esecutivo nel giorno della riunione, mostrò che loro erano state davvero azioniste in sé.
57. Su ricorsi del Sig. B.P. ed il Sig. P.B., in due sentenze di 7 giugno e 3 luglio 2007 (.? ? 111 ?07.06.2007. ?. ? 598/2006?.? ?., e.? ? 113 ?03.07.2007. ?. ? 600/2006?.? ?.) la Corte Suprema di Cassazione annullò le sentenze della Corte d'appello di Sofia ed annullò le decisioni delle due assemblee generale. Contenne che, dove quote nominative che ancora non erano state emesse concernerono, il modo solo di provare che una persona era un azionista concesso per prendere parte in un'assemblea generale era con producendo una garanzia di quota provvisoria e valida. Questo non era accaduto alle due riunioni. Loro erano stati contenuti perciò con persone la cui veste come azionisti non era stata stabilita debitamente, e tutte le decisioni adottarono con loro era illegale.
58. 27 giugno e 18 luglio 2007 la Sofia Città Corte, agendo di sua propria istanza (veda paragrafo 76 sotto), e notando che le decisioni delle assemblee generale di 24 e 27 giugno 2004 erano state annullate ultimamente con la Corte Suprema di Cassazione, annullò le entrate nel registro di società relativo a quelle decisioni.
IO. Misure prese col BNB in relazione alla banca
59. Fra settembre 2004 ed aprile 2005 i richiedenti chiesero ripetutamente al BNB di esercitare i suoi poteri direttivi e prendere misure per chiarire la situazione della banca. 4 ottobre 2004 che il BNB ha scritto all'Accusatore Principale con una prospettiva a delucidando l'effetto degli accusatori le decisioni di ' delineato in paragrafi 42-49 sopra sulla gestione della banca, ma apparentemente non ricevette una replica.
60. 10 febbraio 2005 l'aggiunto-governatore del BNB in accusa di depositare denaro soprintendenza notata che al Sig. Panev ed il Sig. Ivanov che erano stati registrati debitamente come membri dell'asse esecutivo della banca erano stati impedendo di eseguire i loro doveri come un risultato delle decisioni delle autorità che perseguono (veda divide in paragrafi 42-49 sopra). Quel lo costituì impossibile l'asse esecutivo della banca funzionare. I tentativi di avvicinarsi all'Accusatore Principale con una prospettiva a risolvendo il problema si ebbe dimostrati infruttiferi. Allo stesso tempo, un controllo delle finanze della banca eseguito a dicembre 2004 mostrò, che la sua busta di credito stava deteriorando quota al mai insuccesso più frequente dei suoi debitori per riparare prestiti considerevoli prolungato con la banca, e che la banca non stava eseguendo valutazioni di rischio di credito corrette. Tutti di che seriamente colpito la sua stabilità e gli interessi dei suoi creditori e depositanti. Era perciò necessario per prendere misure urgenti per risolvere il problema con la gestione della banca. L'aggiunto-governatore del BNB decise di conseguenza di chiamare una riunione del consiglio di sorveglianza della banca 11 febbraio 2005 con una prospettiva a prendendo misure, possibilmente incluso sostituendo i membri dell'asse esecutivo della banca che potrebbe permettere alla banca di essere maneggiata efficacemente. L'ordine specificò che immediatamente era esecutivo e non soggetto a controllo giurisdizionale.
61. Il prossimo giorno, 11 febbraio 2005 il consiglio di sorveglianza della banca contenne una riunione alla quale risolse alleviare il Sig. Ivanov dei suoi doveri come direttore esecutivo della banca e membro del suo asse esecutivo, e nominare un Sig. S.S. nel suo posto. L'asse notò che l'allontanamento del Sig. Ivanov non era a causa di qualsiasi insuccesso da parte sua ma a fattori oltre il controllo della banca. Il prossimo giorno, 18 febbraio 2005 il BNB informò la banca che diede la sua approvazione regolatore ai cambi nell'asse esecutivo della banca.
62. Sul 2005 Sig. Panev di 18 febbraio ed il Sig. S.S. chiesto alla Sofia Città Corte di registrare la decisione del consiglio di sorveglianza. Sul 2005 Sig. B.P di 17 marzo. ed il fratello del Sig. Bonev, il Sig. P.E.B., agendo nella loro veste come azionisti nella banca, chiese alla corte di non procedere con la registrazione durante la conseguenza dei procedimenti in che il Sig. B.P. ed il Sig. P.B. aveva impugnato le decisioni delle assemblee generale di azionisti di 24 e 27 giugno 2004 (veda paragrafo 54 sopra). 21 marzo 2005 la corte sostenne che richiesta seconda, notando che le decisioni dell'assemblea generale sotto richiesta inclusero quell'a nominare il consiglio di sorveglianza cui decisione che la corte si chiedeva ad entrare nel registro di società. Questa registrazione sarebbe aggiornata perciò durante la conseguenza dei procedimenti contro le decisioni dell'assemblea generale.
63. Di mesi seguenti il BNB istruì ripetutamente la banca a prendere passi per superare le sue difficoltà finanziarie. In 4 maggio 2005 notò che, contrari ad un articolo legale che proibisce banche dal mettere in mostra più di un quartiere di capitale loro a qualsiasi un debitore, la banca aveva, come presto come luglio 2004, steso un grande prestito ad una società. Nonostante le istruzioni del BNB per fissare che, la banca aveva più tardi, sul contrario, aumentò vastamente la sua esposizione a quel la società. Fu messo in mostra anche eccessivamente agli altri debitori, ed affrontò con un deterioramento serio della sua busta di credito, con insuccessi mai più frequenti coi suoi nove debitori principali per riparare i loro prestiti. Quel costrinse la banca ad aumentare il suo prestito che non-compie approvvigiona, ma facendo vuoterebbe così il suo capitale ad un livello che richiede revoca della sua licenza. Il BNB chiese perciò a tutte le persone impegnate col correndo la banca per congiungere sforzi di rimediare alla sua situazione, ed immediatamente istruì la banca a portare la sua esposizione in linea coi requisiti legali e raccogliere i suoi prestiti in ritardo da nove società e tutti i suoi prestiti da un'altra società. Il BNB sbarrò anche la banca dal prendere in termine depositi nuovi, ometta da azionisti, e l'avvertì che inosservanza con quelle istruzioni avrebbe condotto a misure più aspre, incluso l'appuntamento di amministratori speciali o revoca della sua licenza.
64. In 28 maggio 2005 l'aggiunto-governatore del BNB in accusa di depositare denaro soprintendenza decise di mettere la banca sotto amministrazione obbligatoria e nominare due amministratori speciali per correrlo per tre mesi. Lei notò che già era stato stabilito che la situazione finanziaria della banca aveva deteriorato sostanzialmente e che il suo capitale era sotto l'importo richiesto con legge che mandò a chiamare azione riparatore ed immediata; in particolare, la raccolta di alcuni dei prestiti prolungata con la banca. Nonostante istruzioni a quell'effetto col BNB ed un avvertimento che omissione di atto provocherebbe misure più aspre, la gestione della banca non aveva intentato simile causa. Un rapporto con un ispettore nominato col BNB mostrò che la liquidità della banca stava peggiorando quotidiana. La banca era perciò a rischio dell'insolvenza che i suoi azionisti e gestione non avevano preso passi per distogliere. C'era incertezza in relazione alle persone che corrono la banca: quelli facendo così più davvero rappresentò nel registro di società e non era in legge concesso per agire sul conto della banca, mentre quelli rappresentando nel registro non poteva infatti faccia così a causa delle decisioni delle autorità che perseguono (veda divide in paragrafi 42-49 sopra). Quel gettò dubbio sull'affidabilità dei rapporti che la banca stava presentando al BNB; c'erano ragioni di credere che la sua situazione finanziaria era peggiore che traspirare da questi rapporti. Allo stesso tempo, la lotta corpo a corpo fra gli azionisti della banca preclusi fuori di assistenza. Tutti che hanno mostrato che gli interessi dei depositanti della banca erano a rischio serio, ed il BNB aveva nessuna alternativa ma metterlo sotto amministrazione e nominare amministratori speciali per correrlo. Il BNB specificò che il suo ordine immediatamente era esecutivo e non soggetto a controllo giurisdizionale.
65. Di giorni seguenti gli amministratori speciali invitarono la gestione della banca ed azionisti a prendere passi per chiarire la situazione della banca. Il Sig. Bonev entrò in accordi con gli altri azionisti-suo fratello, il Sig. B.P. ed il Sig. P.B. -da che cosa loro furono d'accordo a chiarire le controversie fra loro. Il Sig. Bonev tentò anche di trovare società che prenderebbero i prestiti che non-compiono prolungate con la banca. Comunque, 8 giugno 2005 che gli amministratori speciali hanno scritto al Sig. Bonev, mentre consigliandolo che i risultati di una revisione che loro avevano ordinato mostrarono che il modo solo di impedire alla banca di scivolare nell'insolvenza era immediatamente vendere i suoi prestiti rischiosi. Gli amministratori seguirono a dire che se il Sig. Bonev fosse serio di ostacolando che dall'accadere, lui aveva comprare prima 5 di sera quelli prestiti il prossimo giorno, 9 giugno 2005. Altrimenti, gli amministratori sarebbero legati per notificare il BNB che la banca era insolvente.
66. 14 giugno 2005 i richiedenti scrissero al governatore del BNB ed aggiunto-governatore, mentre lamentandosi di pressione indebita e condotta impropria da parte degli amministratori speciali, e dicendo che uno di loro stava costringendo il Sig. Bonev a vendere le sue quote nella banca su molti termini di unfavourable.
67. Lo stesso giorno, 14 giugno 2005, il governatore del BNB che si appella su sezione 21(2) e (5) delle Banche Atto 1997 (veda paragrafo 78 sotto), ed agendo su una raccomandazione con l'aggiunto-governatore in accusa di depositare denaro soprintendenza, revocò la licenza della banca e steso il termine di ufficio dei due amministratori speciali prima nominò correre la banca (veda paragrafo 64 sopra). Lui notò che un rapporto con quegli amministratori registrò il giorno precedente ed i documenti inclusero con sé tutti di che era stato disegnato su in linea coi requisiti del BNB mostrò che le responsabilità della banca eccederono i suoi beni con BGN 19,181,000 e che il suo capitale era negativo-il meno BGN 19,184,000. Era così chiaro che la banca era insolvente, e che il BNB doveva revocare la sua licenza e ricorso le corti per aprire procedimenti serpeggiamento-in aumento contro sé. Gli amministratori speciali prima nominati per correre la banca erano continuare ad eseguire i loro doveri durante l'appuntamento di liquidatori con la corte. Il governatore specificò che la sua decisione immediatamente era esecutiva e non soggetto a controllo giurisdizionale.
J. serpeggiamento-su il quale La banca è
68. Seguendo la sua decisione di revocare la licenza della banca, 15 giugno 2005 il BNB petitioned la Sofia Città Corte per dichiarare la banca insolvente e lasciarlo senza fiato su. Come richiesto con legge (veda paragrafo 79 sotto), in quelli procedimenti la banca prima fu rappresentata con gli amministratori speciali nominati col BNB (veda divide in paragrafi 64 e 67 sopra e divide in paragrafi 79 sotto).
69. Il Sig. Bonev cercò permesso di intervenire come una terza parte, mentre citando preoccupazioni che gli amministratori speciali non si sarebbero sforzati di proteggere i migliori interessi della banca. 27 giugno 2005 il Sofia che Corte Urbana ha rifiutato la sua richiesta, mentre sostenendo che l'Atto dell'Insolvenza della Banca 2002 set fuori in una maniera esauriente le persone concederono prendere parte in simile procedimenti (veda paragrafo 79 sotto). Il Sig. Bonev piacque, mentre dibattendo che lui aveva un interesse per prendere parte nei procedimenti nella sua veste come azionista nella banca. In una definitivo decisione di 11 ottobre 2005, la Corte d'appello di Sofia respinse il ricorso. Concordò con la corte più bassa, ed aggiunse che il Sig. Bonev non aveva un interesse per prendere parte nei procedimenti perché, essendo soltanto un azionista nella banca, lui non si può sia legato con le corti le decisioni di ' in relazione a sé.
70. In una decisione di 29 giugno 2005, la Sofia Città Corte accordò il ricorso del BNB, dichiarò la banca insolvente, fabbricò un ordine per sé per essere suonato su, spossessò i suoi corpi decisionali dei loro poteri e la banca del diritto per amministrare la sua proprietà, ed ordinò la vendita dei suoi beni. Appellandosi sulla Corte Suprema della sentenza della Cassazione in questione in Capitale Banca Ad c. la Bulgaria (n. 49429/99, § 33 24 novembre 2005), la corte contenne che, diversamente da posizione con società regolari, il fatto che una banca era insolvente fu determinato conclusivamente col BNB. La costruzione delle disposizioni legali ed applicabili (veda paragrafo 79 sotto) mostrò che la corte di insolvenza non potesse scrutare che la determinazione, e, affrontò con una decisione col BNB per revocare la licenza di una banca ed un faccialmente ricorso serpeggiamento-in aumento e valido depositato col BNB, fu legato dichiarare la banca insolvente e fabbricare un ordine per sé per essere suonato su. La decisione non fu piaciuta contro. Immediatamente dopo sé il Fondo dell'Assicurazione del Deposito nominò liquidatori da fra il ruolo di persone eleggibile notificare come liquidatori tenne col BNB (veda paragrafo 81 sotto).
71. Sul 2007 Banca Cooperativa Centrale di 23 maggio Ad comprò tutti la beni di banca per un lev bulgaro e si impegnò soddisfare le rivendicazioni dei suoi creditori che erano stati accettati coi suoi liquidatori. 2 luglio 2007 la Sofia Città Corte approvò l'operazione. Fondò che avrebbe dato luogo ad un tasso più alto di rimborso dei debiti della banca che se i suoi beni fossero venduti pezzo a pezzo su un periodo prolungato di tempo.
72. 17 agosto 2007 la Sofia Città Corte chiuse i procedimenti serpeggiamento-in aumento in riguardo della banca e lo colpì del registro di società.
K. Il congelamento dei conti bancari dei Sig. Panev ed i Sig. Ivanov
73. 24 giugno 2005 il BNB informò il Sig. Panev ed il Sig. Ivanov che seguendo la revoca della licenza della banca, tutti i loro conti bancari si erano gelati, come richiesto sotto paragrafo 4(1) dei di transizione e disposizioni finali della Garanzia dei Depositi della Banca Atto 1998 (veda paragrafo 83 sotto). Loro sarebbero sbloccati sei mesi dopo che il BNB aveva fatto domanda per l'apertura di procedura fallimentare contro la banca, a meno che nel frattempo il Sig. Panev ed il Sig. Ivanov erano stati accusati con un reato penale in relazione a che, o a meno che i liquidatori della banca avevano portato una rivendicazione contro loro.
74. Sul 2005 Sig. Ivanov di 16 agosto ed il Sig. Panev protestò contro il congelamento, mentre indicò che come un risultato delle autorità che perseguono le decisioni di ' esposero fuori in paragrafi 42-49 sopra loro non avevano mai in effetto stato in grado prendere sui loro doveri e perciò non incorsero sotto quel la disposizione. 31 agosto 2005 il BNB rispose che non aveva la discrezione per sbloccare i conti.
75. Sul 2006 Sig. Panev di 12 gennaio ed il Sig. Ivanov il BNB chiese a sbloccare i loro conti come il periodo di sei-mese posò in giù in paragrafo 4(1) dei di transizione e disposizioni finali della Garanzia dei Depositi della Banca Atto 1998 (veda paragrafo 83 sotto) era scaduto. Trovando che nessuno procedimenti penali o rivendicazioni coi liquidatori della banca erano state portate contro il Sig. Panev o il Sig. Ivanov entro quelli sei mesi, 20 gennaio 2006 il BNB sbloccò i conti.
II. DIRITTO NAZIONALE ATTINENTE
A. Il registro di società e richieste legali contro entrate in sé e contro decisioni dell'assemblea generale degli azionisti di una società
76. La legge che governa il registro di società, richieste legali contro entrate in che registro, e richieste legali contro decisioni dell'assemblea generale degli azionisti di una società sono state esposte fuori in Shesti Mai Engineering OOD ed Altri c. la Bulgaria (n. 17854/04, §§ 49-51, 56 e 58 20 settembre 2011).
B. Powers delle autorità che perseguono sotto sezione 119(1)(6) dell'Atto 1994 Magistratura
77. I poteri delle autorità che perseguono sotto sezione 119(1)(6) dell'Atto 1994 Magistratura ha esposto fuori in Zlínsat, spol. s r.o. c. la Bulgaria (n. 57785/00, §§ 38 e 41-43, 15 giugno 2006). Nel 2007 che disposizione fu sostituita con sezione 145(1)(6) dell'Atto 2007 Magistratura che pressocché è messo in parole identicamente.
C. i poteri di Il BNB in relazione a banche commerciali e gli articoli l'insolvenza di banca governante
78. Le disposizioni delle Banche Agiscono 1997 governando il BNB direttivo ed esecuzione motorizza in relazione a banche commerciali (in particolare, nominare amministratori speciali e revocare la licenza di una banca), la legge controllo giurisdizionale governante delle decisioni del BNB, e le disposizioni delle Banche Agiscono 1997 e gli altri statuti l'insolvenza di banca governante è stato esposto fuori in Capitale Banca Ad (citò sopra, §§ 46-67).
79. A dicembre 2002 le disposizioni delle Banche Agiscono la 1997 insolvenza di banca governante fu sostituito con la Banca Insolvenza Atto 2002. Sezioni 9(2) e 13(1) di che Atto è quasi identico a sezioni 79(3) e 82 dell'Atto del 1997. Sezione 11(3) dell'Atto del 2002, come originalmente decretò, purché che in procedimenti nei quali la corte era decidere se accordare il ricorso del BNB per aprire procedura fallimentare contro una banca, la banca sarebbe rappresentata con gli amministratori speciali nominati col BNB. Una sottosezione nuova (4), aggiunse nel 2006, ora prevede che azionisti che al tempo di revocare della licenza della banca sostengono più di cinque per cento di quote sue sono concessi per prendere parte nei procedimenti. Comunque, sezione 16(1) in multa prevede che solamente il BNB, gli amministratori speciali nominati con sé e l'accusatore pubblico può fare appello contro la decisione della corte di insolvenza sul ricorso serpeggiamento-in aumento contro la banca. In una decisione di 11 gennaio 2016 (.? ? 4 ?11.01.2016.? ?? ?. ?. ? 3343/2015., ?io.? ?.), determinato nella causa di una banca la cui licenza fu revocata col BNB 6 novembre 2014, la Corte Suprema di Cassazione chiese alla Corte Costituzionale di dichiarare sezioni 11(3) e 16(1) incostituzionale e contraria ad Articolo 6 § 1 della Convenzione nella luce della sentenza di questa Corte in Capitale Banca Ad (citò sopra, §§ 117-18). 4 febbraio 2016 la Corte Costituzionale ammessa finora la richiesta per esame in come sé concernè la costituzionalità di quelle sezioni, ma lo girò finora in giù in come sé concernè la loro compatibilità con Articolo 6 § 1 della Convenzione, sulla base che sotto gli articoli applicabili di procedura la Corte Suprema di Cassazione aveva solamente sostenendo chiedere dichiarazioni sulla costituzionalità di statuti, non la loro compatibilità con trattati internazionali (veda.? ?? 4 ?2016.? ?? ?. ?. ? 1/2016.,?). I procedimenti sui meriti ancora sono pendenti.
80. Con sezione 92(5) della Banca Insolvenza Atto 2002, la vendita di massa dei beni di una banca insolvente ad un'altra banca comporta automaticamente la conclusione di tutti i diritti dei suoi azionisti, salvi per il diritto per ricevere qualsiasi il monies pagabile sulla liquidazione se la banca che acquista si è impegnata fare simile pagamento.
81. L'una piccola differenza fra le Banche Atto 1997 e la Banca Insolvenza che Atto 2002 è che sotto il precedenti, i liquidatori erano, con sezione 82(8), nominò direttamente con la corte di insolvenza, mentre sotto il secondi loro sono, con sezione 26, immediatamente nominò col Fondo dell'Assicurazione del Deposito dopo la dichiarazione dell'insolvenza con la corte di insolvenza. I liquidatori devono ancora essere persone che rappresentano su un ruolo tenute col BNB (sezione 25(1)(12) dell'Atto del 2002).
82. All'inizio di 2007 il resto delle Banche che Atto 1997 è stato sostituito con gli Istituti di credito Atto 2006. Sezioni 36(6) e 103(3) e (4) di che Atto è quasi identico a sezione 21(5) dell'Atto del 1997 (veda paragrafo 78 sopra), ma sezione 151(3) prevede che la decisione del BNB di revocare la licenza di una banca è soggetto a revisione con la Corte amministrativa Suprema. Quando trattando con richieste legali contro la decisione del BNB 6 novembre 2014 revocare la licenza di una banca (veda paragrafo 79 sopra), che corte contenne che i suoi azionisti non avevano sostenendo portare rivendicazioni sotto sezione 151(3) su loro proprio conto (veda.? ? 3725 ?02.04.2015.? ?? ???. ?. ? 3438/2015.? ?-?). In una causa parallela, contenne, che i direttori della banca che avevano più primo stati sostituiti con amministratori speciali nominati col BNB, non abbia simile sostenendo uno (veda.? ? 2038 ?25.02.2015?.? ?. ? 1813/2015?.? ?-?). In seguito a quelle decisioni, il Presidente del Consiglio Decaduto e Supremo chiese 9 marzo 2015 che corte per dare una decisione interpretativa su questi punti, dibattendo che le sue direttive erano contrarie a, inter l'alia, Articolo 6 § 1 della Convenzione ed Articolo 1 di Protocollo N.ro 1. La corte assoluta deliberò sull'ammissibilità della richiesta (.? ?. ? 4/2015?.,?) 29 marzo 2016.
D. Freezing dei beni di direttori di banche insolventi
83. Con paragrafo 2(1) dei di transizione e disposizioni finali della Protezione Statale di Depositi e Conti in Banche Commerciali la Cui Insolvenza è Stata chiesta col BNB Atto 1996, quando petitioning le corti per dichiarare una banca insolvente, il BNB doveva gelare i beni dei membri della sua gestione. Nel 1998 che disposizione fu sostituita col paragrafo 4(1 similmente messo in parole) dei di transizione e disposizioni finali della Garanzia dei Depositi della Banca Atto 1998 che purché che quando chiedendo l'apertura di procedura fallimentare contro una banca il governatore del BNB doveva chiedere alle autorità inquirenti di controllare se membri del dirigente d'azienda della banca ed assi direttivi avevano commesso reati, e gela i loro conti bancari e patrimonio immobiliare. Con paragrafo 4(3), questi erano essere sbloccati più tardi, a meno che entro sei mesi dopo che il BNB aveva depositato il ricorso serpeggiamento-in aumento l'inquirente o perseguendo autorità l'informato che loro avevano aperto procedimenti penali in collegamento con l'insolvenza, o i liquidatori della banca l'informarono che loro avevano portato una rivendicazione contro gli assi i membri di '.
84. Benché le corti non abbiano trattato direttamente con la questione se le decisioni del BNB in questo riguardo sono assoggettabili a controllo giurisdizionale, loro sembrano presumere così (veda.? ? 8834 ?06.10.2003.? ?? ???. ?. ? 7953/2003.? ?-?, e.? ? 1743 ?23.06.2015.? ?? ?. ??. ?. ? 1588/2015.,?). Non ci sono cause riportate sotto i 1996 o i 2002 Atti nei quali è stato accantonato tale congelamento.
LA LEGGE
IO. PUNTI PROCEDURALI E PRELIMINARI
85. 16 novembre 2005 le venti società elencarono in paragrafo 6 sopra determinato che loro desiderarono ritirare le loro azioni di reclamo perché loro avevano trasferito tutte le loro quote nella banca al secondo richiedente, il Sig. Bonev (veda divide in paragrafi 6 e 51 sopra). Queste società che intendono più di intraprendere la loro richiesta possono essere considerate di conseguenza (l'Articolo 37 § 1 (un) della Convenzione). Siccome i problemi sollevarono con loro fu sollevato anche coi richiedenti rimanenti, riguardo per diritti umani all'interno del significato di Articolo 37 § 1 in multa, non costringa la Corte a continuare esaminare finora la richiesta in come sé concerne queste società (veda Shesti Mai Engineering OOD ed Altri, citato sopra, § 62). Questa parte della richiesta è essere colpita perciò del ruolo di cause.
86. Il Governo presentò che, in finora come sé era stato depositato in favore della banca, la richiesta doveva essere colpita del ruolo della Corte di cause perché la banca, stato stato colpito del registro di società dopo la conclusione dei procedimenti serpeggiamento-in aumento (veda paragrafo 72 sopra), più esistè e non poteva intraprenderlo.
87. I richiedenti risposero che le azioni di reclamo resero in favore della banca concernè la revoca della sua licenza e la sua liquidazione che consegue che avevano condotto infine al suo colpendo del registro di società e la sua scomparsa come un soggetto giuridico. Questa situazione era precisamente la stessa come che in Capitale Banca Ad (citò sopra), e non c'era nessuna ragione di giungere ad una conclusione diversa in relazione a sé.
88. La Corte fu affrontata con, ed osservazioni respinte, quasi identiche in Capitale Banca Ad (citò sopra, §§ 74-80), OAO il kompaniya di Neftyanaya Yukos c. la Russia ((il dec.), n. 14902/04, §§ 439-44 29 gennaio 2009), Süzer ed Eksen Holding Un..? c. la Turchia (n. 6334/05, §§ 80 e 92, 23 ottobre 2012) e S.C. «Il de di Asul Aur-Aranyaszok» S.R.L. e Fodor Barabas c. la Romania (n. 35720/06, §§ 34 e 39, 3 marzo 2015). Non vede nessuna ragione di fare altrimenti in questa causa.
II. SOSTENENDO LAMENTARSI IN FAVORE DI LA BANCA
89. La richiesta fu depositata in favore della banca con azionisti e con persone nominate più tardi alla sua gestione in decisioni dell'assemblea generale dei suoi azionisti annullate con le corti (veda divide in paragrafi 3-5, 11, 16 17 e 54-58 sopra), poco prima del BNB amministratori speciali nominarono rappresentare e maneggiare la banca invece dei suoi corpi a turno che erano sostituì con liquidatori nominati col Fondo dell'Assicurazione del Deposito dopo che il Sofia Corte Urbana dichiarò la banca insolvente (veda divide in paragrafi 1, 64 e 70 sopra).
90. In Capitale Banca Ad (citò sopra) la Corte fu affrontata similmente con azioni di reclamo sollevate in favore di una banca messa in amministrazione obbligatoria, e poi l'insolvenza, coi suoi azionisti e direttori precedenti. Nella sua decisione di ammissibilità in che causa (veda Capitale Banca Ad c. la Bulgaria (il dec.), n. 49429/99, 9 settembre 2004), contenne che in tanto quanto le azioni di reclamo riferite alla catena di eventi che conducono all'appuntamento di amministratori speciali e liquidatori ed al loro ruolo nei procedimenti nel quale la banca fu dichiarata insolvente, i suoi azionisti e gestione precedente furono concesse insolitamente per lamentarsi sul suo conto, (veda anche Credito e Banca Industriale c. la Repubblica ceca (n. 29010/95, §§ 46-52 ECHR 2003 XI (gli estratti)).
91. La causa presente è quasi identica. Le azioni di reclamo resero in favore della preoccupazione di banca l'interferenza delle autorità che perseguono con la sua gestione, la revoca della sua licenza ed il fatto che nei procedimenti nei quali fu dichiarato insolvente sé fu rappresentato solamente con gli amministratori speciali nominati col BNB (veda divide in paragrafi 93, 101 e 109 sotto). Il Sig. Bonev che seguendo il trasferimento di quota 25 agosto 2004 sembra avere sostenuto 93.63% delle quote della banca (veda divide in paragrafi 6, 11 e 51 sopra), è concesso perciò per lamentarsi sul suo conto in relazione a queste questioni.
92. In prospettiva di questa conclusione, la Corte non deve decidere se il Sig. Ivanov, il Sig. Radev ed il Sig. Panev il cui appuntamento alla gestione della banca fu annullato più tardi con le corti (veda divide in paragrafi 57 e 58 sopra), fu concesso similmente per lamentarsi sul suo conto.
III. LE AUTORITÀ CHE PERSEGUONO DECISIONI DI ' RIGUARDO ALLA GESTIONE DI LA BANCA
93. Un'azione di reclamo fu resa in favore della banca che le autorità che perseguono avevano ostacolato le persone nominò alla sua gestione a giugno 2004 dal prendere sui loro doveri, coi risultati che il Sofia le decisioni di Corte Urbana di registrare le decisioni dell'assemblea generale dei suoi azionisti per nominare quelle persone non furono attivate e che la situazione finanziaria della banca era irrecuperabilmente prevenuta. Si fu lamentato inoltre in favore della banca che non aveva avuto una via di ricorso nazionale ed effettiva in quel il riguardo. Le azioni di reclamo furono rese sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 ed Articoli 6 § 1 e 13 della Convenzione che prevede in finora come attinente:
Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 (protezione di proprietà)
“Ogni naturale o legale persona è concessa al godimento tranquillo delle sue proprietà. Nessuno sarà privato delle sue proprietà eccetto nell'interesse pubblico e soggetto alle condizioni previste per con legge e coi principi generali di diritto internazionale.
Comunque, le disposizioni precedenti non possono in qualsiasi modo danneggia il diritto di un Stato per eseguire simile leggi come sé ritiene necessario controllare l'uso di proprietà in conformità con l'interesse generale o garantire il pagamento di tasse o gli altri contributi o sanzioni penali.”
Articolo 6 § 1 della Convenzione (diritto ad un'udienza corretta)
“Nella determinazione dei suoi diritti civili ed obblighi..., ognuno è concesso ad una fiera ed udienza pubblica all'interno di un termine ragionevole con un tribunale indipendente ed imparziale stabilito con legge. ...”
Articolo 13 della Convenzione (diritto ad una via di ricorso effettiva)
“Ognuno cui diritti e le libertà come insorga avanti [il] Convenzione è violata avrà una via di ricorso effettiva di fronte ad un'autorità nazionale nonostante che la violazione è stata commessa con persone che agiscono in una veste ufficiale.”
A. Le parti le osservazioni di '
94. Il Governo presentò che gli accusatori le decisioni di ' riguardo alla gestione della banca erano state incitate con informazioni delle irregolarità nelle sue operazioni ed il bisogno di delucidare se le persone nominarono come i suoi direttori aveva commesso reati. Sia procedimenti penali e civili erano stati avviati in relazione alle decisioni della Sofia Città Corte per registrare i cambi nella gestione della banca. In quelle circostanze, gli accusatori competenti che avevano un dovere sovrastante di assicurare ottemperanza con la legge erano stati sotto un dovere per preservare il quo di status e distogliere danno alla banca. I richiedenti avevano fatto appello contro le loro decisioni in che rispetta prima accusatori più alti che li avevano sostenuti pienamente.
95. I richiedenti presentarono che gli accusatori le decisioni di ' erano manifestamente arbitrarie e basate su una disposizione legale e vagamente messa in parole che abilita le autorità che perseguono per agire in relazione a qualsiasi la questione in qualsiasi il modo loro videro l'adattamento. Quelle autorità avevano in effetto determinato chi era maneggiare la banca, mentre arrogandosi a loro motorizza appartenendo alle corti ed i BNB normalmente. Le loro decisioni non avevano intrapreso un scopo legittimo, e non aveva specificato il reato cui il perpetrazione loro cercarono di ostacolare. Loro non potevano essere giustificati con la pendenza di procedimenti contro le decisioni di registrazione della Sofia Città Corte, o di procedimenti penali contro il Sig. Bonev, il Sig. Panev ed il Sig. Ivanov. Loro avevano corrisposto ad un tentativo di circonvenire i canali legali e corretti per trattare con simile situazioni tutti di che coinvolgimento giudiziale e richiesto. Non c'era stata inoltre efficacemente possibilità di impugnare quelle decisioni che avevano in effetto annullate le decisioni di registrazione del Sofia Corte Urbana.
B. la valutazione di La Corte
96. Le azioni di reclamo non sono mal-fondate manifestamente all'interno del significato di Articolo 35 § 3 (un) della Convenzione o inammissibile su qualsiasi gli altri motivi. Loro devono essere dichiarati perciò ammissibili.
97. L'azione di reclamo sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 è quasi identico a quel esaminò in Zlínsat, spol. s r.o. (citò sopra, § 99), dove la Corte fondò che decisioni resero con le autorità che perseguono nell'esercizio dei loro vagamente definirono e sfrenato motorizza sotto sezione 119(1)(6) dell'Atto 1994 Magistratura (veda paragrafo 77 sopra) in relazione ad una società di limite di responsabilità non era stato circondato con garanzie sufficienti contro l'arbitrarietà e non poteva essere riguardato come legale all'interno del significato di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
98. La Corte non vede nessuna ragione di sostenere altrimenti in questa causa nella quale le autorità che perseguono si appellarono sulla stessa disposizione per rendere impraticabile l'attuazione di due decisioni da che cosa la Sofia Città Corte registrò cambi nella gestione della banca risolta su ad assemblee generale degli azionisti della banca (veda divide in paragrafi 42-49 sopra). Legge bulgara posò in giù le specifiche via di ricorso in riguardo di decisioni dell'assemblea generale di azionisti di una società e delle corti le decisioni di ' di digitarli nel registro di società, e le persone addolorate ricorsero a quelle via di ricorso (veda divide in paragrafi 54-58 e 76 sopra). La legge non faceva, con contrasto, renda qualsiasi approvvigiona per le autorità che perseguono per interferire con simile questioni. Come evidente dalle indagini infruttifere rese col BNB in seguito agli accusatori le decisioni di ', loro generarono l'incertezza considerevole delle persone autorizzò a maneggiare la banca ed agire sul suo conto (veda divide in paragrafi 59, 60 e 64 sopra).
99. C'è stata perciò una violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1.
100. In prospettiva di questa conclusione, non è nessun bisogno di esaminare gli stessi problemi con riferimento ad Articolo 6 § 1 o Articolo 13 della Convenzione.
IV. LA REVOCA DELLA LICENZA DI LA BANCA
101. Un'azione di reclamo fu resa in favore della banca che la decisione del BNB di revocare la sua licenza non era stata circondata con salvaguardie sufficienti contro l'arbitrarietà. L'azione di reclamo fu resa sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 il cui testo è stato esposto fuori in paragrafo 93 sopra.
A. Le parti le osservazioni di '
102. Il Governo presentò che la decisione del BNB di revocare la licenza di una banca era stata circondata con salvaguardie sufficienti. Il BNB non aveva la discrezione in che riguardo, ed era stato costretto a prendere questa decisione in prospettiva delle sue sentenze della situazione finanziaria della banca. La sua decisione era stata incitata con informazioni che prima emanano dagli amministratori speciali nominate con sé ed era stata stata completamente legale. L'impossibilità per la banca per fare rappresentanze in quelli procedimenti e l'esclusione della decisione del BNB da controllo giurisdizionale era stata basata sul bisogno per azione rapida per proteggere quel i depositanti di banca. La situazione finanziaria della banca stava peggiorando rapidamente, in parte a causa della lotta corpo a corpo fra i suoi azionisti, ed i più primi tentativi del BNB di chiarire i suoi problemi si ebbe dimostrati infruttiferi.
103. I richiedenti presentarono che la legalità della revoca della licenza della banca doveva essere valutata con riferimento alla catena intera di eventi che avevano cominciato con la decisione delle autorità che perseguono a rendere impraticabile la gestione nuova della banca dal prendere sui suoi doveri. L'insolvenza della banca e la revoca susseguente della sua licenza avevano seguito inevitabilmente da quel. L'accuratezza dei dati negli amministratori speciali rapporto di ' usato col BNB per trovare che la banca era insolvente era aperto per dubitare. L'integrità di quegli amministratori che avevano tentato inizialmente di risolvere i problemi della banca ma avevano fatto più tardi richieste impossibili del Sig. Bonev, era similmente dubbioso. Il BNB non aveva preso qualsiasi di che in conto, scegliendo pienamente invece di avere fiducia negli amministratori le sentenze di '. La presenza di anche minimi dubbi in relazione a quelle sentenze che avevano avuto conseguenze molto serie per la banca volute dire che BNB sta agendo su loro non era legale all'interno del significato di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1. Un ulteriore argomento in appoggio di che asserzione era che il molto appuntamento degli amministratori era stato illegale. La decisione del BNB di fare era stata basata così su rapporti sulla situazione finanziaria della banca registrata con persone che non avevano diritto a rappresentare la banca e sull'insuccesso della banca per tenere conto delle istruzioni eccentriche ed arbitrarie del BNB che erano state impossibili ad attrezzo, in prospettiva in particolare delle autorità che perseguono l'interferenza di ' con la sua gestione.
104. I richiedenti seguirono a disegnare paralleli fra la loro causa e che di Capitale Banca Ad (citò sopra), indicando che le due situazioni erano quasi identiche ma che il loro era peggiore perché la revoca della licenza della banca era stata provocata con una serie di azioni ed omissioni da parte delle autorità che perseguono ed i BNB che i richiedenti erano stati incapaci di opporsi a. Loro enfatizzarono in particolare che loro non erano stati in grado prendere parte nella preparazione del rapporto degli amministratori speciali o contestare in qualsiasi il modo le sentenze in sé.
B. la valutazione di La Corte
105. L'azione di reclamo non è mal-fondata manifestamente all'interno del significato di Articolo 35 § 3 (un) della Convenzione o inammissibile su qualsiasi gli altri motivi. Deve essere dichiarato perciò ammissibile.
106. Questa azione di reclamo è identica all'esaminato in Capitale Banca Ad (citò sopra, §§ 130-40). Là, la Corte sostenne che una decisione del BNB di revocare la licenza di una banca sotto sezione 21 delle Banche Agisce 1997 non fu circondato con garanzie sufficienti contro l'arbitrarietà a causa dell'assenza di qualsiasi delle salvaguardie procedurali, e non era perciò legale all'interno del significato di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1. La struttura legale in questa causa che è lo stesso, e non c'essendo differenza di materiale nel modo dove fu fatto domanda alla banca (veda divide in paragrafi 59-67 e 78 sopra), non c'è nessuna ragione di sostenere altrimenti.
107. C'è stata perciò una violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 in relazione alla decisione del BNB per revocare la licenza della banca.
108. Che detto, la Corte non esprime prospettiva su se la decisione del BNB di revocare la licenza della banca aveva ragione in termini di legge bulgara. Il potere della Corte per fare una rassegna ottemperanza con legge nazionale è limitato e non è il suo compito per fare simile valutazioni nel posto delle autorità nazionali (veda Capitale Banca Ad, citato sopra, § 132, così come, mutatis mutandis, lo záložna di Družstevní Pria ed Altri c. la Repubblica ceca, n. 72034/01, § 95, 31 luglio 2008, e lo záložna di Rodinná lo spoitelní ?un úvrní ?družstvo ed Altri c. la Repubblica ceca, n. 74152/01, § 54 9 dicembre 2010).
C. I PROCEDIMENTI NEI QUALI LA BANCA FU DICHIARATA INSOLVENTE
109. Azioni di reclamo furono rese in favore della banca che nei procedimenti in che il Sofia Corte Urbana l'aveva dichiarato insolvente era stato rappresentato solamente con gli amministratori speciali nominati col BNB, e che il Sofia Corte Urbana aveva rifiutato di scrutare se la banca era davvero insolvente. L'azione di reclamo fu resa sotto Articolo 6 § 1 della Convenzione il cui testo ha, in finora come attinente, sia esposto fuori in paragrafo 93 sopra.
A. Le parti le osservazioni di '
110. Il Governo presentò che l'esclusione della decisione del BNB per revocare la licenza di una banca da controllo giurisdizionale era stata fissata in posto dopo una crisi tecnica bancaria e grave nel 1996-97 ed era stata giustificata col bisogno di trattare col fallendo banche in un modo veloce. Limitò i diritti degli azionisti di una banca per proteggere quelli dei suoi depositanti, e prese in considerazione che il BNB aveva expertise speciale in quel il dominio. Era difficile prevedere controllo giurisdizionale delle sue sentenze uguagli con l'aiuto di esperti speciali, specialmente in prospettiva del bisogno per la rapidità in simile situazioni. La legge come sé stette in piedi poiché 2007 diedero tale possibilità comunque.
111. Il Governo presentò inoltre che l'essere della banca rappresentò con gli amministratori speciali nei procedimenti che conducono alla dichiarazione dell'insolvenza era stato giustificato col bisogno di proteggere i diritti di quelli colpito con le sue difficoltà finanziarie con restringendo i poteri della sua gestione. Questo non era l'approccio preso riguardo a società regolari, ma banche richiesero disposizioni speciali in prospettiva dell'effetto che le loro difficoltà finanziarie potrebbero avere sui loro depositanti e creditori. In questa causa, dove le difficoltà della banca erano sorte come un risultato dell'incertezza delle persone autorizzò a maneggiarlo, il fatto che fu rappresentato con gli amministratori speciali davvero era stato nel suo favore.
112. I richiedenti presentarono che la loro causa era quasi identica a che di Capitale Banca Ad (citò sopra).
B. la valutazione di La Corte
113. Le azioni di reclamo non sono mal-fondate manifestamente all'interno del significato di Articolo 35 § 3 (un) della Convenzione o inammissibile su qualsiasi gli altri motivi. Loro devono essere dichiarati perciò ammissibili.
114. Le due azioni di reclamo sono identiche agli uni esaminati in Capitale Banca Ad (citò sopra, §§ 98-119). Là, la Corte sostenne che (un) l'insolvenza corteggia le direttive di ' che loro non potessero sottoporre la determinazione del BNB che una banca era insolvente a scrutinio, accoppiò con l'impossibilità per avere che la determinazione fece una rassegna in procedimenti di controllo giurisdizionale diretti, era in violazione di Articolo 6 § 1 della Convenzione, e che (b) era similmente in violazione di che approvvigiona per una banca per essere rappresentato solamente con amministratori speciali nominò col BNB in procedimenti nei quali il BNB era petitioning la corte per dichiarare la banca insolvente ed aprire procedimenti serpeggiamento-in aumento contro sé.
115. Al giorno d'oggi la causa, nei procedimenti aperti facendo seguito al BNB serpeggiamento-su ricorso la banca era, come richiesto con legge, prima rappresentò con gli amministratori speciali nominati col BNB (veda paragrafo 68 sopra) che già aveva espresso la prospettiva che la banca era insolvente (veda divide in paragrafi 65 e 67 sopra). Il Sig. Bonev tentò di intervenire come una terza parte nella sua veste come azionista, ma la sua richiesta fu rifiutata (veda paragrafo 69 sopra). Dopo la decisione della Sofia Città Corte che immediatamente era esecutiva la banca fu rappresentata coi liquidatori nominati col Fondo dell'Assicurazione del Deposito che non piacque contro la decisione che non è proprio sorprendente in prospettiva della loro dipendenza sul BNB (veda Capitale Banca Ad, citato sopra, § 117). Di conseguenza, la situazione procedurale della banca in tutto i procedimenti era materialmente identica a che di Capitale Banca Ad.
116. Quando decidendo sui meriti del BNB serpeggiamento-su ricorso, il Sofia che Corte Urbana ha sostenuto, con riferimento alla Corte Suprema della decisione della Cassazione in Capitale Banca Ad (citò sopra), che non potesse scrutare la determinazione del BNB che una banca era insolvente e fu legata per fare un ordine nei termini chiese col BNB se aveva revocato la licenza della banca ed aveva depositato un faccialmente ricorso valido (veda paragrafo 70 sopra). In questo riguardo, la situazione era similmente identica a che in Capitale Banca Ad (citò sopra). La differenza sola è che il Sofia la decisione di Corte Urbana nella causa presente non fu piaciuta contro. Ma, dato che nella causa di Annuncio della Banca del Capitale i ricorsi furono depositati con le autorità che perseguono (l'ibid., §§ 29, 32 e 117 in multa), e che gli azionisti della banca e gestione nella causa presente non potessero prendere parte nei procedimenti, questo non rende qualsiasi la differenza. In qualsiasi l'evento, il Sofia la direttiva di Corte Urbana era completamente coerente con le disposizioni legali ed applicabili e la Corte Suprema della causa-legge della Cassazione al tempo, e non sembra che un ricorso contro sé sarebbe stato in piedi qualsiasi prospettiva del successo.
117. C'è stata perciò una violazione di Articolo 6 § 1 della Convenzione riguardo a sia (un) la mancanza di rappresentanza corretta della banca nei procedimenti aperti facendo seguito al BNB serpeggiamento-su ricorso, e (b) il rifiuto della Sofia Città Corte per scrutare la determinazione del BNB che la banca era insolvente.
VI. IL CONGELAMENTO DEI CONTI BANCARI DEI SIG. PANEV ED I SIG. IVANOV
118. Il Sig. Panev ed il Sig. Ivanov si lamentarono che seguendo l'apertura di serpeggiamento-su procedimenti contro la banca tutti i loro conti bancari fu gelato per sei mesi e che loro non potessero impugnare quel la misura. Loro si appellarono su Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 ed Articoli 6 § 1 e 13 della Convenzione il cui testo è stato esposto fuori in paragrafo 93 sopra.
A. Le parti le osservazioni di '
119. Il Governo presentò che il BNB era stato legato per gelare i conti bancari dei Sig. Panev ed i Sig. Ivanov. Nell'assenza di una disposizione legale ed espressa che esclude la sua decisione di fare così da controllo giurisdizionale, era stato aperto ai richiedenti per chiedere simile revisione. Il congelamento era stato necessario per ostacolare la dissipazione dei beni in prospettiva del bisogno per proteggere i diritti di depositanti ed abilitare, se necessario, l'imposizione di sanzioni civili e penali sui richiedenti nella loro veste come direttori della banca. La misura era stata della durata severamente limitata, ed immediatamente era stato tolto dopo la scadenza del tempo-limite di sei-mese applicabile.
120. I richiedenti concederono che il congelamento dei conti bancari dei Sig. Panev ed i Sig. Ivanov era stato legale ed intenzionale per proteggere i diritti di altri, ma presentò che la richiesta automatica di che misura nella loro causa era stata sproporzionata. Come un risultato delle decisioni preso con le autorità che perseguono, il Sig. Panev ed il Sig. Ivanov non erano stati capaci di prendere sui loro doveri nella gestione della banca. Loro non potevano essere contenuti perciò responsabili per le sue difficoltà. Inoltre, loro non avevano avuto qualsiasi vuole dire di impugnare efficacemente il congelamento.
B. la valutazione di La Corte
121. L'osservazione del Governo che era stato aperto al Sig. Panev ed il Sig. Ivanov per chiedere controllo giurisdizionale della decisione del BNB gelare i loro conti bancari deve essere considerato un'eccezione che loro non sono riusciti ad esaurire via di ricorso nazionali. Poiché coincide con l'azione di reclamo del Sig. Panev ed il Sig. Ivanov che loro non avevano alla loro disposizione una via di ricorso nazionale ed effettiva per impugnare il congelamento, dovrebbe essere congiunto ai meriti.
122. Le azioni di reclamo non sono mal-fondate manifestamente all'interno del significato di Articolo 35 § 3 (un) della Convenzione o inammissibile su qualsiasi gli altri motivi. Loro devono essere dichiarati perciò ammissibili.
123. Il congelamento dei conti bancari dei Sig. Panev ed i Sig. Ivanov era una misura di controllo dell'uso di proprietà (veda, mutatis mutandis, Raimondo c. l'Italia, 22 febbraio 1994, § 27 la Serie Un n. 281-un, come riguardi la confisca provvisoria dei beni con una prospettiva alla loro confisca sotto legislazione di di-crimine di incassi; Luordo c. l'Italia, n. 32190/96, § 67, ECHR 2003-IX, e Valentin c. la Danimarca, n. 26461/06, §§ 70-71, 26 marzo 2009 come riguardi lo spogliamento di fallisce del diritto per amministrare e trattare con la loro proprietà; e Trajkovski c. la Repubblica iugoslava e precedente del Macedonia (il dec.), n. 53320/99, ECHR 2002-IV, ed Ališi ?ed Altri c. Bosnia e Herzegovina, Croatia, Serbia, Slovenia e la Repubblica iugoslava e precedente del Macedonia [GC], n. 60642/08, § 99, ECHR 2014 come riguardi il congelamento di conti bancari). Non si contestò che era legale ed intraprese un scopo legittimo: assicurare che i direttori di una banca che era incorsa nell'insolvenza non dissiperebbero i loro beni nell'anticipazione di possibili accuse criminali o rivendicazioni civili relativo al modo dove loro avevano corso la banca di fronte all'insolvenza. Principalmente in problema è la proporzionalità della misura.
124. La stabilità di banche e gli interessi dei loro depositanti e creditori merita protezione migliorata, e le autorità nazionali godono un margine largo della valutazione nello scegliere come trattare con simile questioni (veda Capitale Banca Ad, citato sopra, § 136, citando Olczak c. la Polonia (il dec.), n. 30417/96, § 85 ECHR 2002-X (gli estratti)). In circostanze normali, così congelamento che ha una durata severamente limitata di sei mesi (veda paragrafo 83 sopra), potrebbe essere considerato incorrendo entro quel il margine. Ma in questa causa la Corte non ha bisogno di passare su che punto, perché la situazione a mano era piuttosto insolita: come un risultato di decisioni preso con le autorità che perseguono, in relazione alla quale la Corte trovò una violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 (veda divide in paragrafi 97-99 sopra), il Sig. Panev ed il Sig. Ivanov non erano in grado prendere sui loro doveri, ed era solamente direttori della banca su carta. Il rischio che il congelamento è stato inteso di distogliere non era perciò presente, e non poteva essere riguardato perciò come necessario. Comunque, come evidente dalla replica del BNB alle proteste dei Sig. Panev ed i Sig. Ivanov contro il congelamento (veda paragrafo 74 sopra) e le osservazioni del Governo, l'articolo legale ed applicabile che non sembrò permettere di qualsiasi le eccezioni, richiesto il BNB per gelare i conti senza essere in grado prendere in considerazione i richiedenti ' circostanze individuali. Segue che anche se la decisione del BNB in che riguardo fosse potuto essere teoreticamente soggetto a controllo giurisdizionale (veda paragrafo 84 sopra), nessuno informazioni si hanno offerto quale suggerisce che il Sig. Panev ed il Sig. Ivanov potevano, in pratica ed in una maniera opportuna, l'ha impugnato con successo.
125. In queste circostanze, la Corte conclude, che c'è stata una violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 ed Articolo 13 della Convenzione, e respinge l'eccezione del Governo della non-esaurimento di via di ricorso nazionali. Questa conclusione lo fa non necessario esaminare gli stessi problemi con riferimento ad Articolo 6 § 1 della Convenzione.
VII. I PROCEDIMENTI PENALI
126. Il Sig. Bonev, il Sig. Panev ed il Sig. Ivanov si lamentarono dell'istituzione di procedimenti penali contro loro e della lunghezza di quelli procedimenti che loro dissero interferita con vite private loro, così come della mancanza di una via di ricorso nazionale ed effettiva in quel il riguardo. Loro si appellarono su Articoli 6 § 1, 8 e 13 della Convenzione. Il testo di Articoli 6 § che 1 e 13 è stato esposto fuori in paragrafo 93 sopra. Articolo 8 prevede, in finora come attinente:
“1. Ognuno ha diritto a rispettare per suo privato... vita...
2. Non ci sarà interferenza con un'autorità pubblica con l'esercizio di questo diritto eccetto come è in conformità con la legge e è necessario in una società democratica negli interessi della sicurezza nazionale, la sicurezza pubblica o il benessere economico del paese, per la prevenzione di disturbo o incrimina, per la protezione di salute o morale, o per la protezione dei diritti e le libertà di altri.”
A. Le parti le osservazioni di '
127. Il Governo presentò che i procedimenti penali non erano durati irragionevolmente lunghi, specialmente in prospettiva della loro complessità che riguarda i fatti e le tattiche che differisce usata coi richiedenti.
128. I richiedenti presentarono che i procedimenti erano stati aperti per il risuoli fine di mettere pressione indebita sul Sig. Bonev, il Sig. Panev ed il Sig. Ivanov. Questo era provò ampiamente con le definitivo sentenze di assoluzione alle quali loro avevano dato luogo. Le autorità che perseguono avevano prolungato ingiustificabilmente la fase di pre-processo dei procedimenti, ed aveva provocato l'ulteriore ritardo con non riuscendo a presentare accuse in modo appropriato redatte. I richiedenti non avevano avuto una via di ricorso effettiva in riguardo della lunghezza irragionevole dei procedimenti.
B. la valutazione di La Corte
129. Articolo 6 della Convenzione non garantisce il diritto per non essere perseguito criminalmente; custodisce solamente il diritto ad un processo equanime all'interno di un termine ragionevole se e quando accuse criminali sono portate contro una persona (veda I.J.L. ed Altri c. il Regno Unito, N. 29522/95, 30056/96 e 30574/96, § 101 ECHR 2000-IX). Né un diritto generale non può essere perseguito criminalmente sia derivato da Articolo 8 della Convenzione. L'appropriatezza di una decisione per perseguire così normalmente incorre fuori della sfera della revisione della Corte (veda Patsuria c. la Georgia, n. 30779/04, § 42, 6 novembre 2007, e Mustafa (Abu Hamza) c. il Regno Unito (il dec.), n. 31411/07, § 34 18 gennaio 2011). Perciò, alla misura che il Sig. Bonev, il Sig. Panev ed il Sig. Ivanov si lamentarono che procedimenti penali erano stati avviati ed erano stati condotti contro loro, le loro azioni di reclamo sono ratione materiae incompatibili con le disposizioni della Convenzione all'interno del significato di Articolo 35 § 3 (un).
130. In tanto quanto il Sig. Bonev, il Sig. Panev ed il Sig. Ivanov sarà preso lamentarsi che quelli procedimenti erano ingiusti, si dovrebbe notare che loro diedero luogo a definitivo assoluzioni (veda divide in paragrafi 34 e 39 sopra) che vuole dire che loro non possono dire di essere vittime di una violazione del loro diritto ad un processo equanime (veda, fra le altre autorità, il de di Correia Matos c. il Portogallo (il dec.), n. 48188/99, 15 novembre 2001 ECHR 2001-XII; M. ed Altri c. Italia e la Bulgaria, n. 40020/03, §§ 184-85 31 luglio 2012; e Lenev c. la Bulgaria, n. 41452/07, § 158 4 dicembre 2012).
131. In finora come il Sig. Bonev, il Sig. Panev ed il Sig. Ivanov si lamentarono del presumibilmente lunghezza irragionevole dei procedimenti, dovrebbe essere notato che in Valcheva ed Abrashev c. la Bulgaria ((il dec.), N. 6194/11 e 34887/11, §§ 92-122 18 giugno 2013) la Corte fondò che due via di ricorso compensative fissarono in posto nel 2012 in relazione alla lunghezza di procedimenti penali era effettivo e disponibile a richiedenti che, come il Sig. Bonev, il Sig. Panev ed il Sig. Ivanov, aveva depositato le loro richieste di fronte alla loro introduzione. Fin dal Governo che era stato dato avviso di questa azione di reclamo questo punto non sollevò comunque, nelle loro osservazioni che furono registrate dopo che quelle via di ricorso erano state fissate in posto, la Corte non è in una posizione per decidere, di sua propria istanza su se questa azione di reclamo è inammissibile per non l'esaurimento di via di ricorso nazionali (veda Dobrev c. la Bulgaria, n. 55389/00, §§ 112-13, 10 agosto 2006, e Yordanov c. la Bulgaria, n. 56856/00, §§ 76 77 10 agosto 2006).
132. Comunque, i procedimenti penali contro il Sig. Bonev, il Sig. Panev ed il Sig. Ivanov durarono meno in totale che l'anni di due e mezza per un'indagine preliminare ed un livello di corte (veda divide in paragrafi 24-34 sopra). Mentre c'erano ritardi per i quali le autorità erano responsabili, per istanza che essendo il risultato del rinvio della causa con la Corte distrettuale di Sofia a causa dell'insuccesso dell'accusa per in modo appropriato stendere l'accusa (veda paragrafo 27 sopra), i procedimenti nell'insieme non può essere riguardato irragionevolmente lungo come.
133. Lo stesso va per i procedimenti penali e paralleli contro il Sig. Panev ed il Sig. Ivanov. La loro durata totale era anche più breve: equo più di due anni e due mesi per un'indagine preliminare, un processo, ed un (abortì) il ricorso (veda divide in paragrafi 35-39 sopra). Mentre c'erano ritardi per i quali le autorità erano responsabili, per istanza che essendo il risultato del rinvio della causa con la Corte distrettuale di Sofia a causa dell'insuccesso dell'accusa per in modo appropriato stendere l'accusa (veda paragrafo 36 sopra), i procedimenti nell'insieme non può essere riguardato irragionevolmente lungo come.
134. L'azione di reclamo sotto Articolo 6 § 1 della Convenzione in riguardo della lunghezza di quelli procedimenti è mal-fondato perciò manifestamente, e l'azione di reclamo relativa sotto Articolo 13 della Convenzione è ratione materiae incompatibile con le disposizioni della Convenzione all'interno del significato di Articolo 35 § 3 (un) a causa della mancanza di una rivendicazione difendibile.
135. Il Sig. Bonev, le azioni di reclamo dei Sig. Panev ed i Sig. Ivanov in relazione ai procedimenti penali contro loro devono essere respinte perciò in conformità con Articolo 35 § 4 della Convenzione.
VIII. IL VIAGGIO PROIBISCE
136. Il Sig. Bonev, il Sig. Panev ed il Sig. Ivanov si lamentarono delle proibizioni di viaggio internazionali imposte su loro. Il Sig. Bonev si lamentò anche che la proibizione gli aveva impedito dal mantenere contatti normali con sua moglie e tre figli che vissero in Svizzera e dal frequentare esami medici là. I richiedenti si lamentarono anche che loro non avevano avuto una via di ricorso nazionale ed effettiva in riguardo delle proibizioni. Loro si appellarono su Articolo 2 di Protocollo N.ro 4 ed Articoli 8 e 13 della Convenzione. Il testo di Articolo 8 è stato esposto fuori in paragrafo 126 sopra, e che di Articolo 13 in paragrafo 93 sopra. Articolo 2 di Protocollo N.ro 4 prevedono, in finora come attinente:
“...
2. Ognuno sarà gratis per lasciare qualsiasi il paese, incluso suo proprio.
3. Nessuno restrizioni saranno messe sull'esercizio di [questo diritto] altro che come è in conformità con legge e è necessario in una società democratica negli interessi della sicurezza nazionale o la sicurezza di pubblico, per il mantenimento di ordine pubblico, per la prevenzione di crimine, per la protezione di salute o morale o per la protezione dei diritti e le libertà di altri.
...”
A. Le parti le osservazioni di '
137. Il Governo presentò che, in tanto quanto loro impugnare le decisioni di rifiutarli per viaggiare su specifiche occasioni non aveva tentato, i richiedenti non erano riusciti ad esaurire via di ricorso nazionali. Il Governo presentò inoltre che proibire una persona accusata all'estero con un reato penale da viaggiante era in principio giustificato, e che gli effetti di che misura nella causa a mano era stata estesamente attenuata coi permessi numerosi dati ai richiedenti per lasciare il paese su specifiche occasioni.
138. I richiedenti presentarono che loro non potessero ottenere compensazione in riguardo delle proibizioni di viaggio internazionali con modo di rivendicazioni per danni contro le autorità. Nella loro prospettiva, le proibizioni non erano state necessarie perché loro erano stati imposti in collegamento con accuse criminali arbitrarie cui risuolano fine era stato mettere pressione indebita sul Sig. Bonev, il Sig. Panev ed il Sig. Ivanov. C'era stato nessun rischio di loro che scappa, ma loro non avevano avuto alla loro disposizione un mezzi di impugnare le proibizioni come simile sulla base che loro non erano necessari.
B. la valutazione di La Corte
139. Al tempo attinente, la decisione delle autorità che perseguono di proibire una persona accusata con un reato penale dal lasciare il paese senza permesso non era come così assoggettabile a controllo giurisdizionale. Comunque, un accusatore sta conseguendo rifiuto per dare simile permesso era soggetto a controllo giurisdizionale, ed il rifiuto di un giudice per dare simile permesso era, per la sua parte, soggetto a ricorso di fronte ad una corte più alta (veda Pfeifer, citato sopra, §§ 45 e 70). La Corte ha accettato che in finora come simile richieste-quale potrebbe essere reso a qualsiasi tempo senza restrizione-era capace di alleviare l'effetto che la proibizione aveva sulla persona riguardato, loro potrebbero essere considerati una via di ricorso contro sé (l'ibid., § 70 in multa). Segue che ricorsi contro rifiuti per accordarli devono essere considerati similmente tale via di ricorso.
140. Al giorno d'oggi la causa, il Sig. Bonev chiese due volte all'Ufficio del Sofia Distretto Accusatore di concedergli viaggiare all'estero. Non c'è comunque prova che lui chiese controllo giurisdizionale dei suoi rifiuti (veda divide in paragrafi 26 e 28 sopra). Né è là qualsiasi indicazione che lui ha fatto appello contro il rifiuto della Corte distrettuale di Sofia di 11 luglio 2005 (veda paragrafo 30 sopra). Non c'è niente da suggerire che questi viali non erano effettivi, mentre specialmente tiene presente che il Sig. Bonev cercò più tardi con successo permesso di viaggiare all'estero su un numero di occasioni (l'ibid.), e che in aprile e maggio 2006 tutti i tre richiedenti riuscirono ad avere le proibizioni di viaggio tolto nella loro interezza (veda paragrafo 33 sopra).
141. Lo stesso va per il Sig. Panev ed il Sig. Ivanov. Non c'è prova che loro cercarono permesso di viaggiare all'estero dalle autorità che perseguono o che che loro tentarono di fare appello contro la decisione della Corte distrettuale di Sofia di 24 novembre 2005 nella quale rifiutò di togliere la proibizione (veda paragrafo 38 sopra).
142. Le azioni di reclamo sotto Articolo 2 § 2 di Protocollo N.ro 4 e sotto Articolo 8 della Convenzione è perciò inammissibile sotto Articolo 35 § 1 della Convenzione per la non-esaurimento di via di ricorso nazionali, e l'azione di reclamo sotto Articolo 13 della Convenzione è mal-fondata manifestamente. Loro devono essere respinti perciò in conformità con Articolo 35 § 4 della Convenzione.
IX. Altre Violazioni Allegato Di La Convenzione E Protocollo N.ro 1
143. Il Sig. Bonev si lamentò Articolo 1 di Protocollo sotto N.ro 1 che le decisioni delle autorità che perseguono riguardo alla gestione della banca interferita con l'esercizio tranquillo dei suoi diritti di azionista in sé.
144. È vero che il Sig. Bonev era nelle circostanze concesse a-e faceva-si lamenti sul conto della banca (veda divide in paragrafi 89-91 sopra, e contrasto Bakalov ed Altri c. la Bulgaria (il dec.), n. 55796/00, 18 settembre 2007). Si può accettare anche che i suoi interessi come un azionista nella banca furono danneggiati con le decisioni prese con le autorità che perseguono riguardo alla sua gestione. Ma i suoi diritti non furono colpiti direttamente con quelle decisioni (veda Credito e Banca Industriale e Moravec c. la Repubblica ceca, n. 29010/95, decisione di Commissione di 20 maggio 1998, Decisioni e Relazioni 93-un, p. 72, a p. 81; Minda ed Altri c. l'Ungheria (il dec.), n. 6690/02, 13 settembre 2005; e lo záložna di Družstevní Pria ed Altri, citato sopra, § 100). La sua azione di reclamo in questo riguardo è perciò ratione personae incompatibile con le disposizioni della Convenzione all'interno del significato di Articolo 35 § 3 (un).
145. Il Sig. Bonev si lamentò anche sotto Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 del rifiuto della gestione de facto della banca per registrare l'il 2004 trasferimento di quota di 25 agosto (veda paragrafo 51 sopra) che l'ostacolò presumibilmente dall'esercitare pienamente i suoi diritti sotto le quote delle quali lui aveva acquisito con virtù quel il trasferimento.
146. Nella maniera nella quale fu accusato col Sig. Bonev, questa azione di reclamo fu diretta contro un'omissione dei direttori de facto della banca che erano persone private e non impegnarono la responsabilità dello Stato sotto la Convenzione. È perciò similmente ratione personae incompatibile con le disposizioni della Convenzione all'interno del significato di Articolo 35 § 3 (un).
147. Il Sig. Panev, il Sig. Ivanov ed il Sig. Radev si lamentarono Articolo 1 di Protocollo sotto N.ro 1 che come un risultato delle autorità che perseguono le decisioni di ' riguardo alla gestione della banca loro non erano capaci di prendere su ed eseguire i loro doveri e di conseguenza ricevono rimunerazione per i loro servizi.
148. È vero che le autorità che perseguono la decisione di ' di mantenere il quo di status e non concedere il Sig. Panev, il Sig. Ivanov ed il Sig. Radev per prendere sui loro doveri impediti loro dall'assolvere quelli doveri sotto i contratti di manutenzione che loro avevano reso con la banca (veda divide in paragrafi 40 e 41 sopra). È poco chiaro comunque se che anche li sbarrò da rimunerazione ricevente per i loro servizi. Non sembra che loro hanno preso qualsiasi i passi o portò qualsiasi procedimenti nazionali con una prospettiva ad ottenendo quel la rimunerazione. L'azione di reclamo è perciò speculativa e come così manifestamente mal-fondò.
149. Il Sig. Panev si lamentò Articolo 5 §§ 1 e 3 della Convenzione della sua detenzione con la polizia sotto 4 giugno 2004 (veda paragrafo 23 sopra).
150. Non c'è nessuna indicazione che il Sig. Panev ha tentato di chiedere controllo giurisdizionale di che la detenzione o chiedere danni in relazione a sé, come possibile sotto legge bulgara (veda Kandzhov c. la Bulgaria, n. 68294/01, § 45, 6 novembre 2008, e Lenev citato sopra, § 155). Lui non ha esaurito perciò via di ricorso nazionali, come richiesto sotto Articolo 35 § 1 della Convenzione.
151. Un'azione di reclamo fu resa in favore della banca della lunghezza dei procedimenti in che il Sig. B.P. ed il Sig. P.B. aveva chiesto revisione delle due decisioni di registrazione del Sofia Corte Urbana.
152. Quelli procedimenti concernerono solamente la questione se era ammissibile per chiedere revisione di quelli decisioni di registrazione (veda divide in paragrafi 52 e 53 sopra). Articolo 6 § 1 della Convenzione non fa in principio faccia domanda a procedimenti riguardo alla riapertura di un giudizio civile (veda Bochan c. l'Ucraina (n. 2) [GC], n. 22251/08, §§ 44-50 ECHR 2015). Questa azione di reclamo è perciò ratione materiae incompatibile con le disposizioni della Convenzione all'interno del significato di Articolo 35 § 3 (un).
153. Segue che tutte le azioni di reclamo sopra devono essere respinte sotto Articolo 35 § 4 della Convenzione.
La Richiesta di X. Di Articolo 41 Di La Convenzione
154. Articolo 41 della Convenzione prevede:
“Se i costatazione di Corte che c'è stata una violazione della Convenzione o i Protocolli inoltre, e se la legge interna della Parte Contraente ed Alta riguardasse permette a riparazione solamente parziale di essere resa, la Corte può, se necessario, riconosca la soddisfazione equa alla vittima.”
A. danno Patrimoniale
155. Il Sig. Bonev presentò che la revoca della licenza della banca ed il suo serpeggiamento susseguente l'aveva causato su per perdere tutte le sue quote in sé. Lui mise il suo danno in riguardo di questo a 1,112,277.63 euros (EUR) che era la somma che lui aveva pagato acquisire alcune di quelle quote 25 agosto 2004 dalle venti società elencò in paragrafo 6 sopra, più 36,781 levs bulgari (BGN) che rappresentò le quote valore di parità di '.
156. Il Sig. Panev, il Sig. Ivanov ed il Sig. Radev chiesero EUR 90,000 ognuno. Loro presentarono che come un risultato delle decisioni delle autorità che perseguono a loro erano stati impediti dall'eseguire i loro doveri come direttori della banca per un periodo di nove mesi normalmente. Sotto i termini del loro lavoro, loro avrebbero ricevuto BGN 10,000 per mese per i loro servizi.
157. Il Governo prima notò che nessuna rivendicazione in riguardo di danno patrimoniale era stata resa in favore della banca. Loro seguirono a presentare che la sentenza di una violazione corrispose a soddisfazione equa e sufficiente riguardo a qualsiasi danno subì coi richiedenti come un risultato delle violazioni allegato della Convenzione ed i suoi Protocolli. Nell'alternativa, loro dibatterono, che le rivendicazioni erano esorbitanti. Lo Stato non era responsabile per la situazione finanziaria e precaria nella quale si era trovata la banca, e non poteva essere sostenuto responsabile per danno che sorge fuori di operazioni fra persone private. Come per il Sig. Panev, il Sig. Ivanov ed il Sig. Radev, loro non avevano condotto, qualsiasi prova che loro erano entrati davvero in contratti di lavoro con la banca.
158. Come riguardi la rivendicazione resa col Sig. Bonev, la Corte non considera che lui è un “la vittima” riguardo alle violazioni trovate in relazione alla banca. Le parole “la vittima” in Articolo 41 (Articolo 50 precedente) della Convenzione è sinonimo del termine “la vittima” in Articolo 34 (Articolo 25 precedente) e denota la persona colpita direttamente con l'insuccesso per osservare la Convenzione (veda De Wilde, Ooms e Versyp c. il Belgio (Articolo 50), 10 marzo 1972, § 23 la Serie Un n. 14; I domenica Time c. il Regno Unito (n. 1) (Articolo 50), 6 novembre 1980, § 13 la Serie Un n. 38; ed Airey c. l'Irlanda (Articolo 50), 6 febbraio 1981, § 9 la Serie Un n. 41). L'azione di reclamo che il Sig. Bonev ha reso nella sua veste personale riguardo alle decisioni presa con le autorità che perseguono in relazione per depositare denaro fu dichiarata precisamente inammissibile perché lui non fu colpito direttamente con quelle decisioni (veda paragrafo 144 sopra). Solamente la banca, benché ora si sciolse, può chiedere la soddisfazione equa in quel il riguardo. La questione come qualsiasi assegnazione resa in favore suo sarà distribuita è una questione separata (veda OAO Neftyanaya Kompaniya Yukos c. la Russia (soddisfazione equa), n. 14902/04, §§ 37-38 31 luglio 2014).
159. Anche se la rivendicazione del Sig. Bonev sarà riguardata siccome stato stato reso in favore della banca, o se il Sig. Bonev può essere riguardato insolitamente siccome essendo divenuto il “la vittima” seguendo la vendita di massa dei beni della banca ad un'altra banca in 2007 che terminarono automaticamente tutti i suoi diritti di azionista in sé (veda divide in paragrafi 71, 72 e 80 sopra e, mutatis mutandis, Olczak citato sopra, § 59 in multa, e Reisner c. la Turchia, n. 46815/09, § 47 21 luglio 2015), la Corte non considera che un'assegnazione è richiesta perché non è soddisfatto che là esiste un collegamento causale e sufficiente fra le violazioni trovate ed il danno chiese. L'esistenza di simile collegamento è una condizione indispensabile per un'assegnazione in riguardo di danno patrimoniale (veda, fra le altre autorità, Andrejeva c. la Lettonia [GC], n. 55707/00, § 111 ECHR 2009).
160. Non può essere speculato che che sarebbe stato la conseguenza dei procedimenti amministrativi nella quale il BNB decise di revocare la licenza della banca ed i procedimenti giudiziali che conseguono in che il Sofia Corte Urbana ha dichiarato la banca insolvente se le violazioni di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 ed Articolo che 6 § 1 della Convenzione trovato in relazione a loro non avevano avuto luogo (veda Capitale Banca Ad, citato sopra, § 144, così come, mutatis mutandis, lo záložna di Družstevní Pria ed Altri c. la Repubblica ceca (soddisfazione equa), n. 72034/01, § 9 21 gennaio 2010; lo záložna di Rodinná, spoitelní ?un úvrní ?družstvo ed Altri c. la Repubblica ceca (soddisfazione equa), n. 74152/01, §§ 11-12 19 gennaio 2012; e Paulet c. il Regno Unito, n. 6219/08, § 73 13 maggio 2014). Nessuna assegnazione può essere resa perciò in relazione a quelle violazioni.
161. La posizione in relazione alla violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 che fluisce dalle autorità che perseguono le decisioni di ' riguardo alla gestione della banca (veda divide in paragrafi 97-99 sopra) è complicato piuttosto più. Siccome mostrato dai passi presi col BNB in seguito a quelle decisioni, loro generarono incertezza considerevole della quale persone furono date un titolo a maneggiare e rappresentare la banca che a turno inibito gli sforzi di rimediare alla sua situazione finanziaria e già atroce (veda divide in paragrafi 59, 60 61 e 64 sopra). Comunque, sembra che la banca aveva problemi finanziari e seri anche prima che quelle decisioni (veda paragrafo 63 sopra). La Corte non è persuasa perciò che, l'aveva non stato per le autorità che perseguono le decisioni di ', la banca sarebbe stata in grado superare quelli problemi ed evitare l'insolvenza. Tutto di questo conducono alla conclusione che il collegamento causale e richiesto fra la violazione e la perdita allegato sufficientemente non è stata estesa.
162. Il Sig. Panev, le rivendicazioni dei Sig. Ivanov ed i Sig. Radev erano, per la loro parte, basato su un'azione di reclamo che fu dichiarata inammissibile (veda paragrafo 148 sopra). Loro devono essere respinti perciò bene come (veda Nencheva ed Altri c. la Bulgaria, n. 48609/06, § 162 18 giugno 2013).
B. danno Non-patrimoniale
163. Il Sig. Bonev, il Sig. Panev ed il Sig. Ivanov chiesero EUR 8,000 ognuno in riguardo della sofferenza mentale. Loro presentarono che loro erano stati frustrati con le decisioni delle autorità che perseguono riguardo alla gestione della banca e l'impossibilità per ottenere qualsiasi la compensazione. Il Sig. Radev chiese EUR 6,000 in quel il riguardo. Il Sig. Bonev, il Sig. Panev ed il Sig. Ivanov presentarono che le loro rivendicazioni erano più alte come, diversamente da Sig. Radev, loro avevano sopportato anche violazioni dei loro diritti sotto Articoli 6 § 1, 8 e 13 della Convenzione ed Articolo 2 § 2 di Protocollo N.ro 4 nel collegamento coi procedimenti penali contro loro.
164. Il Governo notò che i procedimenti penali contro il Sig. Bonev, il Sig. Panev ed il Sig. Ivanov avevano dato luogo a definitivo assoluzioni, ed indicò che quelli tre richiedenti avevano portato poi con successo rivendicazioni per danni contro le autorità in collegamento con quelli procedimenti e stato assegnato somme sostanziali. Quelle somme potrebbero essere considerate sufficientemente compensando qualsiasi danno non-patrimoniale subì con loro.
165. La Corte nota che tutte le azioni di reclamo sollevarono col Sig. Bonev, il Sig. Panev, il Sig. Ivanov ed il Sig. Radev nella loro veste personale, salvi per quelli sollevati col Sig. Panev ed il Sig. Ivanov in relazione al congelamento dei loro conti bancari, fu dichiarato inammissibile (veda divide in paragrafi 135, 142, 144 146, 148 150 e 153 sopra). Alla misura che loro riferiscono ad azioni di reclamo inammissibili, le loro rivendicazioni per la soddisfazione equa devono essere respinte, (veda Nencheva ed Altri, citato sopra, § 162). In tanto quanto i quattro richiedenti le loro rivendicazioni basarono sulle autorità le azioni di ' in relazione alla banca, la Corte nota che solamente Sig. Bonev fu trovato avere sostenendo lamentarsi sul conto della banca (veda divide in paragrafi 91 e 92 sopra). Ma, come già notato (veda paragrafo 158 sopra), anche lui non può essere riguardato come un “la vittima”, all'interno del significato di Articolo 41 della Convenzione, riguardo alle violazioni trovate in relazione alla banca. Segue che nessuni dei quattro richiedenti è concesso al risarcimento in riguardo di qualsiasi danno non-patrimoniale subì presumibilmente come un risultato di quelle violazioni. Con contrasto, il Sig. Panev ed il Sig. Ivanov hanno dovuto sopportare del danno non-patrimoniale come un risultato del congelamento ingiustificato di tutti i loro conti bancari. Comunque, poiché loro non resero qualsiasi rivendicazione in riguardo di che, la Corte non vede nessuna ragione di assegnarloro qualsiasi cosa sotto questo capo (veda Articolo 60 § 1 degli Articoli di Corte ed aguzza 5 e 15 della Pratica Direzione su Soddisfazione Equa Chiede).
Costi di C. e spese
166. I richiedenti chiesero rimborso di (un) EUR 4,000 incorse in in avvocati le parcelle di ' per la preparazione della loro richiesta iniziale; (b) EUR 1,500 incorse in in avvocati le parcelle di ' per la preparazione delle loro azioni di reclamo di seguito; e (il c) EUR 2,600 incorse in in avvocati le parcelle di ' per la preparazione delle loro osservazioni in replica a quelli del Governo e le loro rivendicazioni per la soddisfazione equa. Loro spiegarono che le somme sotto articoli (un) e (b) era stato completamente sopportato col Sig. Bonev, che il Sig. Bonev, il Sig. Panev, il Sig. Ivanov ed il Sig. Radev avevano ogni EUR 325 pagato della somma sotto articolo (il c), e che EUR 1,300 di che somma rimase insoluta ed a causa del loro secondo rappresentante legale, il Sig.ra Petkova. I richiedenti richiesero che qualsiasi assegnazione rese in riguardo di che somma seconda sia resa direttamente pagabile al Sig.ra Petkova. I richiedenti chiesero inoltre BGN 167.30 (EUR 85.54) in riguardo di affrancatura. In appoggio della loro rivendicazione, i richiedenti presentarono accordi di parcella coi loro rappresentanti legali e ricevute postali.
167. Il Governo presentò che le rivendicazioni erano esorbitanti. Loro indicarono che gli accordi fra i richiedenti ed i loro due rappresentanti legali non esposero chiaramente fuori i rispettivi doveri di ognuno dei due, e non contenne un guasto dell'importo di tempo speso coi rappresentanti sulla causa. Le somme chieste erano molte volte più alto che quelli previdero per lavoro simile in procedimenti nazionali e fuori del motivo con realtà economiche nel paese.
168. Secondo la causa-legge fissa della Corte, costi e spese sono recuperabili sotto Articolo 41 della Convenzione se è stabilito che loro davvero e necessariamente erano incorsi in e sono ragionevoli come a quantum.
169. La Corte non è legata con scale nazionali o standard nella valutazione del punto secondo (veda Dimitrov ed Altri c. la Bulgaria, n. 77938/11, § 190, 1 luglio 2014 con gli ulteriori riferimenti). Nota comunque che parte della richiesta, incluso tutte le azioni di reclamo rese col Sig. Bonev ed il Sig. Radev nella loro veste personale fu dichiarata inammissibile che chiama per una certa riduzione nell'assegnazione di costi (veda Vetro c. il Regno Unito, n. 61827/00, § 91 ECHR 2004-II; Yordanova e Toshev c. la Bulgaria, n. 5126/05, § 85 2 ottobre 2012; e Harakchiev e Tolumov c. la Bulgaria, N. 15018/11 e 61199/12, § 289 8 luglio 2014), e costituisce i motivi per non assegnare qualsiasi costa al Sig. Bonev ed il Sig. Radev in riguardo delle azioni di reclamo rese nella loro veste personale. Inoltre, poiché le azioni di reclamo resero in favore della banca fu esaminato all'istanza del Sig. Bonev, nella sua veste come azionista di maggioranza in sé (veda divide in paragrafi 91 e 92 sopra), i costi riferibile a quelle azioni di reclamo può essere rimborsato solamente a lui, non al Sig. Panev, il Sig. Ivanov o il Sig. Radev.
170. Conto che prende delle informazioni nella sua proprietà e le assegnazioni resero in Capitale Banca Ad (citò sopra, § 148) e Zlínsat, spol. s r.o. (citò sopra, § 109) su che furono basate le azioni di reclamo principali in questa causa, e trovando che, in prospettiva della complessità che riguarda i fatti della causa, non era irragionevole per i richiedenti per ricorrere ai servizi di due rappresentanti legali, la Corte assegna un totale di EUR 4,085.54 il Sig. Bonev, il Sig. Panev ed il Sig. Ivanov, più qualsiasi tassa che può essere a carico di loro. In linea coi chiarimenti e richieste dei richiedenti, EUR 1,000 di questa somma sarà pagato al loro secondo rappresentante legale, il Sig.ra Petkova, EUR 200 al Sig. Panev EUR 200 al Sig. Ivanov, ed il resto al Sig. Bonev.
Interesse di mora di D.
171. La Corte lo considera appropriato che il tasso di interesse di mora dovrebbe essere basato sul tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea a che dovrebbe essere aggiunto tre punti di percentuale.
PER QUESTE RAGIONI, LA CORTE, UNANIMAMENTE
1. Decide di prevedere finora la richiesta fuori del ruolo di cause in come sé concerne le venti società elencate in paragrafo 6 della sentenza;

2. Rifiuti la richiesta del Governo che la richiesta sia prevista finora fuori del ruolo di cause in come sé concerne la banca;

3. Congiunge ai meriti l'eccezione del Governo della non-esaurimento di via di ricorso nazionali in riguardo dell'azione di reclamo relativo al congelamento dei conti bancari dei Sig. Panev ed i Sig. Ivanov;

4. Dichiara le azioni di reclamo che riguardano (un) le decisioni delle autorità che perseguono in relazione alla gestione della banca, (b) la revoca della licenza della banca, (il c) l'iniquità allegato dei procedimenti nella quale la banca fu dichiarata insolvente, e (d) il congelamento dei conti bancari dei Sig. Panev ed i Sig. Ivanov ammissibile ed il resto della richiesta inammissibile;

5. Sostiene che c'è stata una violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 in relazione alle decisioni delle autorità che perseguono riguardo alla gestione della banca, e che non c'è nessun bisogno di esaminare separatamente le azioni di reclamo relative sotto Articolo 6 § 1 ed Articolo 13 della Convenzione;

6. Sostiene che c'è stata una violazione di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 in relazione alla decisione del BNB per revocare la licenza della banca;

7. Sostiene che c'è stata una violazione di Articolo 6 § 1 della Convenzione in relazione a (un) la mancanza di rappresentanza corretta degli interessi della banca nei procedimenti aperti facendo seguito al BNB serpeggiamento-su ricorso e (b) il rifiuto della Sofia Città Corte per scrutare la determinazione del BNB che la banca era insolvente;

8. Sostiene che ci sono state violazioni di Articolo 1 di Protocollo N.ro 1 ed Articolo 13 della Convenzione in relazione al congelamento dei conti bancari dei Sig. Panev ed i Sig. Ivanov e l'impossibilità per avere che misura fatto una rassegna efficacemente, e di conseguenza respinge l'eccezione del Governo della non-esaurimento di via di ricorso nazionali in che riguardo, e sostiene che non c'è nessun bisogno di esaminare l'azione di reclamo relativa sotto Articolo 6 § 1 della Convenzione;

9. Sostiene
(un) che lo Stato rispondente è pagare i richiedenti il Sig. Bonev, il Sig. Panev ed il Sig. Ivanov, in riguardo di costi e spese, entro tre mesi dalla data sulla quale la sentenza diviene definitivo in conformità con Articolo 44 § 2 della Convenzione EUR 4,085.54 (quattro mila ottanta-cinque euros e cinquanta-quattro cento), più qualsiasi tassa che può essere a carico di loro, essere convertito nella valuta dello Stato rispondente al tasso applicabile alla data di accordo; EUR 1,000 (milli euros) di questa somma sarà pagato ai richiedenti il rappresentante legale di ', il Sig.ra Petkova EUR 200 (duecento euros) al Sig. Panev, EUR 200 (duecento euros) al Sig. Ivanov, ed il resto al Sig. Bonev;
(b) che dalla scadenza dei tre mesi summenzionati sino ad accordo il semplice interesse sarà pagabile sull'importo sopra ad un tasso uguale al tasso di prestito marginale della Banca Centrale europea durante il periodo predefinito più tre punti di percentuale;

10. Respinge il resto dei richiedenti che ' chiede per la soddisfazione equa.
Fatto in inglesi, e notificò per iscritto 2 giugno 2016, facendo seguito Decidere 77 §§ 2 e 3 degli Articoli di Corte.
Claudia Westerdiek Angelika Nußberger
Cancelliere Presidente
APPENDICE
OMISSIS


 
Copyright 2007 - Risoluzione 1024x768